fbpx
Folding Samsung Galaxy Fold

Samsung Galaxy Fold vs Robot: un nuovo video ci mostra i test di piegatura di Samsung


Mentre Huawei è stata tutt’altro che timida nel mostrare il suo Huawei Mate X (noi di Tech Princess siamo addirittura riusciti a giocarci un po’), nessuno ha ancora messo mano al foldable di Samsung, ovvero Samsung Galaxy Fold. Nessuno, a parte ingegneri, dipendenti e a quanto pare dei robot per stress test: in un nuovo video, infatti, l’azienda sud-coreana ci mostra il tipo di ‘esami’ al quale è sottoposta questa nuova tipologia di smartphone per assicurarsi che lo schermo si apra e si chiuda a dovere.

L’apri-e-chiudi ipnotico di Samsung Galaxy Fold

Questo nuovo video è innanzitutto affascinante di per sè: il movimento sincronizzato di sei smartphone pieghevoli, aperti e chiusi da una macchina, è sicuramente qualcosa di particolare. Il suo scopo, però, non è solo ‘estetico’: serve infatti a convincerci della solidità di questi nuovi display flessibili. Già in passato, in seguito allo scandalo legato al Note 7Samsung si era particolarmente impegnata del dimostrare l’affidabilità e la rigidità dei suoi sistemi di test per le batterie.

GIF Galaxy Fold

Ora, un po’ preventivamente, ma anche comprensibilmente, visto la novità legata a questa tecnologia, vuole rassicurarci riguardo alla durabilità di questo costosissimo dispositivo. L’azienda parla di più di “200’000 aperture e chiusure” (più di 5 anni ad un ritmo di 100 volte al giorno), ma anche i clienti più fiduciosi ci penseranno due volte, senza prove convincenti, a spendere 1980$ per questo smartphone.

Il dispositivo uscirà ufficialmente il 26 aprile, e per allora, se non prima, speriamo di poterci mettere sopra le mani e potervi dire la nostra a riguardo. Per ora, però, possiamo accontentarci solo di questo (e delle relative GIF).

[amazon_link asins=’B07G4D47P3,B079XF85SP,B07DL8WYND’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d71145ac-6e05-4ec5-b0af-26760c580019′]

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione e alla divulgazione. Estremamente curioso e interessato a quasi tutto: scienza, tecnologia, società, ma anche fumetti, podcast, internet culture e videogiochi.