fbpx
risparmiare dati

Instagram testa nuove funzioni contro il cyberbullismo


Instagram, piattaforma frequentata da persone mediamente più giovani di altri social come Facebook e Twitter, sta sperimentando delle nuove funzionalità per contrastare il cyberbullismo, che vadano oltre la semplice segnalazioneblocco dell’account.

Instagram contro il cyberbullismo

La prima di queste funzionalità si chiama Restrict, e permetterà alle vittime di oscurare i messaggi e i commenti del molestatore senza che lui ne venga a corrente. L’opzione, già simile al Silenzia per le storie e per i post, renderà i suddetti commenti visibili solo al loro creatore. Nasconderà, inoltre, lo stato di attività ed il “visualizzato” dei messaggi ricevuti dalla vittima.

instagram cyberbullismo restrict

L’altra funzionalità annunciata si basa invece sull’Intelligenza Artificiale. L’AI rileverà se un commento che stiamo scrivendo contiene o meno delle possibili offese ad un’altra persona e ci chiederà se siamo sicuri di volerlo postare. Questo step aggiuntivo dovrebbe dare l’opportunità alle persone di riflettere sulle loro azioni, incoraggiandole a pensarci due volte prima di ferire verbalmente un’altra persona.

Se è già possibile bloccare un’altra persona sul social, come fa notare Adam Mosseri, a capo di Instagram, “i giovani sono riluttanti a bloccare o segnalare il loro persecutore, perché ciò potrebbe aggravare la situazione, specialmente se interagiscono con lui nella vita reale“.

Vedremo, quando questi strumenti saranno disponibili al grande pubblico, se saranno in qualche modo efficaci per contrastare uno dei peggiori fenomeni presenti su Internet.

[amazon_link asins=’8891752274,8891750840,8815272984′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ff9fd1d1-76cf-4561-9f62-ed6fc6271c29′]


Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link