FeaturedTech

Guida alla costruzione del tuo PC assemblato: PROCESSORE E DISSIPATORE

AMD o Intel, di che scuola sei?

Ben tornati sulla guida che vi spiega come assemblare il vostro PC da gaming o da lavoro. Dopo aver letto il primo articolo Guida alla costruzione del tuo PC assemblato: le basiaver capito meglio quali sono le nostre esigenze e il nostro budget, oggi entriamo più nel dettaglio e vediamo assieme la componente principale del nostro PC: il Processore.

Chiedere ad una persona se preferisce AMD o Intel è un po come chiedere se appartieni alla Divina scuola di Hokuto o sei discepolo della Sacra scuola di Nanto: in entrambi i casi la discussione degenererà velocemente.

Ma contrariamente alla mela e al robottino queste due aziende, e i loro processori, non rappresentano due differenti filosofie di base, ma semmai prodotti pensati per lo stesso scopo (farci fregare le manine per il super PC che stiamo iniziando a pregustare), anche se con un ambito di impiego leggermente differente.

Più clock o più core?

Partiamo subito col dire che la CPU (Central Processing Unit) è la parte del nostro PC che fa i calcoli, o meglio, che processa le informazioni e le rende disponibili al sistema operativo per svolgere specifiche attività: il direttore d’orchestra di tutte le altre componenti insomma.

Va da sè che questa componente è la più importante di tutte all’interno del PC e per scegliere quella più adatta a noi dobbiamo prima conoscerne le parti e capirne l’utilizzo.

Senza perderci in lungaggini, quello che dovete sapere è che le CPU contengono dei core, ovvero le specifiche unità di calcolo che processano fisicamente i dati, e il package, cioè il supporto fisico che li contiene. Tutti i processori attualmente in commercio hanno una struttura multi-core, vera e propria rivoluzione degli anni 2000, che ha permesso un notevole incremento delle prestazioni e degli ambiti di impiego.

Nella parte posteriore abbiamo poi i PIN, quei piccoli aghi metallici che permettono il contatto e la comunicazione con il socket, ovvero la porzione della scheda madre dedicata all’alloggiamento della CPU. C’è poi un ultimo elemento da considerare che è il chipset, ovvero l’insieme dei circuiti che gestisce le informazioni sulla scheda madre, e che ci indica la compatibilità tra quest’ultima e il nostro processore.

Facendo un esempio pratico, i processori Intel Core più recenti sono quelli di 9a generazione, con soluzioni che vanno dai 6 agli 8 core, socket LGA 1151 (uno dei più comuni in assoluto) e chipset Z390.

Che noiaaa, ma quand’è che si inizia a giocare giocare?
Ok, ok tolgo il vestito da Sheldon Cooper e rimetto quello da JapanTomato.

Se volessimo semplificare al massimo, diremmo semplicemente che la frequenza alla quale lavorano i core, ovvero il clock del processore (espresso in GigaHertz o GHz), è quel numerino che guarda chi è in fissa per i videogiochi e che per il momento è appannaggio della “casa blu” Intel. Mentre il numero stesso dei core, e dei suoi thread (cioè come viene suddiviso ed elaborato un singolo processo), determina una predisposizione maggiore per le attività lavorative, che ritroviamo mediamente di più sulle CPU della “casa rossa” AMD.

Ne consegue che Intel grazie alle sue frequenze più alte è preferita dai gamer, mentre AMD con il suo rapporto core/thread mediamente maggiore è preferito dai professionisti; ma è sempre così?

No, giovane Padawan che stai leggendo, “Arduo da vedere il Lato Oscuro è!”.

Se questa suddivisione di massima può essere utile ai meno esperti per capire un po’ meglio il funzionamento del computer, i Jedi più avanzati sanno che non è proprio così: le CPU Intel sono scelte e usate da una moltitudine di professionisti e un sacco di amici gamer hanno processori AMD Ryzen nella loro build da gioco.

Ma come si sceglie allora il processore più adatto alle mie esigenze?

Intanto bisogna ricordare che non tutte le CPU sono dotate di grafica integrata, ovvero la capacità di elaborare e mostrarci delle immagini sullo schermo, quindi sapere quali ne sono dotati e quali no può darci un primo indizio.
Inoltre non possiamo non tenere conto del prezzo; come detto il processore è la componente più importante di ogni computer e, ahimè, anche una delle più costose.

