fbpx
AutoMotoriNews

L’edizione 2022 di MIMO sarà ancora più emozionale, tra Autodromo di Monza e tanta passione

Dopo una buona risposta nella prima edizione, il Milano Monza Motor Show torna nel 2022 con enormi novità

Il futuro del Milano Monza Motor Show inizia oggi. Siamo stati alla presentazione ufficiale della seconda edizione del motor show milanese, MIMO 2022. Nella splendida cornice dell’HangarBicocca di Pirelli a Milano, il Presidente di MIMO Andrea Levy e altri illustri oratori, tra cui il padrone di casa Marco Tronchetti Provera, AD di Pirelli. In una presentazione carica di passione, il comitato organizzatore di MIMO ci ha presentato i progetti per una emozionante seconda edizione del Salone dell’Auto all’aperto di Milano e Monza, che andrà in scena il prossimo giugno.

I numeri del Milano Monza Motor Show 2021: quasi 60.000 scansioni dei codici QR, e 130.000 interazioni da tutto il mondo

La prima edizione di MIMO, andata in scena tra il 10 e il 13 giugno 2021, ha avuto un ottimo successo di pubblico nonostante le pesanti restrizioni ancora in vigore all’inizio dell’estate di quest’anno. I numeri delle installazioni erano decisamente importanti, con ben 120 auto esposte su altrettante piattaforme sparse per il centro di Milano. Tutte le auto, visibili liberamente da chiunque durante la kermesse meneghina, erano dotate di codici QR da scansionare per avere tutti i dettagli sul modello. Ed è proprio su questo sistema di QR che si sono rilevati i successi di MIMO 2021. Durante i 3 giorni di evento, infatti, i QR code delle automobili sono stati scannerizzati 57.835 volte, praticamente uno ogni 4 secondi.

L’auto più scansionata è stata, ovviamente, la Bugatti Chiron Super Sport con 9.714 scansioni totali, seguita dalla
Bugatti Bolide con 5.281 e dalla Pagani Imola con 3.086. In totale, invece, sono state contati ben 134.099 contatti per le novità in pedana, un numero che somma le scansioni in presenza del codice QR a quello delle ricerche sul sito internet. Numeri ottimi, considerando soprattutto che a giugno 2021 c’erano ancora importanti limitazioni a causa della pandemia. Il vero limite di MIMO 2021 è stata infatti l’impossibilità di ospitare pubblico all’Autodromo di Monza, adattando più volte il format alle circostanze. C’era infatti un tetto massimo di 1.000 persone all’interno dell’Autodromo, riducendo al lumicino le possibilità di avere il pubblico nel Tempio della Velocità. Nonostante ciò, però, il buon successo dell’edizione ha spinto MIMO a schiacciare sull’acceleratore per la nuova edizione di MIMO 2022.

Le novità di MIMO 2022: pedane democratiche, coinvolgimento di Monza e dell’Autodromo, Mille Miglia e tante altre novità

Ma quali saranno le novità di MIMO 2022? Partiamo dalle conferme alla formula, che rimane la stessa portata al debutto 5 anni fa con il Salone dell’Auto Parco Valentino di Torino. Il salone dell’auto di Milano e Monza rimarrà quindi Open Air, ovvero con le automobili esposte all’aperto, in un salone diffuso per le città di Milano e Monza. Vengono quindi riconfermate le pedane definite da Andrea Levy, Presidente di MIMO, democratiche, ovvero che permettono a tutti di vedere l’automobile allo stesso modo. Per chi desiderasse più informazioni, poi, troviamo nuovamente i codici QR da scansionare liberamente. In più, MIMO 2022 rimarrà completamente gratuito, come da tradizione.

La riconferma delle pedane democratiche si inserisce all’interno di un progetto che vuole far tornare l’auto interessante per tutti, non solo per chi è già appassionato. Rispetto ad un classico Salone al chiuso, che intercetta addetti ai lavori e super-appassionati, il MIMO si propone anche per chi non è così amante dell’auto. “Il costo per le Case è decisamente inferiore alle fiere classiche. Inserire le automobili al centro di Milano, in Piazza Duomo, le rende intercettabili anche da chi non è così interessato all’automobile.”, ha dichiarato Andrea Levy.

Se quindi rimangono le automobili diffuse per il centro di Milano, MIMO punta anche al potenziamento di altre peculiarità della kermesse meneghina. In primis, infatti, verrà potenziata l’area dedicata ai test drive, che continueranno ad essere finalizzati al focus delle auto elettrificate. Da quest’anno però, sulla falsa riga di quello che già accade in alcuni Saloni internazionali, ci sarà un’area dedicata all’interno della città di Milano per la vendita diretta delle vetture. “Sarà una spinta al ricambio del parco circolante italiano.” spiega Levy. “Le Case saranno libere di creare offerte speciali per MIMO: il nostro obiettivo è quello di permettere al pubblico di vedere le novità, di provarle e poi spingerli ad acquistarle, rinnovando il loro parco circolante familiare.

E proprio per aiutare le famiglie, MIMO 2022 è stato spostato di una settimana rispetto all’anno scorso. “Vogliamo dare la nostra disponibilità con la chiusura nazionale delle scuole. Così incentiveremo giovani e famiglie a venire a MIMO, magari facendo la prima vacanza dell’estate, permettendo alle famiglie di viaggiare e muoversi.”

Il ruolo centrale di Monza: tra centro, Villa e Autodromo avrà un ruolo di gran rilievo

Non mancherà la Premium Parade, il tappeto rosso intorno al Duomo, l’occasione serale dove vedere in maniera dinamica le vetture presentate a MIMO 2022. Ma la grande novità dell’edizione 2022 è il ritorno in grande stile di Monza. Relegata, a causa delle restrizioni Covid, al ruolo di comprimaria, la città brianzola diventerà il centro emozionale di MIMO 2022.

Il 2022 è infatti un anno fondamentale per il Tempio della Velocità: l’11 settembre 1922, infatti, fu aperto l’Autodromo di Monza, fondato dall’ACI Milano esattamente 99 anni fa. L’anno prossimo quindi è l’anno del centenario per lo storico Autodromo, che così non diventa più solo luogo dove pochi possano sfogarsi, ma centro pulsante delle attività di MIMO. L’Autodromo sarà infatti aperto al pubblico, gratuitamente, e ci saranno eventi speciali dedicati alla kermesse meneghina. MIMO 2022 ha infatti annunciato due novità, due collaborazioni interessantissime.

Il 18 giugno 2022, infatti, MIMO ospiterà una delle tappe finali della mitica Mille Miglia. La Freccia Rossa, infatti, per omaggiare il circuito di Monza effettuerà l’ultima cronometro proprio all’interno dell’Autodromo, permettendo così a tutti gli appassionati di vedere, nella cornice del MIMO, le oltre 400 vetture storiche prodotte entro il 1955 sfrecciare tra la Ascari, le Varianti di Lesmo e la Parabolica. In questo modo, con le vetture in pista e le novità di prodotto delle Case allineate nei box della Formula 1, ci sarà un vero contatto tra classico e novità.

Ma non finirà qui. Sempre all’interno dell’Autodromo ci sarà infatti spazio per il ritorno, domenica 19 giugno, del Cars&Coffee, il raduno di Supercar e Hypercar più famoso del mondo. In questo frangente sarà coinvolta anche la Villa Reale di Monza. Ma non sarà l’unica integrazione della meravigliosa Villa e della città di Monza all’interno di MIMO. Ci saranno infatti installazioni, eventi e occasioni di ritrovo sparse per tutta la città di Monza, non solo più quindi relegate a Milano. In questo modo, MIMO 2022 vuole essere il modo per tornare a far vivere la passione per i motori al pubblico, con la possibilità, situazione sanitaria permettendo, magari creandola in qualche giovane.

Le voci dei protagonisti: Levy, Presidente di MIMO: “Lavoro dettato dalla passione”. La Russa, Presidente ACI Milano: “Sarà un successo”

E non ho citato queste parole per caso: così infatti l‘AD di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, ha aperto la conferenza stampa di MIMO 2022. “Milano non è la Capitale dell’auto in Italia, ma con la storia di Alfa Romeo, Isotta Fraschini e Innocenti abbiamo il nostro contributo all’interno della storia dell’automobile in Italia. Noi speriamo che questo evento, che noi oggi ospitiamo e aiutiamo e supportiamo, possa permettere alla gente di tornare a vivere la propria passione.”

Andrea Levy, il Presidente di MIMO, ha invece rinnovato la missione principale del Milano Monza Open Air Motor Show: far tornare la passione nei giovani e nelle famiglie.Il nostro obiettivo è quello di riavvicinare i giovani e le famiglie all’automotive: per questo MIMO è all’aperto, gratuito, sia a Milano che a Monza. Tutto il mio lavoro e quello della mia squadra è spinto dalla passione per questo mondo, per l’automobile. E speriamo di poterla riportare di nuovo tra le persone, grazie alla coesistenza di nuove tecnologie e di emozionali supercar.”

