fbpx
NewsTech

Big Tech, la Commissione Giustizia della Camera approva il pacchetto di leggi antitrust

Ora sarà discusso alla Camera

Dopo quasi due anni di indagini, la Commissione Giustizia della Camera si è riunita mercoledì per portare avanti un pacchetto di leggi antitrust per controllare il potere delle Big Tech. Il dibattito passerà ora alla Camera e in caso di approvazione si finirebbe in Senato.

Big Tech, la Commissione Giustizia della Camera degli USA approva le misure antitrust

Il dibattito è iniziato mercoledì mattina ed è durato fino a giovedì pomeriggio, con alcune brevi pause nel mezzo. La Commissione Giustizia della Camera degli Stati Uniti ha presentato tutti i disegni di legge in esame per poter limitare il grande potere che hanno nel mercato le Big Tech come Amazon e Facebook. Come accade quando devono promuovere i loro prodotti e servizi.

tim cook apple congresso antitrust big tech

Google e Apple, negli ultimi giorni, hanno provato a fermare la cosa contattando direttamente dei membri del Congresso. Tim Cook, infatti, avrebbe chiamato Nancy Pelosi nel tentativo di chiedere un rinvio dell’esaminazione delle leggi antitrust. Infatti se questo pacchetto di misure passasse, verrebbe annullato il dominio sul mercato che attualmente hanno Apple, Amazon, Google e Facebook. Tim Cook si sarebbe giustificando dicendo che i disegni di legge sarebbero stati realizzati in modo affrettato, con il rischio di danneggiare i consumatori.

In cosa consiste il pacchetto presentato

All’interno del pacchetto ci sono svariati disegni di legge:

  • Merger Filing Fee Modernization Act, darebbe al Dipartimento di Giustizia e alla Federal Trade Commission più soldi per affrontare casi antitrust contro i giganti della tecnologia.
  • State Antitrust Enforcement Venue Act, assicurerebbe che i procuratori generali dello stato che presentano casi antitrust federali contro un’azienda come Facebook possano avere quel caso ascoltato nel tribunale che scelgono.
  • ACCESS Act, il disegno di legge delinea nuovi standard per la portabilità e l’interoperabilità dei dati. Rendendo più facile per i consumatori trasferire i dati su altre piattaforme.
  • Platform Competition and Opportunity Act, impedirebbe alle grandi piattaforme tecnologiche di acquistare concorrenti nascenti: pensate a Facebook che ha acquistato Instagram nel 2012
  • American Choice and Innovation Act, una misura di non discriminazione che impedisce alle aziende come Google di dare la preferenza ai propri servizi sui propri prodotti.
  • Ending Platform Monopolies Act, obbligherebbe le grandi aziende come Amazon a vendere diverse linee di business in conflitto tra loro. Il disegno di legge elimina la capacità delle grandi piattaforme di utilizzare il controllo che hanno per danneggiare i concorrenti.

Di questi, sono stati approvati per ora tutti tranne l’ultimo, l’Ending Platform Monopolies Act. Quelli approvati sono pronti per dirigersi verso la Camera per il voto finale. Qui, come spiega The Verge, più di 400 legislatori esprimeranno il loro voto su questi disegni di legge. Tutti e sei, poi, dovranno passare in Senato per poi arrivare sulla scrivania del presidente Biden.

Source
The Verge

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button