Come facciamo quindi a sapere quali CPU hanno grafica integrata e quali invece necessitano di una scheda video dedicata?
Beh in realtà è abbastanza semplice: la fascia “consumer”, coperta dai modelli Ryzen di AMD e dai i Core di Intel, vede i primi sempre sprovvisti di grafica integrata “Vega”, ad accezione dei Ryzen 3 2200G e Ryzen 5 2400G, mentre è sempre integrata sui modelli Intel con la “UHD 630”.

Per quanto riguarda invece la fascia Bruce Wayne/Sceicco del Brunei, cioè quella dove i processori costano un intero stipendio, la grafica integrata paradossalmente non è mai presente. Il perchè è presto detto: se sei il già ricco di Gotham, sicuro una scheda video esterna te la puoi permettere, no?!

Quindi per gli AMD Threadripper e gli Intel di fascia Extreme una scheda video dedicata, cioè esterna al processore e collegata tramite porta PCIe sulla scheda madre, è sempre obbligatoria.

Perfetto ora che abbiamo un quadro più chiaro del panorama delle CPU, vediamo assieme quelle migliori, sia della fazione rossa, sia di quella blu, divise per fasce di prezzo.

Configurazione da 500€ – C’è vita anche senza scheda video!

Configurazione da 500€

Con questo budget la scelta è abbastanza obbligata sul versante Ryzen e la nostra scelta ricade proprio sul 2400G compromesso perfetto tra prezzo e prestazioni per poter risparmiare appunto sulla scheda video, ma fruire lo stesso dei nostri programmi e videogiochi già a livelli molto buoni.
Il 4 core 8 thread a 3,6ghz di potenza ci permette infatti di avere un sistema reattivo e giocare fino alla risoluzione FullHD a buona parte dei giochi con frame rate e dettagli però portati al minimo, che potremo però alzare con qualche compromesso sulla risoluzione, diciamo portandola a 720p.

Per Intel abbiamo invece il più grande tra i piccoli, l’i3 8350K, ovvero il più potente dei processori di fascia bassa che con i suoi 4 core / 4 thread e 4ghz, gioca alla pari del processore precedente, permettendoci un uso base del computer e dei suoi programmi, giochi inclusi.

Insomma, fidatevi di zio Japan, anche con questo budget potete stare tranquilli e giocare a Fortnite liberi da lag e da conseguenti imprecazioni scagliate verso il vostro monitor .

Configurazione da1000€ – È ora di accantonare PS4 e Xbox!

Configurazione da 1000€

Se quella che avete in mente è una configurazione semi-professionale dove dare libero sfogo alla vostra creatività con programmi di grafica, musica o fotografia, o se vi siete semplicemente accorti che le vostre console il 4K sulla TV proprio non lo reggono (e quel rumore insistente che proviene dalla Play più che le ventole sotto sforzo sembra il vostro vicino con lo spazza foglie), ecco: forse avete bisogno di una piattaforma più solida e performante, una che magari duri fino alla fine delle superiori e che un giorno, un po’ commossi, potrete regalare al vostro cuginetto dicendogli: “Quanti ricordi con questo computer!”.

Per questo budget le CPU consigliate sono Ryzen 7 2700 per AMD e il più recente l’i5 9600k per Intel. Il primo è un potente 8 core /16 thread da 4,1ghz, mentre il secondo un 6 core / 6 thread da 3,70ghz che arriva però 4,6 in turbo boost!

Insomma tutto quello che serve per portare la vostra configurazione ad un livello superiore.

Se volete un approfondimento sul Ryzen 7 tra l’altro, vi lascio una mia video recensione.

Il dissipatore – Piccolo-spazio-pubblicità!

Un’altra questione non ancora trattata è il fattore temperature.

Come tutte le componenti elettroniche, anche i processori producono calore, anzi possiamo tranquillamente dire che, se non ben ventilati, certi PC, soprattutto nella stagione estiva, potrebbero essere usati tranquillamente per gettarci dentro e distruggere una volta per tutte l’anello custodito da Frodo e Sam. Ecco, se il nostro PC fosse la Terra di Mordor, la CPU rappresenterebbe il cratere del monte Fato: l’epicentro di tutto il calore!

Cioè, quasi tutti i processori contengono un dissipatore “stock”, ma per un uso anche vagamente intensivo, o solo per non correre il rischio di vedere Gollum piombare nella vostra stanza, il consiglio è quello di adoperare un dissipatore cosiddetto “aftermarket” ovvero un radiatore metallico che poggia fisicamente sul processore tramite uno strato di pasta termica e che porta via il calore tramite una o più ventole posizionate al suo centro.