A Levy è seguito poi anche l’intervento del Sindaco di Milano Beppe Sala, che crede che “Milano sia il posto giusto per mandare il messaggio di una nuova mobilità più intelligente, più integrata, più intermodale ma senza perdere il piacere di guidare.” Il discorso si è poi spostato, dalla città di Milano, a quella di Monza e al suo Autodromo. Sia il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, che Giuseppe Redaelli, il Presidente della SIAS, la società che gestisce l’Autodromo, si auspicano un futuro radioso per il Tempio della Velocità. “Credo che questo format possa essere presentato come un‘eccellenza a livello europeo, ha dichiarato Sticchi Damiani. “In questa cornice nuova e rinnovata, festeggiare i 100 anni dell’Autodromo di Monza è un’occasione da non perdere, sia per festeggiare una storia unica al mondo, sia per poter ridare vita e rimettere a nuovo il mitico autodromo brianzolo

“Siamo felicissimi di poter far tornare Monza e il suo autodromo centrali a MIMO 2022, continua Redaelli. “Monza è focalizzata sul futuro della mobilità e del motorsport, senza mai dimenticare il passato. Per questo, in tutte le manifestazioni che si svolgono sul nostro autodromo, c’è sempre una componente storica. La collaborazione con la Mille Miglia è una fortunosa coincidenza: grazie allo spostamento di 1 mese della Mille Miglia ci è stato possibile unire MIMO e Mille Miglia in un’unica festa. Sono momenti estremamente importanti e significativi per tenere sempre più in considerazione le vetture storiche, senza mai dimenticare il loro ruolo di museo viaggiante e simbolo della cultura degli ultimi 150 anni.”

Chiudiamo con le dichiarazioni del Sindaco di Monza, Dario Allevi, e del Presidente dell’ACI Milano, Geronimo La Russa. Il sindaco monzese si è detto entusiasta del progetto di Andrea Levy, che valorizzerà la città di Monza. “Andrea Levy è stato un galvanizzatore, che ci ha portati con entusiasmo e passione all’interno del progetto di MIMO. Sfortunatamente, nel 2021 il nostro ruolo è stato minore di quello che desiderassimo. Quest’anno, però, sarà possibile finalmente vedere nel 2022 quello che avevamo pensato oltre 2 anni fa per la nostra città. Quelle di MIMO saranno giornate in cui la gente sarà in giro a riempire le piazze di Monza come non era mai successo in questi mesi. Non vediamo l’ora di ospitare MIMO 2022 con una forma che avrà Monza più al centro, con una maggiore integrazione della nostra città.”

“Sono poi felicissimo che anche la Villa Reale, fiore all’occhiello della città insieme al Parco, sarà al centro di MIMO.“, conclude Allevi. Geronimo La Russa, invece, è carico e pronto per un annunciato successo del Milano Monza Motor Show. MIMO 2022 sarà un successo, ne sono sicuro, già si capisce. Il connubio tra Milano e Monza, due province e capoluoghi di territori importanti, è ora più forte che mai. Cento anni dopo l’opera lungimirante di ACI Milano, che scelse Monza per la costruzione del suo Autodromo, celebriamo questo legame indissolubile. MIMO, secondo me, ha le possibilità per diventare un grande appuntamento fisso a livello mondiale.” azzarda La Russa. “Le premesse e le capacità ci sono tutte: MIMO può diventare una celebrazione della storia dell’automobile, che sarà al centro della vita delle persone ancora per gli anni a venire.”

Quando sarà quindi il MIMO 2021? Appuntamento dal 16 al 19 giugno tra Milano e Monza

Chiudiamo con le parole di Fabrizio Sala, assessore per Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione del Comune Di Milano: MIMO darà il la al rinnovamento e al debutto di nuove tecnologie. Questo perchè c’è la passione: è proprio la passione a spingere le persone a studiare, investire e innovare.” MIMO 2022 sarà un successo annunciato? Le premesse ci sono tutte, e non vediamo l’ora di conoscere a fondo tutte le novità che ci saranno l’anno prossimo. Per ora, oltre 60 Case hanno dato la loro partecipazione, e probabilmente ce ne saranno diverse altre pronte a saltare a bordo.

L’appuntamento quindi è la prossima estate, tra il 16 e il 19 giugno 2022, per scoprire se MIMO 2022 potrà essere davvero l’inizio di una storia di successo per l’automobile a Milano e in Italia. E voi? Cosa ne pensate? Vi convince il nuovo MIMO? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti: è il vostro momento.

Offerta
Milano in 10 passeggiate
  • Kerbaker, Andrea (Author)
Offerta
Offerta
Monza. Crocevia di storia. Città d'arte
  • Maspero, Valeriana (Author)

Non perderti gli ultimi articoli sul mondo dell’auto!

Lo sapevi? È nato il canale di Telegram di Tech Princess con le migliori offerte della giornata. Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button