fbpx
AttualitàCulturaNews

In America le componenti hardware si possono pagare anche con i meme

Che i Bitcoin siano diventati un vero fenomeno è ormai assodato, ma una nuova bizzarria arriva dal mondo delle criptovalute ed è il pagamento delle schede video con i Dogecoin. Ad annunciarlo è Newegg, uno dei più popolari rivenditori di hardware per PC americano che ha ieri annunciato di poter accettare come metodo di pagamento, proprio il Dogecoin, la moneta nata dal meme Doge.

Schede video e componenti hardware al posto di criptovalute

Il Dogecoin non ha mai avuto un impatto nel mondo reale e non è mai stata utilizzata come valuta di pagamento per beni e servizi fisici. Questo almeno fino ad oggi. Newegg ha infatti deciso di accettare i pagamenti con Dogecoin (e Bitcoin) utilizzardo il servizio Bitpay. Questo permetterà agli utenti, già in possesso di un portafoglio digitale, di acquistare schede video, monitor, RAM e tutte le altre componenti di un computer. Come anticipato, questa scelta riguarda al momento solo la catena Newegg americana, che possa essere una rampa di lancio per il Dogecoin anche in Italia?

Ad oggi, il valore di un Dogecoin è di circa 0,4 dollari.

Ma cos’è il Dogecoin? la moneta data dal meme Doge

Per chi non lo sapesse, il Dogecoin è una valuta digitale nata intorno al 2013 che vede protagonista il Doge Dog, uno dei meme più conosciuti nel mondo di internet. La moneta digitale è nata come uno scherzo tra gli ingegneri Billy Markus, ingegnere software di IBM, e Jackson Palmer, ingegnere software di Adobe che hanno ben pensato di unire due mondo così diversi come quello dei meme e dei Bitcoin.

Come per altre criptovalute, anche la popolarità del Dogecoin è cresciuta solo negli ultimi anni e il suo funzionamento è molto simile alle altre monete virtuali presenti sul mercato. A differenza di monete ben più conosciute, come il sopracitato Bitcoin, il Dogecon non ha un numero limitato di monete che possono essere estratte (cosiddetto mining).

Quello dei Bitcoin è diventato un fenomeno inarrestabile (o quasi) che, pochi giorni fa, ha raggiunto la cifra record di 63 mila dollari e non è un caso che il Dogecoin sia ora accettato da un importante rivenditore come valuta. Se pensate che lo stesso Elon Musk, qualche mese fa, ha comunicato che la sua azienda accetterà pagamenti in Bitcoin per comprare una Tesla, ci si rende presto conto dell’impatto di questa moneta virtuale anche nel mondo reale.

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button