In questa fascia di prezzo lasceremo perdere per ora i modelli a liquido all in one (anche se spero un giorno di portarvi un articolo specifico su sistemi custom loop), ma vi consigliamo comunque 3 modelli molto buoni ad aria che possono essere usati sia sulla configurazione da 500€ sia su quella da 1000€. ARCTIC Freezer XTREME se volete un modello più sobrio, DeepCool Gammaxx GT o Cooler Master MasterAir se siete tipi da RGB.
Ma torniamo ai processori.

Configurazione da 2000€ – Raddoppia il budget ma anche le prestazioni

Configurazione da 2000€

Eh si, spendere questa cifra per un computer significa stanziare almeno 500€ sulla CPU. Ok, lo so è l’intero budget della nostra configurazione base, ma vi assicuro che sono soldi ben spesi. Certo, probabilmente avete un lavoro che prevede un uso molto intensivo del computer, o magari il vostro lavoro è, o sperate che diventi, proprio gareggiare ai massimi livelli al gioco di cui siete il campione: in ognuno dei due casi quello che vi serve è un processore di fascia top.

Per AMD non potevamo che scegliere un modello Threadripper, il 1950X, di certo non il più recente della famiglia ma il suo 16 core / 32 thread da 4ghz quando spinto al massimo, giustifica ampiamente il suo prezzo (quasi dimezzato dalla sua uscita), e può regalare ancora enormi emozioni soprattutto in ambito lavorativo.

Per Intel invece abbiamo lui, l’i9 9900K la punta di diamante (pentagonale) della linea Core.
Qua il rapporto core/thread è 8 su 16, ma le frequenze arrivano fino a 5ghz, rendendolo l’oggetto più desiderato dai gamer di tutte le età.

Ok tutto finito?? Macchè!

Il bello dei PC assemblati è che c’è sempre qualcosa da imparare o una componente più potente o più nuova che può ridare lustro al vostro fidato computer.

Configurazione da xxx€ – Sky is the limit

Configurazione da xxx€

Se pensate al vostro PC come al Mark 3 di Tony Stark che sfreccia nei cieli e soprattutto avete la sua stessa disponibilità economica, allora qua c’è spazio anche per voi!

Sì, perchè in tutti i prossimi 5 articoli che nelle prossime settimane completeranno questa guida avremo sempre un’ultima fascia di prezzo… una “non fascia” a dirla tutta, ovvero: cosa compro se ho appena vinto al Super Enalotto e voglio semplicemente il massimo che esiste?

Se cifre come 1300€ per la sola CPU non vi spaventano allora ecco i nostri consigli:

AMD Thread Ripper 2990WX e Intel Core Extreme i9 9980XE (solo a scriverli mi sono emozionato…).

Ok, a molti questi nomi non diranno niente (per altri invece equivalgono a pornografia), ma a dirla tutta sono processori talmente particolari e potenti che molto spesso è anche difficile consigliarli, amenochè non abbiate esigenze molto specifiche e apparteniate a quella nicchia molto ristretta di persone che necessitano un 32 core / 64 thread da 4,2ghz nel primo caso e un 18 core / 36 thread da 4,5ghz nel secondo, tutto può essere ma con tanta potenza pure il Tesseract vi sembrerà di un azzurrino smorto.

Insomma queste CPU sono pensate per lavori molto pesanti, ma soprattutto richiedono che attorno a loro venga allestita una macchina alla loro altezza, altrimenti sarebbe come comprare una Ferrari e usarla per accompagnare zia Concetta dall’ortolano in fondo alla via: scomodo per lei, una tristezza enorme per voi!

Ok per oggi è tutto; vi invito a seguirci nei prossimi articoli dove parleremo delle schede madri e di tutte le altre componenti del nostro PC e di scriverci direttamente per tutte le vostre domande o curiosità ai nostri contatti.

Alla prossima settimana e al prossimo articolo!
MATA NE!!

Tags

Davide Coco

Davide Coco AKA Japan Tomato, designer e video maker di giorno, otaku e gamer di notte. Appassionato di tutto ciò che riguarda tecnologia e Giappone, colleziono fumetti, disegno a mano libera e assemblo PC, di quelli belli tamarri RGB ovviamente! Amo condividere con gli altri ciò che so fare, per questo mi trovi sul web… e qui dagli amici di Tech Princess. Mata ne!
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker