fbpx
Cultura

Perché oggi è la Giornata mondiale del libro?

Celebrare la lettura è importante, scopriamo come è nata questa tradizione

Oggi 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. Un’occasione importante per celebrare l’importanza della lettura, un’attività amata da moltissimi e che permette, come si dice spesso, di “aprire la mente” e imparare moltissimo. Ma come è nata questa iniziativa? E soprattutto, perché si celebra proprio il 23 aprile? Scopriamolo insieme, prima di rituffarci tra le pagine per festeggiare degnamente.

Giornata mondiale del libro, perché è proprio il 23 aprile?

La storia di questa celebrazione parte da lontano, risalendo a quasi cento anni fa. Si tratta di una tradizione inizialmente catalana, promossa dallo scrittore Vincent Clavel Andrés, originario di Valencia, ma trasferitosi a Barcellona. Successivamente la Giornata mondiale del libro si è estesa a tutta la Spagna, per iniziativa del re Alfonso XIII. La data prescelta fu il 7 ottobre, ma dopo circa cinque anni si scelse di spostarla al 23 aprile.

Questa era infatti la data in cui, nel 1616, era morto Miguel de Cervantes, celeberrimo autore spagnolo, padre del cavaliere errante Don Chisciotte. Questa data coincide inoltre con la festa di San Giorgio, ritenuto il patrono di Barcellona e della Catalogna. Un modo per mantenere un riferimento alle origini prime della celebrazione.

Il novecento passa e si arriva alla Conferenza Generale dell’UNESCO a Parigi nel 1995. Qui 12 Paesi, fra cui naturalmente la Spagna, proposero di estendere la Giornata del libro a tutto il mondo. La proposta ottenne un’ottima accoglienza e tuttora è celebrata da oltre 100 Nazioni in tutto il pianeta. Si tratta di un’occasione importante per promuovere l’importanza della lettura, in particolare nelle generazioni più giovani.

La data rimase il 23 aprile, perché significativa non solo per la letteratura spagnola, ma per quella mondiale. In questo giorno sono infatti nati scrittori importantissimi come Maurice Druon, Haldor K.Laxness, Vladimir Nabokov e Manuel Mejía Vallejo. Non solo, ma è anche la data di morte del peruviano Garcilaso de la Vega e del Bardo William Shakespeare (sebbene solo secondo il calendario giuliano).

Come festeggiare al meglio?

giornata mondiale del libro 23 aprile

Ovviamente il modo migliore per rendere onore alla Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è leggere. Che scegliate di farlo in maniera tradizionale, con eBook o audiolibri, è sicuramente un’occasione per tuffarsi tra le pagine e vivere nuove e splendide avventure.

Dopotutto, i dati rivelati negli ultimi giorni suggeriscono che la pandemia abbia aiutato gli italiani a riscoprire il piacere dei libri. Negli ultimi mesi (e ancora di più nelle ultime settimane) si è registrato un aumento nelle vendite letterarie. Come è facile immaginare la crescita maggiore si è registrata nell’ambito delle librerie digitali, che stanno sempre di più guadagnando quote di mercato.

Se poi volete aggiungere un tocco romantico alla cosa, potreste comprare un libro non per voi, ma per una persona a voi cara. Condividere il piacere della lettura è un onore speciale e può rendere questa Giornata mondiale del libro davvero speciale. E se volete, accompagnate il vostro dono a una rosa, riprendendo la tradizione catalana legata proprio alla festa di San Giorgio. Sarà un gesto senza dubbio apprezzato.

E voi, cosa state leggendo in questo periodo? Qual è il libro che vi ha rapito il cuore nelle ultime settimane? Raccontateci come celebrerete questa Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, ora che sapete tutto sulle sue origini…

L'amica geniale (Vol. 1)
  • DAL MONDO
  • 9788866320326
  • Ferrante, Elena (Author)

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button