fbpx

Nel corso di questi giorni, Sony ha annunciato l’arrivo di Reon Pocket. Questo piccolo dispositivo potrebbe rappresentare una innovazione clamorosa nell’ambito wearable e non solo. Reon Pocket, infatti, è un piccolo condizionatore portatile e indossabile. Disegnato, infatti, per essere posto sul retro di una t-shit, questo piccolo dispositivo permetterà di raffreddarci durante l’estate e, addirittura, riscaldarci in inverno.

Reon Pocket

La data di arrivo è prevista per marzo 2020, quindi, putroppo, un po’ tardi per questa estate così calda. Nonostante questo, comunque, questo dispositivo può rappresentare una novità fondamentale in ambito tecnologico, considerando il problema del surriscaldamento globale, che ci porta ad avere periodi di caldo davvero intensi. Talvolta difficili da sostenere.

Reon Pocket funziona utilizzando l‘effetto Peltier. In pratica: “una corrente elettrica che scorre tra due metalli o semiconduttori differenti posti in contatto (giunzione Peltier) produce un trasferimento di calore.” Wikipedia. 

A livello pratico, quindi, questo piccolo dispositivo permetterà di assorbire calore o rilasciarlo. Reon Pocket verrà controllato e gestito tramite app e, secondo Sony, permetterà di ridurre o aumentare la temperatura, rispettivamente di 12 o 8 gradi Celsius.

Nonostante questo oggetto possa sembrare assolutamente nuovo e futuristico, Sony non è la prima azienda ad aver progettato un AC indossabile. Nel corso del CES 2018, ad esempio, Embr Wave, aveva presentato un dispositivo simile. L’obiettivo era riscaldare il corpo durante sessioni di sci o snowboard. La differenza principale, tutta a vantaggio di Reon Pocket, però, sta nella dimensione. Molto inferiore per il prodotto di Sony.

Per quanto riguarda l’uscita, come già detto si parla di marzo 2020. Al momento l’annuncio riguarda solo il Giappone, e non è dato sapere se arriverà in Europa e in Italia. Il prezzo, comunque, sarà di ¥12,760: poco più di 100 euro.


Francesco Proto

author-publish-post-icon
Scrivo, leggo e ascolto cose. Volevo fare il pilota.