fbpx

Si ritorna a Skyrim con The Elder Scrolls Online
Abbiamo giocato a Greymoor, la nuova espansione di The Elder Scrolls Online, ecco cosa ne pensiamo:


La nostra recensione di Greymoor, la nuova espansione di The Elder Scrolls Online che ci riporta nelle gelide terre di Skyrim. Il MMORPG (Gioco di ruolo online di massa) di Bethesda e Zenimax Online Studios si arricchisce con la terra dei nord, particolarmente apprezzata dai giocatori della saga per il quinto capitolo di The Elder Scrolls.

Dopo aver giocato alla missione introduttiva ed esserci addentrati nel dungeon di Harrowstorm, ci siamo finalmente trasferiti a Skyrim per scoprire quali misteri interessano questa regione di Tamriel.

The Elder Scrolls Online Greymoor recensione

Dopo gli avvenimenti del livello introduttivo, disponibile gratuitamente per tutti i giocatori, il nostro eroe si addentra nel cuore di Skyrim insieme a Lyris Titanborn. La gigantessa della razza dei nord ci guiderà in una Skyrim divisa da conflitti interni e lotte di potere che interesseranno questa regione per molti, molti anni. Come se non bastasse, una congregazione di streghe e vampiri sta architettando un oscuro complotto evocando tempeste di magia nera. Sfruttando la debolezza politica e i tumulti interni, un esercito di vampiri tenterà di scuotere le fondamenta del regno intenzionati a prendere molto più che il sangue dei suoi abitanti.

La trama del gioco, che non vogliamo raccontarvi, si caratterizza per un’intricata serie di quest principali che ci porteranno ad esplorare l’intera regione di Skyrim. Da Solitude, la capitale della regione, alla sepolta città di Blackreach, avremo il compito di trovare il covo dei vampiri e stanare i loro piani una volta per tutte. Completano l’espansione una serie di quest secondarie che, al di là delle missioni puramente riempitive (senza un vero e proprio impatto sulla trama), arricchiscono il folklore della regione contribuendo al suo fascino e al coinvolgimento dei giocatori.

La bellezza di Skyrim

La protagonista indiscussa di questa espansione è ovviamente Skyrim che giocherà un fattore nostalgia notevole nel cuore di tutti gli appassionati della saga. Sarà impossibile non ripercorrere le stesse strade di The Elder Scroll V: Skyrim e non farsi scaldare dai ricordi di uno degli RPG più apprezzati dell’ultimo decennio. Il Team di Zenimax Online Studios ha saputo cogliere appieno l’essenza della terra dei nord ed è riuscito a riproporci lo stesso fascino senza scimmiottare la Skyrim della serie principale. Ricordiamo infatti che le vicende di TESO (The Elder Scrolls Online), si svolgono circa 1000 anni prima quelle di TES V: Skyrim. Nonostante gli anni, questa regione non è però cambiata molto così come i suoi abitanti. La testardaggine e l’orgoglio dei nord torna ad essere uno dei temi centrali che li porterà a farsi la guerra tra di loro e ignorare il “vero pericolo”.

Il resto delle ambientazioni mostra la stessa attenzione del team di sviluppo in particolare la città di Blackreachgià apparsa brevemente nella quest introduttiva, e le paludi di Morthar.

The Elder Scrolls Online: Greymoor Physical Collector’s...
  • Esplora la regione innevata di Skyrim occidentale e affronta un antico esercito di Vampiri nella gotica avventura...
  • Richiede the Elder Scrolls online, venduto separatamente.

Antiquities e tempeste

Oltre ad una nuova regione e parecchie ore di gioco (12-15), Greymoor introduce anche nuove meccaniche, ovvero le Antiquities e le tempeste magiche chiamate Harrowstorm. Il sistema delle Antiquities consente di esaminare alcune aree alla ricerca di reliquie e tesori nascosti in giro per tutta Tamriel. Attraverso questo sistema è possibile guadagnare premi interessanti come oggetti da collezione, arredi e tesori nascosti. Non mancano elementi che arricchiscono ancora di più i segreti e la lore dell’affascinante mondo di The Elder Scrolls.

Per iniziare la propria carriera di cacciatori di tesori, bisognerà visitare l’Antiquarians Circle a Solitude e parlare con Verita Numida. Quest’ultima vi darà il cosiddetto Antiquarian’s Eye che vi permetterà, dopo aver svolto un breve tutorial, di scovare le antichità in praticamente tutte le regioni. A questo sistema si aggiunge anche un ramo di abilità dedicato che vi aiuterà a trovare i bottini più velocemente o vi guideranno verso quelli più ambiti. Ovviamente, alcune regioni come Elsweyr o Morrowind, avranno bisogno del rispettivo DLC per poter essere esplorate.

Le Harrowstorm, invece, sono gli eventi pubblici di Greymoor dedicati a tutti i giocatori (il corrispettivo della caccia ai Draghi in Elsweyr). Sono missioni pubbliche in cui un gran numero di giocatori si unisce insieme per eliminare qualsiasi minaccia si presenti nell’area e ottenere validissime ricompense. Tra le novità introdotte che meritano particolare attenzione, troviamo il nuovo Trial Kyne’s Aegis in cui 12 giocatori si uniscono per sfidare orde di nemici e tre boss molto potenti che garantiranno un grado di sfida eccezionale come difficilmente si era visto in The Elder Scrolls Online.

Più narrazione che altro

Le novità introdotte in Greymoor purtroppo terminano qui. Salvo alcuni cambiamenti alla linea di abilità del vampirismo, il gioco non introduce ulteriori novità. L’assenza di una nuova classe o di modifiche e novità al gameplay si sono fatte sentire e la rendono una delle espansioni meno impattanti sotto questo punto di vista. È vero però che la software house ha voluto prestare più attenzione alla narrazione e alle ambientazioni realizzate nel migliore dei modi.

The Elder Scrolls Online Greymoor recensione: in conclusione

Essendo Greymoor l’espansione più corpose di quest’anno, alla quale ne seguiranno altre due più compatte nel corso dell’anno, ci aspettavamo forse un maggior numero di contenuti e novità. Da grandi appassionati della saga, siamo rimasti però stregati dal fascino di Skyrim e ritornare a percorrere le sue innevate colline e le sue città è stata una grande emozione.  La storia e la scelta di coinvolgere i vampiri, le streghe e i lupi mannari, ha dato un tono molto dark al DLC che si mescola benissimo con il paesaggio e il clima di questa regione.

Se siete alla ricerca di novità e innovazioni sulla giocabilità, Greymoor potrebbe deludervi un po’ offrendovi in cambio un glorioso ritorno nella terra di Skyrim.

The Elder Scrolls Online Greymoor

Pro Pros Icon
  • Le ambientazioni di Skyrim sono proprio come le ricordavamo
  • Una trama intrigante e ben realizzata...
Contro Cons Icon
  • ...che poteva durare di più
  • Nessun cambiamento o novità importante sulle meccaniche di gioco

Daniele Cicarelli

author-publish-post-icon
Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link