fbpx

Il nome di un prodotto tecnologico può creare un trend inverso nella vita di tutti i giorni? Assolutamente si, e questa é l’ennesima dimostrazione. Secondo uno studio dell’Ufficio Nazionale di Statistica del Regno Unito (ONS), pare che “Alexa” sia un nome sempre meno utilizzato per i figli a causa di possibili ed eventuali attivazioni involontarie dell’assistente di Amazon.

Alexa sempre meno utilizzato: ecco perché

Soggiorni, camere, stanze varie, uffici, sale riunioni, studi fotografici e chi più ne ha più ne metta; sono sempre di più gli ambienti in cui si sta diffondendo a macchia d’olio l’assistente vocale di Amazon, che, disponibile all’interno dei dispositivi “Echo” (in varie serie diverse), può essere risvegliato chiamando il nome “Alexa” seguito da un ordine impartito.

Alexa

Non è un segreto in effetti che l’assistente di Amazon è tra i più diffusi al mondo, grazie principalmente ad una gloriosa operazione di marketing e, soprattutto, alla facilità di acquisto proprio grazie al sito di e-commerce più famoso al mondo. La varietà di dispositivi Echo fin dal lancio si è rivelata una scelta giusta, motivo per cui è possibile scegliere tra “semplici” altoparlanti oppure dispositivi con display ad alta definizione integrato. Questi sono stati alcuni dei motivi che hanno spinto gli utenti a credere nel prodotto e acquistarlo, contribuendo quindi ad una solida e rapida diffusione mondiale.

Concentrandoci però sul Regno Unito, secondo uno studio dell’ONS, pare che sempre più genitori stiano decidendo di evitare volutamente il nome “Alexa” proprio per non incombere in un’attivazione involontaria del dispositivo. “Alexa non andare lì”, “Alexa, è pronto da mangiare” “Alexa, stai attenta che lo rompi!” sono solo alcune delle tre frasi che potrebbero essere usate con una bambina e che, allo stesso tempo, potrebbero tranquillamente far attivare l’assistente vocale. Il sistema di Amazon integra infatti un ottimo riconoscimento che riesce a capire se la parola “Alexa” viene utilizzata all’interno di una frase o di un discorso fatto con qualcun altro: in quel caso infatti, l’assistente non si attiverà volutamente. Nel momento in cui però si usa proprio “Alexa” all’inizio della frase, è inevitabile l’attivazione.

Alexa

Sempre secondo questo studio dell’Ufficio di Statistica Nazionale del Regno Unito, nel 2017 il nome “Alexa” era stato dato a 301 nuove nate, mentre nel 2018 solo a 118 bambine. Allo stesso modo, pare stia aumentando la diffusione del nome “Olivia” e della versione maschile, “Oliver”.

Alexa

Fino ad oggi sicuramente risultava difficile credere che un oggetto tecnologico potesse influenzare la scelta del nome per il proprio figlio, ma effettivamente, i dati dimostrano proprio questa teoria. Se Amazon decidesse di usare la stessa “simpatia” di Netflix a livello di marketing, potrebbe commentare l’accaduto con delle campagne pubblicitarie mirate a spiegare alle persone del Regno Unito che è possibile, dalle impostazioni dell’app di Alexa, attivare l’assistente vocale anche con altre parole a scelta tra “Computer” “Echo” o “Amazon”.

Se non altro, Google può dormire sonni tranquilli sotto questo punto di vista, Apple solo in parte.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Ricky Delli Paoli

author-publish-post-icon
Parlo italiano e inglese di giorno, russo di notte. Molti mi definiscono "creativo", io rispondo che sbagliano perché sono un creatino. Fotografo, riprendo (sia come "video" sia se sbagliate qualcosa), faccio Time Lapse, metto miei filmati su YouTube e racconto cose alla gente.