fbpx

Solidarietà tra vicini: basta un’app
I social network di quartiere: scopriamo questi nuovi modi per rendere il vicinato un bel posto in cui vivere.


Nascono per avvicinare il vicinato. Un concetto che fa sciogliere la lingua, eppure è del tutto credibile. Sono in pochi ad avere un buon rapporto col proprio vicino, di solito si sta più a guardare quanto sia bello verde il suo prato rispetto al nostro… Ma, in realtà, conoscere meglio e avere un buon rapporto con le persone che condividono il nostro vicinato, non è poi una così brutta idea. Ecco perché vi raccontiamo quali app esistono e funzionano bene per rendere il vostro quartiere un posto migliore.

Le app per il quartiere perfetto

Sono nati nei paesi anglosassoni alla fine degli anni 2000: sono i social network pensati appositamente per ricostruire (o costruire da zero) le buone relazioni in un vicinato. Queste app “di quartiere” oggi si sono espanse oltre il vialetto di casa, arrivando ad avere come vicini migliaia di persone in tutto il mondo. Giusto perché “tutto il mondo è paese”.

Tra le più famose app e tra quelle che hanno dato il via a questa esperienza, contiamo NextDoor, che oggi collega 50 Stati, o StreetLife, la app che ha fatto innamorare più di 1 milione di vicini inglesi.

nextdoor app quartiere

Ma come funzionano questi social e le loro app? Semplice, bisogna prima controllare che il nostro condominio, quartiere o città risultino registrate nell’elenco. Dopo basta creare un profilo, fornendo la propria posizione, attraverso il GPS dello smartphone o inserendo il CAP della nostra abitazione. Se il vostro quartiere non risultasse sul sucial, c’è sempre la possibilità che lo aggiungiate voi, aprendo una sezione sezione dedicata per primi. Il vostro vicinato perfetto è a portata di smartphone.

NextDoor

Nextdoor è una app privata, in cui potrete trovare, scoprire o creare il vostro quartiere. Nata dalla convinzione che il vicinato rappresenti una delle forme di comunità più importanti e utili nella vita, Nextdoor oggi aiuta più di 200.000 quartieri nel mondo. È un modo più semplice per mettersi in contatto con i vicini e sapere tutto ciò che accade nel vostro quartiere.

nextdoor app quartiere chat gruppoIscriversi è gratis e sicuro. Tutti i vicini si iscrivono con il loro vero nome, non vengono mai condivise le informazioni personali con i pubblicitari e vengono rispettate le privacy stabilite dal Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR).

I vicini utilizzano Nextdoor per trovare una babysitter di fiducia all’ultimo momento, vendere un proprio bene a qualcuno che lo possa ritirare vicino a voi, ritrovare animali smarriti e ricevere avvisi di furto in zona. Ma anche, semplicemente, per organizzare un aperitivo di quartiere e conoscersi meglio.

Vicinimiei.it

Simile a NextDoor, potrete iscrivervi in un quartiere su vicinimiei.it e, in seguito, vedere tutte le notizie del vostro quartiere sulla home page. Potete facilmente comunicare con i vicini del vostro palazzo, del vostro quartiere o dei quartieri intorno al vostro. Tutte le pubblicazioni sono protette dai visitatori esterni e dai motori di ricerca.

Vicinimiei.it è anche diviso in sezioni per facilitare la ricerca: troverete tutto diviso in “Pubblicazioni”, “Annunci”, “Eventi”, “Gruppi”, permettendovi di trovare sempre lo spazio giusto per le idee o le domande.

Riesce a rendere il quartiere, il condominio, la via, la piazza, luoghi migliori in cui vivere, abbattendo i muri delle nostre case grazie alla tecnologia.

Ancora app per il quartiere perfetto: TocTocDoor, FirstLife e ViciniDicasa

Tra la lista delle app per il vostro quartiere, potrete dare un’occhiata anche a TocTocDoor, FirstLife e ViciniDicasa.

TocTocDoor è il più giovane dei social di quartiere all’italiana. L’idea è nata come startup a Foggia nel marzo 2016 e oggi si sta estendendo a Torino, Bologna, Roma e Milano. Il suo obiettivo è ricreare una comunità felice, uscendo dalla community, rivitalizzando la socialità del quartiere, ridando vigore a legami sociali deboli e spesso frenati dalla paura dell’estraneo.

app quartiere smartphoneFirstLife, invece, è nato dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino. È stato portato avanti insieme alle associazioni, agli enti locali, ai cittadini e alle imprese della città. È un social network civico, pubblico e gratuito, che ha l’obiettivo di connettere reale e virtuale, per migliorare la vita in città. Molto utili sono le sue serie di mappe interattive, con cui i cittadini possono aggiungere luoghi di valore per il vicinato, eventi, racconti, aneddoti e notizie attorno ai quali riunirsi in chat. E, soprattutto, nella vita reale.

ViciniDicasa, infine, è nato a Milano e ora è attivo principalmente a Roma, Napoli, Palermo e Firenze, connettendo tra loro circa 3500 vicini di casa. Il suo punto di forza è lo scambio tra vicini: di consigli e notizie, ma soprattutto di oggetti, poiché coinvolge anche i piccoli negozi e produttori locali.

Sharing, Facebook e vita di strada

Ma oltre alle numerose app di quartiere e i relativi siti, ci sono pagine e pagine facebook sui nostri quartieri. In mancanza di social dedicati, infatti, sono partiti per primi i gruppi sul noto social più famoso al mondo. Il più delle volte li potrete trovare come “Quelli di via…” o “Quelli di piazza…” nelle grandi città e “Sei di…, se” nei paesini.

L’esperienza più riuscita e famosa dell’uso di Facebook come social di quartiere, è quella delle Social Street, un’idea nata nel 2013 dal gruppo Facebook “Residenti in Via Fondazza – Bologna“, che oggi è una realtà sperimentata in più di 200 città italiane e che si sta diffondendo nel mondo.

E voi siete iscritti a qualche social o app di quartiere?

Il mio vicino Totoro
  • Attributi: DVD, Anime / Cartoons
  • Cartoni Animati (Actor)
  • Audience Rating: G (audience generale)

Condividi la tua reazione

Confusione Confusione
8
Confusione
Felicità Felicità
2
Felicità
Amore Amore
1
Amore
Tristezza Tristezza
7
Tristezza
Wow Wow
6
Wow
WTF WTF
6
WTF
Elisa Erriu

author-publish-post-icon
"Lo scrivere" è il suo mestiere. Ma oltre alla coltre delle sue varie esperienze giornalistiche e dei suoi Master, c'è un mondo fatto di fantasy, anime, film, videogame, musica, Ichnusa, My Little Pony e oggettistica del Re Leone (l'originale!). Attenzione: se pronunciate per tre volte il suo nome giapponese, apparirà alle vostre spalle.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link