fbpx
NewsTech

Bitdefender individua nuove minacce per dispositivi Android e Linux

L'indagine si concentra sulla Botnet Interplanetary Storm

I ricercatori di Bitdefender rivelano di aver individuato una serie di indizi in base ai quali la Botnet Interplanetary Storm verrebbe utilizzata come veicolo di minacce informatiche per sistemi operativi Android e Linux. Secondo l’analisi, infatti, la botnet potrebbe essere utilizzata come rete di proxy anonima, noleggiata su abbonamento. Ad essere coinvolti sarebbero 9 mila dispositivi in 94 Paesi del mondo, Italia inclusa.

I risultati dell’indagine di Bitdefender

Le botnet sono state utilizzate, in passato, per svariate minacce informatiche come, ad esempio, l’esecuzione di attacchi  Distributed Denial-of-Service (DDoS), il furto di dati e l’invio di spam. Secondo le indagini di Bitdefender, ci sono alcuni indizi che lasciano pensare che la Botnet Interplanetary Storm sia utilizzata per qualcosa di completamente differente. Questa botnet, infatti, potrebbe essere utilizzata come rete di proxy anonima e potrebbe essere noleggiata su di un modello basato su un abbonamento.

Bitdefender ha evidenziato che la Botnet potrebbe: essere affittata come rete proxy anonima per utilizzare dispositivi compromessi come proxy. La mappatura della Botnet ne rileva la sua presenza su scala internazionale. Il noleggio potrebbe avvenire su di un modello di prezzi basato su abbonamenti a più livelli.

Più di 9 mila dispositivi coinvolti

Secondo i ricercatori di Bitdefender ci sarebbero più di 9 mila dispositivi inclusi nella rete bot di Interplanetary Storm. La stragrande maggioranza utilizza Android come sistema operativo mentre circa l’1% utilizza Linux. Solo un numero molto contenuto di dispositivi utilizza Windows ma, secondo i dati raccolti, verrebbero utilizzate versioni vecchie del malware.

Nella sua nuova interazione, infatti, Interplanetary Storm si propaga attaccando sistemi basati su Unix come Android, Linux e Darwin. Tali sistemi vengono attaccati quando eseguono server SSH rivolti verso Internet con credenziali deboli o server ADB non sicuri. Il botnet ha un’impronta internazionale. La maggior parte delle vittime è in Asia ma ci sono ramificazioni anche in altri Paesi, per un totale di 94 Paesi coinvolti, Italia inclusa.

Bitdefender Total Security | 10 dispositivi |1 anno | PC/Mac...
  • Una protezione multipiattaforma e ottimizzata per la velocità per Windows, Mac OS, iOS e Android.
  • NOVITÀ: Controllo microfono - scopri quando le app vi accedono, Anti-tracker - Mantieni privati i dati di navigazione,...
  • MIGLIORATI: Parental Control - Filtra contenuti, limita il tempo di utilizzo del dispositivo e monitora la posizione;...

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button