fbpx
tiktok wechat USA trump

Gli USA spostano la data del ban di TikTok al 4 dicembre
Dopo settimane di silenzio, il Tesoro americano dà all'azienda qualche altro giorno per trovare un compratore


Il ban di TikTok negli Stati Uniti non è ancora venuto: il Tesoro americano ha spostato la scadenza del suo ultimatum al 4 dicembre di quest’anno. Dopo le preoccupazioni per la sicurezza nazionale sollevate quest’estate dall’amministrazione Trump (smentite dal social), era stato dato un ultimatum di 45 giorni. Poi spostato all’11 di novembre di novembre quando sembrava che TikTok avesse trovato un compratore americano.

Nell’ultimo mese però il governo USA non aveva più dato notizie a TikTok. Tanto da fare credere che il Tesoro americano si fosse dimenticato del social di ByteDance. In risposta alle proteste di TikTok, gli Stati Uniti hanno spostato il ban al 27 novembre. Oggi però, alla vigilia dell’ennesima scadenza, Bloomberg e Reauters riportano che è stata decisa la nuova data del 4 dicembre. tiktok ban trump

Il ban di TikTok è un’epopea che sta per finire (?)

Un portavoce del dipartimento del Tesoro ha comunicato alla rivista Bloomberg che lo slittamento serve al CFIUS per controllare i documenti presentati da TikTok. Il CFIUS è il Committee on Foreign Investment degli Stati Uniti, che ha il compito di controllare gli investimenti stranieri. Sembra quindi che i documenti cui si fa riferimento facciano parte della cessione delle attività americane del social a un’azienda con sede negli USA.

Nel frattempo, TikTok contesta il ban anche sul piano legale. In molte sedi negli Stati Uniti, sfruttando la vastità del sistema giudiziario americano, che riconosce sia il livello federale che quello statale. Quindi un ban da parte del governo centrale potrebbe essere contestato dai giudici di uno dei cinquanta Stati, mettendo nuovamente in pausa il processo.

Ci sono poi le proteste di molti influencer americani sulla piattaforma, che temono cambiamenti al social. L’obiettivo delle proteste sembra di allungare la scadenza fino al 20 di gennaio 2021, all’insediamento dell’amministrazione Biden. In un modo o nell’altro, la fine di questa vicenda si avvicina. Uno slittamento alla volta.

Novità Apple iPhone 12 mini (128GB) - (PRODUCT)RED
  • Display Super Retina XDR da 5,4"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.