fbpx
CulturaNews

Arte e NFT: all’asta la versione digitale di “Spike” di Banksy

Valuart realizza NFT da opere d'arte originali e vende la sua prima opera il 22 luglio

Valuart mette all’asta il primo NFT basato su un’opera d’arte: Spike di Banksy. La startup ha deciso di vendere il video realizzato con al centro l’opera d’arte di Bansky il 22 luglio sulla propria piattaforma. La metà dei proventi andrà in beneficenza.

Arte e NFT: Valuart vende un’opera basa su quella di Banksy

L’opera originale, realizzata in Palestina da Baksy, attualmente appartiene a Vittorio Grigòlo. Il tenore di fama mondiale e co-fondatore di Valuart ha scelto di mettere all’asta una versione digitale originale dell’opera creata in CGI. Un video NFT che vede la “roccia” di Banksy fluttuare nell’universo, attraversare l’atmosfera e schiantarsi nel Mar Morto. Una volta a Terra, continua a fluttuare sospesa nel vuoto.

Questa vuole essere solo la prima opera d’arte valorizzata con gli NFT. L’obiettivo di Valuart è quello di reimmaginare opere celebri permettendo ai collezionisti di acquistarne la trasposizione digitale. Per farlo, l’azienda ha ingaggiato artisti e ha contattato personaggi pubblici di spicco per sponsorizzare le opere.

L’opera digitale creata passa per l’autentificazione in blockchain, diventando un clone “ufficiale” dell’opera fisica. Come racconta Vittorio Grigòlo:Sono entusiasta di poter essere parte di questo progetto; aver contribuito alla rinascita di un’opera d’arte così straordinaria, dandole una voce, è stata un’esperienza fantastica. Ho fatto il mio ingresso per la prima volta nel metamondo dove mi trovo perfettamente a mio agio e dove prevedo ci sarà di sicuro il perfetto spazio per intraprendere progetti memorabili”.

Il mondo dell’arte sta guardando con interesse agli NFT e questo ne è un esempio davvero interessante. Potete partecipare all’asta sul sito di Valuart il 22 luglio. Il 50% dei ricavi dell’asta dell’NFT di Spike sarà devoluto in beneficenza, a sostegno delle attività di quelle organizzazioni che operano per aiutare le vittime dei conflitti a livello globale.

OffertaBestseller No. 1

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button