fbpx
FeaturedMotori

Auto più sicure 2019: dalla scelta all’acquisto | Auto for Dummies

Ecco i modelli più sicuri tra cui scegliere. Dalle station wagon alle compatte, quanto è importante scegliere un'auto sicura

Oggi Auto for Dummies si concentra su uno dei parametri fondamentali, se non il più importante, per quanto riguarda l’acquisto di una vettura: la sicurezza. Ovviamente, in termini di crash test, le dimensioni contano anche se non sempre. Per questo motivo ci asterremo dal considerare esempi notevoli come il colosso Mercedes Classe G o la collega più sperimentale Audi e-Tron. Entrambe al vertice delle classifiche Euro NCAP, non sono certo auto comuni e difficilmente rispecchieranno, allo stesso modo di un Porsche Cayenne, la volontà di acquisto della maggior parte dei consumatori. Inizieremo ad analizzare quali sistemi di sicurezza fanno davvero la differenza per poi arrivare alle classifiche delle auto più sicure, passando ovviamente per i rigidi test Euro NCAP.

ADAS guida
credit: ansys.com

Sistemi di sicurezza attiva e passiva

Avevamo già parlato di ADAS in un precedente articolo di Auto for Dummies. Questi elementi, ormai di serie su moltissime vetture e d’obbligo entro i prossimi anni (almeno in Europa), si occupano in modo attivo della nostra sicurezza. Tra i più comuni troviamo la frenata automatica di emergenza (AEB), L’ABS ed il mantenimento di corsia attivo. Un po’ meno ovvi ma ancor più fondamentali sono gli pneumatici ed i gruppi ottici.

Tutti questi apparati si occupano attivamente della sicurezza, dei passeggeri e degli altri utenti della strada, prevenendo e limitando il rischio di incidenti. Di tutt’altra concezione sono i sistemi di sicurezza passiva i quali “si limitano” a smorzare nel miglior modo possibile tutte le conseguenze legate agli incidenti stradali. Abbiamo quindi la classica combo airbag e cinture di sicurezza, i seggiolini progettati per proteggere ulteriormente i più piccoli ed il meno intuitivo telaio.

La struttura portante di ogni veicolo svolge molteplici funzioni. In termini di sicurezza, la deformabilitá dei materiali con cui sono costruite le vetture è appositamente progettata per assorbire gli urti e le decelerazioni violente al posto degli occupanti. È proprio qui che entra in gioco la sicurezza, nella sua definizione più ancestrale, legata agli autoveicoli.

Euro NCAP

Crash test ed Euro NCAP

Se non siete in procinto di acquistare un’auto nuova e volete sapere quanto sia sicuro il vostro attuale mezzo, vi sveliamo un piccolo segreto. Andando sul sito web di Euro NCAP (European New Car Assessment Programme), alla fine del menù di navigazione vi è la dicitura “Quanto è sicura la vostra auto?”.

Selezionando marchio, modello ed anno potrete trovare tutti i dettagli in termini di “stelline”, percentuali e video di crash test nonché le valutazioni delle ultime vetture in produzione. Con il supporto dell’Unione Europea, Euro NCAP pubblica costantemente rapporti sulla sicurezza automobilistica dal 1997. A partire dal 2009 sono stati introdotti anche tutta una serie di parametri legati alla già accennata sicurezza attiva.

Nissan Micra

City-car e utilitarie più sicure

Partiamo dalle più piccole (segmento A e B), meglio conosciute come city-car. Tra le più vendute in Italia troviamo la tanto amata Fiat Panda. Una nota dolente in termini di sicurezza: la valutazione a seguito dei crash test non è così brillante ma con il modello 2019 è comunque possibile raggiungere qualche punto in più con dotazioni non di serie in aggiunta al modello base. In termini di city car c’è da dire che i progressi non sono stati tantissimi negli ultimi due anni.

Ciononostante, a partire dal 2017 troviamo modelli ancora in produzione la cui sicurezza 5 stelle risulta degna di nota. Tra le migliori troviamo la piccola Nissan Micra. Un grande successo per quanto riguarda i crash test ed i tanto amati ADAS hanno portato la valutazione al 91% in merito all’indice di protezione dei passeggeri adulti. Pochi punti sotto (95%) abbiamo la spagnola Seat Ibiza, storica utilitaria dal design ricercato ed ormai aggiornata con frenata automatica di emergenza e riconoscimento dei pedoni.

