fbpx
Biennale di Venezia demi moore

Biennale di Venezia: Mastercard presenta alcune conversazioni digitali
Demi Moore è la prima protagonista dell'evento dedicato al mondo del cinema


Demi Moore, nota attrice hollywoodiana, è la prima protagonista di una serie di conversazioni digitali organizzate da Mastercard in occasione della 77° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. La nuova serie di eventi organizzati da Mastercard si chiama “Life through a Different Lens: Contactless Connections”.

Demi Moore è la prima protagonista dell’evento Mastercard alla Biennale di Venezia

Mastercard, in occasione della 77° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica lancia una nuova iniziativa. Si tratta di una serie di conversazioni digitali organizzate per celebrare, al meglio, la popolare fiera cinematografica.

La prima protagonista della serie di conversazioni digitali organizzate da Mastercard alla Biennale di Venezia è Demi Moore. L’attrice americana ha recentemente partecipato alla serie televisiva NBCUniversal Brave New World  ed è stata protagonista anche in Corporate Animals di Patrick Brice e in Rough Night di Sony Pictures Entertainment.

Le Conversation Series di “Life through a Different Lens: Contactless Connections” rappresentano un’occasione unica per avvicinare i giovani al cinema. Questa serie di conversazioni mira ad esplorare il ruolo del regista, dell’attore, del cineasta e di tutti coloro che ruotano attorno al mondo del cinema.

Le altre conversazioni

Oltre a Demi Moore, questa nuova iniziativa di Mastercard per la Biennale di Venezia coinvolge diversi altri volti noti del cinema. Il secondo appuntamento, inoltre, ha visto come protagonista la registra americana Gia Coppola. Tra oggi e domani, invece, toccherà a Wim Wenders e Luca Guadagnino completare l’elenco di conversazioni digitali previste per quest’edizione della Biennale. Questi eventi permetteranno di scoprire diverse angolazioni del mondo del cinema grazie alla parole dei protagonisti.


Davide Raia