fbpx
NewsTech

Twitter sarà più selettivo nella verifica degli utenti per la spunta blu

Twitter mette in pausa il sistema per migliorarlo

Twitter ha messo momentaneamente in pausa il sistema di verifica degli utenti per l’ottenimento della spunta blu, e una volta applicate le modifiche desiderate sarà più selettivo. L’intervento è legato anche all’errata verifica da parte del precedente sistema di account che si sono rivelati dei fake. In ogni caso questi ultimi sono poi stati eliminati definitivamente.

D’ora in poi il processo di verifica degli account, necessario per guadagnarsi la famigerata spunta blu, sarà più attento. Il team del social network ha deciso di fermare momentaneamente la procedura, per migliorare il processo di verifica e renderlo più attendibile ed efficace.

L’importanza del sistema di verifica degli utenti di Twitter

Coloro che avevano presentato la candidatura ed erano in attesa del verdetto, purtroppo, riscontreranno tempi di attesa più lunghi del previsto a causa di questa novità. In un social network come Twitter, che da sempre si è distinto per la presenza e la comunicazione da parte di personaggi pubblici, la spunta blu è una caratteristica fondamentale.

Se degli account non adatti ricevono la certificazione, il danno d’immagine per l’intera piattaforma è chiaro. E’ necessario che il processo sia affidabile, perché tutti gli utenti si fidino dell’identità degli account verificati. E’ quindi normale che Twitter stia dando così tanta importanza a questo aspetto.

Twitter App Scroll

Un portavoce di Twitter, in merito alla verifica di account fasulli, aveva dichiarato che il numero di utenti fake in questione era basso, e che sono stati comunque già sospesi permanentemente dalla piattaforma.

Cosa sappiamo al momento

Purtroppo, al momento Twitter non ha ancora spiegato in modo chiaro quali cambiamenti metterà in atto per il processo di verifica per l’ottenimento della spunta blu. Non ha neppure fornito informazioni sulle tempistiche, per cui chi è in coda ora per l’approvazione potrebbe dover aspettare un po’ di tempo prima di ricevere una risposta.

Via
techradar

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button