Con un buon 88% troviamo poi Suzuki Swift e Citroen C3. Queste due piccole city-car da 4/5 stelle hanno raggiunto un buon livello di sicurezza anche per quanto riguarda la protezione dei bambini, in particolar modo per la francese. Nonostante qualche mancanza, i sistemi di sicurezza di serie sono in costante aggiornamento e considerando l’economicità e le dimensioni contenute, non possiamo che consigliarne l’acquisto in termini di sicurezza.

Ford Focus SW

Familiari e station wagon più sicure

Anche se l’acciaio utilizzato rimane spesso lo stesso, tra il telaio di una city-car e quello di una station wagon, le familiari rimangono sicuramente più robuste ed affidabili. La struttura portante, più massiccia per geometria e peso, garantisce un livello di protezione ulteriore. Tralasciando, come anticipato ad inizio articolo, modelli come Mercedes CLA, Mercedes Classe B o BMW Serie 3, troviamo la nuova Ford Focus.

Con le sue 5 stelle piene, offre un indice del 96% di protezione (87% per i bambini). Airbag a non finire e moltissimi ADAS di serie rendono questa piccola familiare uno degli acquisti più papabili. Alzando un po’ il baricentro abbiamo invece Mazda 3. Questa hatchback 5 stelle (98% di sicurezza per occupanti adulti) oltre che bella è davvero molto sicura. Con soli 1346 Kg di peso a vuoto, Mazda 3 riesce ad integrare quasi ogni ADAS di serie, per quanto riguarda la sicurezza. Meritano infine un riconoscimento particolare due marchi coreani: Kia e SSangYong.

Non così conosciuti fino ad una decina di anni fa, questi produttori sono riusciti a sfornare modelli come SSangYong Korando e Kia Ceed. Entrambe 5 stelle Euro NCAP con un indice di sicurezza dell’88%. Non vantano molti ADAS di serie come le vetture precedentemente elegante ma, considerando un’acquisto iniziale tutto sommato economico (sotto i 20.000 €), con qualche pacchetto optional si riesce comunque a risparmiare raggiungendo ottimi livelli di sicurezza.

Nissan Leaf

Auto elettriche ed ibride più sicure

Arriviamo finalmente ai tanto amati veicoli green, parliamo di EV ed auto ibride. Concettualmente tecnologiche, è difficile trovare un veicolo del genere sprovvisto delle ultime dotazioni ADAS in grado di garantire i più alti standard di sicurezza.Cosa dire però in merito ai crash test? Oltre alle indicazione di Euro NCAP, troviamo qualche informazione interessante da parte del corrispondente americano IIHS (Insurance Institute for Highway Safety). Tra le auto che fanno parlare di sé, abbiamo Nissan Leaf.

Questa piccola e tecnologica giapponese rappresenta l’elettrica più venduta sul mercato. Purtroppo, IIHS afferma che la robustezza strutturale dell’abitacolo non è sufficiente ad assorbire l’energia di un eventuale impatto in modo completo. Un vero peccato in quanto il lavoro svolto da Nissan per quanto riguarda gli altri sistemi di sicurezza è davvero eccellente. Nonostante la bocciatura, Euro NCAP valuta Nissan Leaf 4 stelle su cinque per le versioni europee di questo EV.

Sempre da parte di Euro NCAP, promosse a pieni voti Tesla Model 3 e le giapponesi Lexus UX, Toyota Corolla e Honda CR-V. Questi produttori hanno in comune valutazioni superiori al 90%, una protezione per i bambini notevole ed un approccio alla sicurezza attiva davvero invidiabile. I più rigidi americani sono comunque riusciti a salvare, casualmente, marchi statunitensi come Ford C-Max Hybrid e Chevrolet Volt, sorella dell’europea Opel Ampere.

Tags

Federico Marino

Amante dei motori, specie quelli grossi e rumorosi, appassionato di tecnologia e di tutto ciò che è scientifico e innovativo. Studente in ingegneria energetica, tento di sopravvivere al caos della Grande Milano con una piccola reflex, rock 'n 'roll sempre in cuffia e tanti buoni propositi!
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker