!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');

Canticchia una canzone e Google la riconoscerà
Arriva la nuova funzione "Hum to Search", che permette di cercare una canzone canticchiandola


Vi è mai capitato che una canzone ascoltata chissà dove vi rimanga in testa ma senza che sappiate minimamente di quale brano si tratta? A noi succede spesso, lo ammettiamo. Quando ascoltiamo la radio o guardiamo uno spot pubblicitario, c’è sempre una traccia che ci colpisce anche se non la conosciamo ancora. E proprio per questo siamo ben felici di aver scoperto che Google sta lanciare la funzione “Hum to search” – “canticchia per cercare”, alla lettera -, che permette agli utenti di identificare un brano canticchiando o fischiettando. E se vi state chiedendo se vale anche per chi non ha grandi potenzialità canore, la risposta è sì. A questo punto, vediamo come utilizzare la nuova funzionalità.

Hum to search, con Google è possibile cercare una canzone canticchiandola

In questi giorni, Google ha reso disponibile “Hum to search” sia per le App iOs e Android sia per il Google Assistant. Utilizzare la nuova funzione è piuttosto semplice: basta chiedere a Google “Che canzone è questa?” oppure toccare il bottone “Cerca una canzone”, e poi cominciare a canticchiare il brano che avete in testa da giorni. A questo punto, Google ci fornirà una serie di risultati che potrebbero corrispondere alla canzone che cercate. E per trovare quella giusta, non dovrete fare altro che ascoltarli uno ad uno.

Hum to search

Stando a quanto riferito da Google, il riconoscimento del brano è reso possibile grazie all’uso di modelli di machine learning per “trasformare l’audio in una sequenza basata sui numeri che rappresenta la melodia del brano“, che viene poi confrontata con i brani esistenti. La compagnia ha dichiarato di preparare questi modelli su una diversa “varietà di fonti, inclusi gli umani che cantano, fischiettano o mormorano, così come le registrazioni in studio“, eliminando gli strumenti e/o la qualità della voce per concentrarsi esclusivamente sulla sequenza numerica. E questo spiega perché non è importante essere intonati per poter ricercare una canzone attraverso “Hum to search”.

Se volete provare a canticchiare a Google il brano che avete ascoltato e vi è rimasto in testa, fate pure. Ricordatevi però che, per il momento, la funzione è disponibile soltanto in inglese per iOS e oltre 20 lingue per Android. Un limite che potrebbe essere ampliato a breve.

Google Pixel 4 14,5 cm (5.7") 6 GB 64 GB Nero 2800 mAh Pixel...
  • - Type: Smartphone- 2G Network: GSM 850/900/1800/1900- 3G Network: HSDPA 850 / 900 / 1700(AWS) / 1900 / 2100- 4G...
  • - Displaytype: P-OLED capacitive touchscreen, 16M colors- Memory int.: 64GB 6GB RAM- Card slot: No- Keypad: full touch-...
  • ical zoom- Selfie Camera: 8 MP, f/2.0, 22mm (wide), 1.22µm, no AFTOF 3D camera- Oper.System: Android 10- Stand-by: max....

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link