fbpx
NewsTech

Xiaomi migliora il suo impegno negli aggiornamenti Android

Xiaomi ha annunciato che la gli smartphone Mi 11T e Mi 11T Pro godranno di 4 anni di aggiornamenti in termini di patch di sicurezza e di 3 major update del sistema operativo Android. Il colosso cinese potrebbe espandere questa politica anche ad altri o nuovi dispositivi, considerando che dovrebbe svelare i nuovi prodotti il 15 Settembre.

Al momento l’azienda non si è sbilanciata promettendo lo stesso su altri smartphone, ma è lecito pensare che questa politica possa essere espansa e magari diventare la normalità per il futuro. Nel caso in cui questo scenario dovesse realizzarsi, Xiaomi offrirebbe più supporto software ai propri smartphone di Google stessa, il che sarebbe alquanto paradossale.

Xiaomi potrebbe estendere gli aggiornamenti di Android per i propri smartphone

L’azienda di Mountain View promette infatti 3 anni di aggiornamenti per i suoi cellulari Pixel. Xiaomi non si è mai distinta da questo punto di vista, anche a causa di una certa lentezza nel rilasciare gli aggiornamenti per la moltitudine di smartphone lanciati sul mercato. Questo potrebbe essere un punto di svolta molto interessante in ottica futura.

Xiaomi Mi 11T

Mantenere aggiornati, e quindi sicuri, gli smartphone per più tempo significa allungare la loro vita utile e ridurne quindi l’impatto ambientale. Considerato poi quanto i componenti interni dei nostri telefoni siano diventati performanti, il rischio che dopo solo un paio d’anni lo smartphone non sia più prestante sono quanto mai bassi.

Il tallone d’Achille del gigante cinese

Con una mossa del genere Xiaomi riuscirebbe a migliorare notevolmente sotto quello che è probabilmente il suo unico punto debole, ovvero il software. Bisogna di certo lavorare ancora sulla MIUI, l’interfaccia proprietaria che per quanto ricca di funzioni è spesso afflitta da bug che, se sono sopportabili su dispositivi molto economici, lo sono di meno sui top di gamma come Mi 11 Ultra, per fare un semplice esempio.

Via
androidpolice

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button