!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
sicurezza scuola digitale avira

I pericoli nascosti dietro le classi virtuali
Avira spiega i problemi di sicurezza posti dall'insegnamento a distanza


Con il lockdown tutta Italia si è trovata costretta a scoprire il mondo dello smart working e dell’insegnamento a distanza. Questo è stato un passaggio fondamentale per non interrompere le attività didattiche, ma pone alcuni rischi per la privacy e non solo. La scuola digitale può essere sicuramente utile, ma è necessario prendere le giuste precauzioni di sicurezza per poterla implementare davvero. Avira ha fatto un ritratto della situazione offrendo qualche consiglio.

Sicurezza a scuola, anche se è virtuale

Il passaggio all’elearning è stato, per ragioni di necessità, improvviso e brusco. Insegnanti e scuole di tutta Italia hanno dovuto rapidamente organizzarsi e scegliere le diverse strumentazioni adatte a proseguire l’attività. Questo ha significato un discreto disordine, in particolare nelle applicazioni da utilizzare. Si calcola che ogni studenti si sia trovato a dover gestire circa quattro software differenti tra videoconferenze e chat per poter continuare a studiare.

L’utilizzo di prodotti differenti apre a maggiori rischi in termini di sicurezza e privacy. È importante, sebbene non sempre semplice, tenersi aggiornati su eventuali falle o problemi di altro tipo in questi software, seguendo testate di settore o controllando i social network.

È inoltre chiave aggiornare costantemente i software, per installare eventuali patch di sicurezza che proteggano gli utenti. Dove disponibile, vale la pena anche di installare i programmi per l’aggiornamento automatico. In questo modo si può essere sicuri di avere sempre l’ultima versione del prodotto.

Queste non sono preoccupazioni ipotetiche, ma hanno già avuto riscontri reali. Il successo di Zoom nel pieno della crisi sanitaria ha ad esempio messo in luce alcuni problemi di sicurezza del software. Questo ha portato al cosiddetto zoombombing, con persone che sfruttavano le falle per introdursi nelle conversazioni e disturbando gli utenti. Ora, il problema è tendenzialmente rientrato, ma il ricordo resta un monito importante.

La sicurezza online è importante e questo vale ancora di più quando si parla di scuola. E voi, avete prestato la giusta attenzione?

ieGeek Webcam per PC con Microfono, Full HD 1080P...
  • 📷 WEBCAM FHD 1080P CON ANGOLO DI VISTA A 110 GRADI > > > Questa webcam è dotata di risoluzione 1080P e angolo di...
  • 💬 MICROFONO STEREO INTEGRATO E CANCELLAZIONE DEL RUMORE > > > Webcam per pc il microfono stereo incorporato offre una...
  • 🌙 COLLEGARE E GIOCARE, BASE A 360 GRADI ROTABILE > > > Questa webcam con microfono è compatibile con USB 3.0, plug...

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link