fbpx
CulturaSpettacoli

Nove perfetti sconosciuti: com’è la serie con Nicole Kidman

Nove perfetti sconosciuti è disponibile su Amazon Prime Video.

Dal 20 agosto sono disponibili su Amazon Prime Video i primi tre episodi di Nove perfetti sconosciuti, nuova serie creata da David E. Kelley e John Henry Butterworth e con protagoniste stelle del calibro di Nicole Kidman, Melissa McCarthy, Michael Shannon, Luke Evans, Bobby Cannavale e Samara Weaving. Si tratta della terza collaborazione fra David E. Kelley e Nicole Kidman, dopo i successi di Big Little Lies – Piccole grandi bugie e The Undoing – Le verità non dette. Anche stavolta siamo di fronte a un racconto corale, focalizzato sui personaggi, sui loro misteri e sui loro segreti, che convergono in una riflessione su temi universali come il lutto, la fiducia in se stessi e le difficoltà nel gestire le proprie fragilità. Gli episodi mancanti di Nove perfetti sconosciuti saranno pubblicati con cadenza settimanale fino al completamento della stagione, composta da 8 episodi.

Nove perfetti sconosciuti: dolore e mistero a Tranquillum House

Photo by: Vince Valitutti/Hulu

Ognuno con una storia diversa e con differenti problemi da superare, i protagonisti si ritrovano nella Tranquillum House, un resort di lusso dove passeranno 10 giorni all’insegna della tranquillità e della riflessione. La padrona di casa è Masha Dmitrichenko (Nicole Kidman), un’enigmatica donna che riesce a essere allo stesso tempo inquietante e rassicurante come un santone. Insieme ai suoi collaboratori, a Tranquillum House alloggiano: la famiglia Marconi, in lutto per la morte di uno dei figli; i coniugi in crisi Jessica (Samara Weaving) e Ben (Melvin Gregg) Chandler; Lars Lee (Luke Evans), da poco separatosi dal suo compagno; Frances Welty (Melissa McCarthy), scrittrice in crisi privata e lavorativa; Carmel Schneider (Regina Hall), madre particolarmente ansiosa e irascibile; Tony Hogburn (Bobby Cannavale), ex sportivo professionista alle prese con problemi di droga.

In un soggiorno in cui a vincere dovrebbero essere la meditazione o addirittura la noia, ben presto si scaldano gli animi, esacerbando le varie problematiche pregresse. A dare un particolare senso di inquietudine a questa esperienza è proprio Masha, che come in un reality show osserva i comportamenti degli ospiti di Tranquillum House, ne conosce i segreti e richiede dei colloqui privati con ognuno di loro, tesi a scandagliare le loro fragilità. I primi episodi di Nove perfetti sconosciuti non ci permettono di sapere con certezza dove il racconto andrà a parare, ma la forza dell’insieme è garantita proprio dai personaggi, tutti brillantemente interpretati.

A rimanere impresso è soprattutto Michael Shannon, impegnato nella parte di un professore in bilico fra i rimorsi per il figlio prematuramente scomparso, la raffreddata passione con la moglie e una figlia in piena crescita. La Jessica di Samara Weaving è invece il personaggio che meglio riflette lo spirito dei nostri tempi: ammirata influencer sui social, persona profondamente insicura nella vita privata.

Molte domande, ma le risposte?

Photo by: Vince Valitutti/Hulu

Le dinamiche fra i vari personaggi non sono sempre altrettanto efficaci. In particolare, per il momento fatica a ingranare il rapporto fra Melissa McCarthy e Bobby Cannavale, a causa di una scarsa alchimia fra gli interpreti e di dialoghi poco ispirati. Le atmosfere di Nove perfetti sconosciuti riescono però a tenere a galla la serie anche nei momenti meno incisivi. Lo spettatore è infatti continuamente spinto a porsi degli interrogativi sul passato dei protagonisti, sulle loro reali intenzioni e sulla vera natura del resort che li ospita. Nel momento in cui scriviamo, non sappiamo ancora se le tante domande scaturite dalla visione avranno delle risposte, e se le risposte saranno adeguate alle nostre aspettative. Il mistero che aleggia su Tranquillum House basta però a mantenere viva l’attenzione, aspetto non scontato in un periodo in cui molte serie faticano a non sfilacciarsi irrimediabilmente già dopo una manciata di episodi.

Fra struggenti sedute di terapie di gruppo, agguerriti giochi a squadre e momenti a dir poco allarmanti, accompagnati dall’eterea figura di Masha, Nove perfetti sconosciuti ha tutto il necessario per essere la serie di punta di questo ultimo scorcio di estate, grazie anche alla pubblicazione settimanale, che non farà che aumentare la suspense e la nostra sete di risposte. Appuntamento dunque su Prime Video per la prosecuzione di questa lunga sessione di riabilitazione collettiva, in cui ogni personaggio è un tassello di un puzzle sempre più avvincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button