fbpx
LifestyleNews

Anche Adidas approda nel metaverso

POAP, la piattaforma digitale con cui Adidas punta al metaverso

Moda e metaverso sembrano essere oramai irrimediabilmente legati tra loro. Dopo Nike, ora anche Adidas approda nel mondo virtuale. Ma lo fa in un modo del tutto unico ed originale. Il noto brand, infatti, ha indirizzato i membri di “Confirmed” – un’App per drop e contenuti esclusivi – a POAP (Proof of Attendance Protocol), una piattaforma che gli organizzatori di eventi possono utilizzare per distribuire criptovalute, essenzialmente token digitali unici, ai partecipanti. Andiamo allora a scoprire di cosa si tratta nel dettaglio.

Adidas entra nel metaverso con il progetto “POAP”

Per tutti coloro che sono alla ricerca di nuovi scenari in cui le possibilità sono illimitate, vi invitiamo ad unirvi a noi nel viaggio verso il Metaverso“. Così Adidad dà il benvenuto agli appassionati del brand che approdano sulla nuova piattaforma POAP, dove ognuno può rivendicare il proprio token digitale. “Questo oggetto da collezione digitale è il nostro modo di ricompensarvi per aver seguito la vostra curiosità…questo token dimostra che eravate qui dall’inizio di questo viaggio. Tenetelo al sicuro: potrebbe tornare utile“.

Per il momento, però, non ci è chiaro come questo token digitale possa effettivamente tornare utile. Anche se possiamo ipotizzare che in un secondo momento gli utenti possano avere la possibilità di riscattarlo con un prodotto fisico. Insomma, è tutto piuttosto misterioso. Anche il fatto stesso che Adidas abbia firmato il suo messaggio criptico con “WAGMI“, abbreviazione di “Ce la faremo tutti”, slang usato dai trader di criptovalute come reazione positiva alle buone notizie relative alle loro partecipazioni. In ogni caso, se siete riusciti ad entrare in possesso di un token digitale, tenetevelo stretto. Potrebbe essere la vostra chiave d’accesso al metaverso Adidas.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button