fbpx
MobileTech

TCL 20L e 20L+: la democratizzazione tecnologica che punta su display e fotocamera

Perché scegliere TCL 20L e 20L+? Cosa offrono in più?

TCL 20L e 20L+ sono entrati nella Serie 20 ad aprile, andando ad arricchire una famiglia che oggi abbraccia tutte le possibili esigenze dei clienti. La gamma 2020-2021 di TCL infatti è studiata per coprire ogni genere di necessità, con prodotti che puntano su display premium, un buon comparto fotografico ed una batteria di lunga durata.
Tutti elementi che ritroviamo anche negli ultimi arrivati. Ma cosa offrono esattamente questi due smartphone?

TCL 20L: display da top di gamma e due giorni di autonomia

Un display premium su uno smartphone più che conveniente. Se dovessimo riassumere in una manciata di parole TCL 20L useremmo questa frase. Questo terminale infatti si presenta con uno schermo da 6,67” con risoluzione FullHD+ e un rapporto schermo/corpo del 91%. Insomma, c’è spazio da vendere ma soprattutto c’è tanta qualità. In primis troviamo la tecnologia di visualizzazione a polarizzazione circolare certificata da TÜV Rheinland, affiancata da NXTVISION, il sistema di TCL per il miglioramento dei contenuti. TCL 20L permette così agli utenti di migliorare in modo automatico contrasto, nitidezza e dettagli nelle scene buie, di ottenere il massimo dai video e giochi con una visualizzazione di qualità HDR e di selezionare la modalità colore e temperatura scegliendo tra vivido, naturale e avanzata.

Questo naturalmente non significa che il display sia l’unico elemento a favore di questo smartphone. TCL 20L può contare su un processore Qualcomm Snapdragon 662 con GPU Adreno 610 e 4 GB di RAM. Una combinazione che garantisce buone prestazioni per qualsiasi genere di attività, incluso un po’ di gaming.  A disposizione avete poi 128 GB di memoria interna, espandibile all’occorrenza tramite microSD fino a 1TB.

Capientissima la batteria: con i suoi 5.000mAh riesce a coprire quasi due giorni di utilizzo standard mentre gli utenti più esigenti, abituati ad un uso intensivo del terminale, non dovranno preoccuparsi di arrivare a fine giornata.

Non dimentichiamo la fotocamera. O meglio, le fotocamere. TCL 20L è dotato di quattro sensori posteriori, con il principale da ben 48 megapixel coadiuvato dall’intelligenza artificiale che riconosce ed esalta automaticamente i soggetti. In aggiunta abbiamo uno zoom 2X, che sfrutta il pixel-binning per preservare i dettagli, una fotocamera grandangolare da 8 megapixel, una macro da 2 megapixel e un sensore dedicato alla profondità. Sulla parte frontale invece troviamo una fotocamera da 16 megapixel che potete sfruttare per i vostri selfie.

Terminiamo la panoramica segnalando che TCL 20L è disponibile in due colorazioni: Luna Blue e Eclipse Black.

TCL 20L+: il “plus” è la fotocamera

TCL 20L+ vanta un paio di interessanti upgrade rispetto al fratellino minore. Il primo riguarda l’hardware di questo smartphone che presenta lo stesso processore del 20L ma con 6 GB di RAM e 256 GB di memoria interna. Questo gli permette di gestire ancora meglio i compiti più gravosi, inclusa qualche gara a tutta velocità con Asphalt 9.

La vera differenza però la fa il comparto fotografico. Questa volta infatti la quadrupla fotocamera posteriore è così composta:

  • un sensore principale da 64 megapixel;
  • un grandangolare da 8 megapixel con campo visivo di 118°;
  • una macro da 2 megapixel;
  • una sensore di profondità da 2 megapixel.

Ma alla pratica come si comporta? TCL 20L+ è veloce nel passare da una modalità all’altra, aspetto utile quando la scena davanti a noi cambia repentinamente. Possiamo contare su un dispositivo molto reattivo, sia per attivare una delle modalità che troviamo nel menu Altro (Pixel elevati, Super Macro, Lunga Esposizione, ecc) sia per le operazioni di zoom. Un pizzico sullo schermo e potremo avvicinarci o allontanarci dal nostro soggetto.

La modalità Auto offre una buona definizione e una buona gestione della luce, basta fare attenzione a non scattare in luce diretta perché potrebbero apparire dei riflessi fastidiosi. Nel complesso però i risultati sono caratterizzati da colori brillanti.

La camera grandangolare è priva di distorsioni e su uno smartphone questo è già un punto di partenza da non sottovalutare. Rispetto alla fotocamera principale c’è però meno precisione nella riproduzione dei dettagli più fini.

Un altro aspetto da non sottovalutare è la possibilità di sfruttare la modalità PRO, attraverso la quale gestire tutti i parametri di scatto.

Tra le varie funzionalità del menu Altro, quella Super Macro è interessante, soprattutto per la possibilità di avvicinarsi molto ai soggetti. Anche se la risoluzione non è elevata i risultati non deluderanno.

Rispetto al fratellino minore poi TCL 20L+ produce scatti caratterizzati da una gamma dinamica più espansa. Questo si traduce in più sfumature di colore e contrasto equilibrato per risultati nel complesso più fedeli alla realtà.

TCL 20L e 20L+: perché sceglierli?

TCL 20L e 20L+ sono figli di due importanti obiettivi:

  1. offrire agli utenti un prodotto solido e, soprattutto, completo.
  2. democratizzare la tecnologia per offrire ottimi prodotti a prezzi molto competitivi.

TCL qui raggiunge sicuramente il suo intento, proponendo due smartphone che vanno a soddisfare utenti diversi. Da un lato abbiamo il 20L, adatto a coloro che cercano un dispositivo dalla grande autonomia e con un display che permette di godersi al meglio ogni genere di contenuto, pur rimanendo su una fascia di prezzo conveniente. Dall’altro troviamo il 20L+ che, oltre a tutto questo, offre anche una fotocamera di buon livello così da non rinunciare davvero a nulla.
Se siete alla ricerca di un buono smartphone con performance ottime e allo stesso tempo che si posizioni su un prezzo conveniente, questi modelli di TCL potrebbero proprio fare al caso vostro. I prezzi? TCL 20L è in vendita a 199,90 € mentre l 20L+ è disponibile a 299,90 €.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button