fbpx
Android 11 Beta

Android 11 è arrivato e non soltanto per i Google Pixel
Alcuni smartphone OnePlus, Xiaomi, Oppo e Realme ricevono l'update già oggi


Android 11, ultimo aggiornamento del sistema operativo mobile del robottino verde, arriva oggi ufficialmente dopo mesi passati in versione beta. La sorpresa riguarda il numero di dispositivi su cui può essere installato: a differenza degli aggiornamenti degli ultimi anni non ci sono solo i Pixel. Alcuni smartphone OnePlus, Xiaomi, Oppo e Realme possono scaricare l’update già da oggi.

Chi può installare il nuovo Android 11

Come già annunciato, il primo Google Pixel non riceve l’aggiornamento perché non più supportato. Questo significa che i dispositivi di Big G che possono avere l’ultima versione del sistema operativo sono Pixel 2, 3, 3A, 4 e l’ultimo uscito Pixel 4A. Inoltre OnePlus ha confermato che per i modelli OnePlus 8 e OnePlus 8 Pro possono avere la versione aggiornata ad Android 11 di Oxygen OS in versione open beta fin da oggi.  Oppo porta l’aggiornamento sulla linea Find X2 e Reno 3, mentre Realme debutta il nuovo OS su X50 Pro. Anche Xiaomi si aggiunge alla lista dei produttori che portano il nuovo sistema operativo sui propri smartphone dal primo giorno, sia su Mi 10 che Mi 10 Pro.

OnePlus 8 Pro Smartphone Onyx Black, 6.78” 3D Fluid AMOLED...
  • Display 3D amoled super fluido - alta risoluzione con frequenza di aggiornamento 120-hz - scorrere, swipe e cambiare da...
  • 17.5 cm / 6.78” fluid amoled display – per un'esperienza multimediale senza precedenti, reattività al tocco...
  • Fotocamera quadrupla ultra nitida - fotocamera principale 48mp, 3x hybrid zoom, ultra quadrangolo 48mp, teleobiettivo...

Le novità dell’aggiormento

Android 11 porta moltissime novità al nuovo sistema operativo di Google, molte delle quali servono più a rendere funzionali e accessibili le mille funzioni che lo smartphone già possiede. Alcune nuove funzionalità però ci sono e portano stile e ordine su Android su un altro livello. In questa categoria rientrano le notifiche in stile Messenger per i messaggi, unendo tutte le app di messaggistica ma separandole in una “bolla” rispetto alle altre notifiche.

Sono cambiati anche i controlli sui filmati e musica, c’è una nuova interfaccia per gli screenshot. Arriva un menù a livello di sistema per controllare la smart home cui accedere semplicemente premendo a lungo il pulsante di accensione. Inoltre Google ha reso più stringenti i permessi per aiutare a tutelare privacy e dati. Questa è solo la punta dell’iceberg.

Per gli utenti Google Pixel, che hanno perso “l’esclusiva assoluta”, arrivano però delle funzioni extra che gli altri smartphone non hanno. Per esempio un nuovo sistema in Realtà Aumentata per condividere la propria posizione con gli amici, una versione di Smart Reply direttamente nella tastiera Gboard, cartelle rinominate in maniera più intelligente.

L’aggiornamento arriva in OTA (Over The Air), per controllarne lo stato seguite questa guida ufficiale. Se invece non avete nessuno dei telefoni sulla vista, tocca aspettare.

Google Pixel 4 14,5 cm (5.7") 6 GB 64 GB Nero 2800 mAh Pixel...
  • - Type: Smartphone- 2G Network: GSM 850/900/1800/1900- 3G Network: HSDPA 850 / 900 / 1700(AWS) / 1900 / 2100- 4G...
  • - Displaytype: P-OLED capacitive touchscreen, 16M colors- Memory int.: 64GB 6GB RAM- Card slot: No- Keypad: full touch-...
  • ical zoom- Selfie Camera: 8 MP, f/2.0, 22mm (wide), 1.22µm, no AFTOF 3D camera- Oper.System: Android 10- Stand-by: max....

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.