fbpx

Rockstar North, il team di sviluppo dietro il successo Grand Theft Auto V, nel corso delg ultimi anni avrebbe evaso tasse nel Regno Unito, nonostante l’incredibile successo del proprio videogioco. Il tutto sarebbe avvenuto utilizzando programmi fiscali e strumenti contabili particolari. 

Rockstar North

La situazione è descritta all’interno dei documenti ufficiali forniti dal governo del Regno Unito ed è evidenziata da un report rilasciato nel corso della scorsa settimana da un gruppo denominato Tax Watch. Il gruppo, famoso per aver già messo sotto la lente d’ingrandimento prima Google e poi Starbucks, si definisce come un vero gruppo investigativo e si occupa di evasione fiscale.

Rockstar Games ha sede a New York, con studi sparsi in tutto il mondo. Tuttavia, lo studio principale, Rockstar North, quello responsabile della creazione di Grand Theft Auto V, per esempio, si trova in Scozia.

Nel 2018 Rockstar North ha riportato profitti per £8.300.782, poco sopra i 10 milioni di dollari. Nonostante questo, però, nello stesso periodo non ha pagato nulla in tasse nel Regno Unito, grazie soprattutto a più di 19 milioni di sterline in credito d’imposta maturate attraverso il programma Video Game Tax Relief, per il quale proprio Rockstar è riuscita a qualificarsi nel 2016.

Questo programma, indetto direttamente dal Governo Britannico, era stato pensato per aiutare l’industria videoludica britannica. Un modo per cercare di dare una spinta a tutto il sistema, a patto che all’interno dell’azienda si trovasse personale proveniente dal Regno Unito, motivo per il quale Rockstar North ha potuto prenderne parte.

“Una situazione assurda”

Il gruppo Tax Watch ha parlato di una “situazione assurda“. Il programma, infatti, era stato pensato per aiutare i piccoli sviluppatori e non una delle più grandi case produttrici del mondo. Interessante, poi, sempre secondo Tax Watch, il fatto che a livello contabile GTA risulti come attività poco redditizia per Rockstar North. La maggior parte delle entrate riguardati il gioco, infatti, vengono rivendicate da Take-Two. Una situazione “particolare”, considerando che la quasi totalità del gioco viene realizzata da Rockstar North.

“A quanto pare, per Take-Two, sembra ragionevole che quasi il 100% dei profitti derivanti da GTA finiscano direttamente negli Stati Uniti, mentre quasi nulla ritorni alle aziende nel Regno Unito responsabili della creazione effettiva del videogicoo. Non riteniamo che questa ripartizione degli utili possa essere giustificata in base al cosiddetto principio di piena concorrenza previsto dal diritto tributario internazionale.” Queste le parole, in conclusione, di Tax Watch. 

Una situazione, complessa, insomma, che sicuramente farà discutere ancora a lungo.


What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Francesco Proto

author-publish-post-icon
Scrivo, leggo e ascolto cose. Volevo fare il pilota.