fbpx
LifestyleNews

Nuki riceve un riconoscimento per la sicurezza

Nuki ottiene per il terzo anno consecutivo la certificazione "Prodotto Smart Home Sicuro"

Proprio in questi giorni Nuki, azienda leader nel settore dei sistemi intelligenti per l’accesso in casa, ha ottenuto un importante riconoscimento per la sicurezza dei suoi dispositivi. L’Istituto AV-TEST Gmbh ha certificato Nuki Smart Lock 2.0 e Nuki Opener come “Prodotto Smart Home sicuro“. Un riconoscimento importante, che tiene conto di molte caratteristiche dei prodotti stessi.

Nuki: prodotti sicuri altamente certificati

La protezione dei dati è uno dei dettagli che ha convinto l’Istituto AV-TEST Gmbh a certificare i prodotti Nuki come sicuri. I dispositivi smart home, infatti, sono pensati per elaborare tutte le informazioni all’interno del sistema, evitando così la fuga di dati. Non a caso, la compagnia ha ricevuto questa certificazione ogni anno a partire dal 2018, a testimonianza dell’alto livello di qualità dimostrato dai prodotti. E non è tutto. La serratura elettronica Nuki è pensata per lavorare in modo autonomo, assicurando così il massimo comfort e la massima sicurezza. Proprio per questo, chiude automaticamente le porte di casa all’uscita e le sblocca all’entrata.

Inoltre, grazie all’App complementare è possibile monitorare lo stato di blocco serratura in ogni momento della giornata, e anche gestire gli accessi da remoto. Questo significa che con pochi click potete far entrare e uscire amici e familiari dalla vostra casa, ma sempre senza rinunciare alla sicurezza domestica. Infine, Nuki Bridge, Smart Lock e Opener sono collegati tra loro tramite Bluetooth, così da poter comunicare in modo rapido per risolvere qualunque problematica. In questo, l’App Nuki si dimostra un supporto importante, ed è stata infatti uno degli elementi che ha convinto Istituto AV-TEST Gmbh a certificare i prodotti per il terzo anno consecutivo.

Insomma, ancora una volta i prodotti hanno ottenuto un importante riconoscimento di sicurezza perchè hardware e software sono protetti in modo ottimale. Ma l’azienda austriaca sta già guardando oltre, e punta già alla certificazione del 2022.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button