fbpx
AttualitàMobileTech

Xiaomi: a Milano Cadorna apre un temporary store

Un punto strategico della città meneghina, a disposizione di tantissime persone

Xiaomi si prende anche la stazione di Milano Cadorna. Il colosso tecnologico di origine cinese ha aperto infatti le porte al pubblico in un punto strategico della città meneghina, con un temporary store.

I prodotti smart life di Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, si possono trovare da oggi anche nell’importante crocevia ferroviario e metropolitano che vede ogni giorno il passaggio di migliaia di persone.

Lo snodo milanese accoglierà il primo Xiaomi Store ‘su strada’, che si aggiunge agli altri 19 Xiaomi Store e Xiaomi Corner presenti in Italia. Si potrà contare cosi ancora una volta sulla presenza fedele ed entusiasta dei propri fan, pronti ad assistere a questa nuova apertura. Inoltre, fino a domenica 24 ottobre tutti i clienti potranno accedere a fantastiche promozioni su moltissimi smartphone e tanti altri prodotti!

Il gruppo asiatico rafforza la propria leadership di azienda tecnologica a 360 gradi, portando sempre più vicino alle persone l’ampio ecosistema di prodotti adatti a qualsiasi esigenza, anche a chi viaggia spesso per lavoro o per piacere: dalle comode e resistenti Xiaomi Luggage ai powerbank, fino ai cuscini da viaggio e ai Mi Electric Scooter per il cosiddetto ultimo miglio o per muoversi in modo smart. Senza dimenticare gli smartphone, i compagni ideali per lavorare in mobilità o per fare foto e video durante le proprie trasferte.

“Essere sempre più vicini ai nostri consumatori vuol dire anche dare vita a progetti come questo, in cui advertisement e retail si incontrano anche grazie ai nostri partner”, afferma Davide Lunardelli, Head of Marketing di Xiaomi Italia.

Aggiunge Paolo Mastrojanni, direttore commerciale di Xiaomi Store Italia  Stiamo portando avanti un piano d’espansione che presto raggiungerà tutta Italia. La stazione di Milano Cadorna per noi rappresenta proprio questo: il punto di partenza di chi ogni giorno fa rivivere il Paese”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button