fbpx
AttualitàNewsTech

Su Telegram continuano a dilagare i Green Pass falsi a pagamento

I dati di Check Point Software Technologies sul fenomeno

Check Point Software Technologies ha rilevato un aumento del 25% della vendita di Green Pass falsi, molto diffusi su Telegram. Si tratta ovviamente di una pratica illegale, spesso inutile e pericolosa in quanto si cedono i propri dati personali a dei malintenzionati che li possono usare per ricattare le persone.

Oltre 2500 gruppi su Telegram promuovono la vendita di certificati fake per il Green Pass. Le misure prese dal Governo per contenere l’emergenza Covid hanno spinto, purtroppo, alcune persone ad adottare questi metodi. I prezzi per i certificati, che nelle scorse settimane erano molto alti, sono calati fino a 100 euro.

hacker russi partito repubblicano usa-min

Il mercato nero dei Green Pass falsi su Telegram

Il seguito che i canali Telegram ricevono è mostruoso: alcuni vantano perfino oltre 450mila follower. I certificati falsi vengono venduti anche tramite siti della darknet, ma poiché Telegram è molto più accessibile la maggior parte della transazione avviene attraverso l’app di messaggistica.

I pagamenti avvengono in molteplici modi: dalle criptovalute (Bitcoin, Ethereum, Dogecoin, Litecoin, Monero) a PayPal, passando per buoni Amazon, Steam ed Ebay. Una volta pagato, ovviamente, cercare di riavere indietro il proprio denaro è impossibile.

Check Point Software Technologies stava monitorando la situazione fin da Marzo di quest’anno, quando questi traffici illeciti hanno iniziato a prendere piede in rete. Le persone non intenzionate a vaccinarsi farebbero bene a cambiare idea, piuttosto che affidare il proprio denaro e i propri dati nelle mani di criminali.

Le parole di Oded Vanunu

Oded Vanunu, Head of Products Vulnerabilities Research di Check Point Software Technologies, ha dichiarato:

“Abbiamo studiato la darknet e Telegram e i servizi legati al coronavirus per tutto l’anno. In questo momento, i certificati di vaccinazione falsi sono disponibili per l’acquisto in quasi tutti i paesi. Telegram è meno tecnico da usare rispetto alla darknet e può raggiungere una quantità smisurata di persone, assai rapidamente. Crediamo che questa crescita sia alimentata anche dalla rapida diffusione della variante Delta”.

VIA – www.corrierecomunicazioni.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button