!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Sony ZV-1

La recensione di Sony ZV-1. (Quasi) Perfetta per i vlog
Sony ha creato una fotocamera pensata prima di tutto per i content creator ma è davvero la scelta migliore?


Sony ZV-1 recensione

La Sony ZV-1 è una vlog camera. Non è un segreto. Anzi, è così che Sony ha deciso di pubblicizzarla, dichiarando fin da subito il target di questo prodotto: ZV-1 nasce per i content creator, per i vlogger e gli YouTuber ed è ottimizzata per le riprese video in solitaria.

Facciamo però un passo indietro. Sony ZV-1 è una fotocamera compatta con un’ottica zoom motorizzata che si estende all’accensione; è dotata del sensore CMOS Exmor RS da 20.1 megapixel, di un obiettivo Zeiss 24-70mm, f/1.8-2.8 e del processore Bionz X, lo stesso che troviamo sulle fotocamere nipponiche di fascia alta. 

Questa però è solo la teoria. Vi raccontiamo come si è comportata nella pratica.

La video-recensione di Sony ZV-1

Cosa ci è piaciuto

Non vogliamo ammorbarvi con una lunghissima recensione ma, a fronte di utilizzo piuttosto intenso, abbiamo pensato di raccontarvi cosa ci è piaciuto e cosa invece non ci ha entusiasmati di questa Sony ZV-1.

Partiamo dai pro e, soprattutto, dal formato. Sony ZV-1 è compatta, ergonomica e con un profilo gommato che facilita la presa. Non avrete quindi difficoltà a tenerla in mano, anche se vi suggeriamo di associarla ad un treppiedi o al suo grip dedicato, principalmente per comodità. Gestire tutto come se fosse un piccolo scettro vi semplificherà davvero la vita.

Sony ZV-1 recensione designSono poi comodissimi i tasti, rivisitati per offrire un’esperienza d’utilizzo ancora più immediata. Abbiamo così un tasto di accensione piccolo ma dotato di un minuscolo LED che vi ricorda quando è accesa, il pulsante dedicato alla registrazione è più grande del solito e cerchiato di rosso e non c’è alcuna ghiera per il cambio di modalità: tutto viene fatto tramite l’apposito tasto e il display touchscreen.
Compaiono poi un secondo LED, rosso per ricordarvi quando siete in REC, ed un pulsante dedicato allo sfocato, che viene attivato in maniera automatica per velocizzare l’operazione. Non si tratta però di un’elaborazione software: è la fotocamera che apre automaticamente il diaframma per sfocare ciò che si trova dietro al soggetto.
Basta un click anche per attivare la priorità di messa a fuoco sul soggetto in primo piano, una funzionalità che vi impedisce di trovarvi con qualche clip in cui è lo sfondo ad essere a fuoco.

Sony ZV-1 tastiA proposito di messa a fuoco… che bomba l’autofocus! Come avviene per altre fotocamere nipponiche abbiamo l’autofocus sull’occhio che aggancia il soggetto in maniera perfetta e continua a seguirlo in maniera impeccabile anche quando si muove.  Abbiamo usato Sony ZV-1 per settimane e non l’abbiamo mai vista esitare un secondo e, credeteci, è una vera manna dal cielo quando hai pochi minuti – o addirittura secondi – per realizzare un contenuto video. Questo ovviamente vale anche per gli automatismi che vi consentono di registrare senza dover impostare la macchina fotografica. ZV-1 fa tutto il lavoro per voi garantendo un’immediatezza davvero unica nel suo genere.

Per i più vanitosi c’è anche l’effetto bellezza. Non è niente di invasivo o estremamente artificiale. Solo quel tanto che basta a rendervi più attraenti anche dopo aver riposato poco o esservi truccati il minimo indispensabile.

Sony ZV-1 displayTra i pro inseriamo anche il display LCD TFT da 3 pollici che viene sbandierato lateralmente e che può ruotare di 270°. Un alleato perfetto per i vlog ma anche per riprese dal basso e dall’alto, così non dovrete essere voi ad adottare strane posizioni per controllare quello che state riprendendo o fotografando.

Ci è piaciuta poi la stabilizzazione con il classico SteadyShot di Sony che prevede una componente ottica ed una elettronica. Sappiate però che non fa miracoli: se dovete solo camminare con la fotocamera in mano otterrete risultati soddisfacenti ma con movimenti più rapidi, come una corsa, i video risulteranno piuttosto inutilizzabili. Per queste casi è sempre meglio una buona action cam o un vero stabilizzatore.

Arriviamo infine all’audio con la ZV-1 che offre ben 3 microfoni direzionali che si adattano alla nostra posizione. Quando giriamo lo schermo infatti viene riconosciuto l’orientamento della fotocamera e del soggetto e sopprime i rumori che arrivano dalla direzione opposta. Una bella comodità quando vi auto-riprendete che si unisce all’efficacia del dead cat incluso nella confezione.
Tutto questo vi permette di avere un audio buono seppur distante da quanto possano offrirvi i microfoni esterni. Il nostro consiglio quindi è quello di abbinare la fotocamera ad un piccolo shotgun che possa aumentare il volume e la chiarezza del sonoro presente nei vostri filmati.

Offerta
Sony Vlog Camera ZV-1 - Fotocamera Digitale con schermo LCD...
  • ZV-1 è stata progettata per il vlogging, è dotata di schermo LCD orientabile, segnale luminoso di ripresa per selfie,...
  • Fotocamera premium, con effetto Soft Skin, tonalità della pelle naturale e luminosità ottimizzata per la ripresa dei...
  • Registrazione audio ad alta qualità grazie al microfono direzionale a 3 capsule e alla copertuta antivento fornita...

Esperto di fotografiaDa un punto di vista fotografico la vlog camera di Sony si comporta molto bene. Non è un mistero infatti che questo modello sia una diretta derivazione di RX100, la famiglia di compatte Sony tanto apprezzate dai fotografi. In particolare eredita il sensore da 20,1MP e le più moderne modalità automatiche da RX100 VII, ma l’ottica da RX100 V. In sostanza ci ritroviamo con una fotocamera con l’autofocus eccellente di RX100 VII, ma con l’ottica più luminosa e filtro ND di RX100 V.

La domanda che sorge spontanea è come sia possibile dunque che costi 500 euro meno di RX100 VII. Semplice, mancano alcune caratteristiche tipicamente fotografiche. Sto parlando ad esempio del mirino elettronico, dell’anello per la messa a fuoco sull’obiettivo e del flash pop-up incorporato. Ma posso aggiungere anche che il corpo non è in alluminio e che lo schermo è di qualità inferiore. In questo modo si fa presto a tagliare i costi.

Ma detto questo non c’è molto da dire sulla qualità delle immagini prodotte: anche in automatico si comporta molto bene, ma se oltre a fare vlog siete anche degli appassionati di fotografia potrete intervenire su ISO, tempi, diaframmi e tutto il resto per gestire ZV-1 completamente in manuale.

Il sensore da un pollice retroilluminato garantisce ottimi risultati anche agli alti ISO (125-12.800 ISO) ma meglio non spingersi fino al limite. Lo stesso discorso sulle dimensioni del sensore si può applicare anche sulla gamma dinamica. Scattando in RAW possiamo recuperare buona parte dei dettagli sia nelle alte luci che nelle ombre. Ancora una volta meglio non esagerare, il risultati offerti non sono comunque paragonabili a fotocamere con sensore APS-C o full-frame.

In conclusione Sony ZV-1 è chiaramente orientata al mondo del vlogging, ma può sicuramente rappresentare un ottimo strumento anche in ambito fotografico. La tecnologia Sony che ha reso famosa la famiglia RX100 c’è praticamente tutta, solo ciò è una garanzia da questo punto di vista.

Cosa potevano migliorare

Sony ZV-1 difettiLa vlog camera giapponese ci è davvero piaciuta. Usarla è un vero piacere, sia per la rapidità con cui possiamo creare contenuti sia per la qualità dei filmati. Questo però non la rende priva di difetti.
Il telaio, ad esempio, è interamente in plastica e manca un po’ di solidità. Certo, ci guadagnate in leggerezza ma non sembra particolarmente resistente agli urti.
Abbiamo poi il foro filettato del treppiedi situato nel posto sbagliato. Rispetto ad altre fotocamere infatti è più decentrato e troppo vicino al vano batteria. Il risultato? Una volta inserito il treppiedi non potrete togliere la batteria o la scheda SD. Per farlo dovrete necessariamente smontare l’eventuale grip.
Questo ci porta all’ultimo e più importante contro di Sony ZV-1: l’autonomia. I suoi 1240 mAh garantiscono al massimo un’ora di utilizzo, decisamente insufficiente a coprire un’intera giornata di riprese. Certo, potete ricaricarla con un power bank ma probabilmente sarete più tranquilli acquistando una seconda batteria.

Ah, dimenticavamo. Non c’è il mirino oculare che per noi non rappresenta un vero difetto. Certo, poteva essere utile per rivedere il girato sotto il sole, quando il display diventa meno efficace, ma tutto sommato è possibile farne a meno.

Sony ZV-1 recensione: acquistarla oppure no?

Il costo non è certo contenuto. Per portarvi a casa Sony ZV-1 dovete spendere 800 euro e no, non sono pochi. L’investimento è importante ma è assolutamente adeguato a quanto offre il prodotto. Non è per tutti, è evidente, ma se siete content creator vi piacerà moltissimo: tutto è semplice, rapido e di qualità. Non avete bisogno di conoscenze fotografiche, non dovete studiarvi un manuale super complesso e non dovete mai perdere tempo. Le clip sono luminose, l’incarnato ha una resa davvero perfetta, l’effetto bellezza è un salva vita e la resa dei colori è più che soddisfacente. Insomma, se il vlog è parte del vostro lavoro amerete ZV-1.

Offerta
Sony Vlog Camera ZV-1 - Fotocamera Digitale con schermo LCD...
  • ZV-1 è stata progettata per il vlogging, è dotata di schermo LCD orientabile, segnale luminoso di ripresa per selfie,...
  • Fotocamera premium, con effetto Soft Skin, tonalità della pelle naturale e luminosità ottimizzata per la ripresa dei...
  • Registrazione audio ad alta qualità grazie al microfono direzionale a 3 capsule e alla copertuta antivento fornita...

Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link