fbpx
Cultura

(Quasi) Come in un film.

Cinema e virus sono sempre andati a braccetto. Sia perchè, si sa, tra un bacio e un popcorn il contagio è felicemente assicurato, sia perchè il grande schermo è lo scenario ideale per immaginare un’emergenza globale.

E così siamo ormai ultra esperti, abbiamo visto ogni tipo di pandemia immaginabile, dalla più violenta Apocalisse zombie al duello tra maghi di Mago Merlino e Maga Magò e invece di improvvisarci immunologi e virologi laureati su Internet, da bravi filmdipendenti quali siamo ci siamo chiesti: Quali sono i punti cardine che segue un classico film sulle pandemie e che ci permetteranno di vivere liberi e felici?

Protagonista

film pandemie
Io sono leggenda

Partiamo subito da un’elemento principale: che tipo di protagonisti siamo? Qui abbiamo una vasta gamma di sceltea cui possiamo attingere.

  • l’immune: il protagonista che dopo una dura infanzia tirata avanti a forza di Crystal ball e merendine industriali ha raggiunto l’immunità persino per la peste bubbonica. Di solito è solo e cerca di sopravvivere cercando di alleviare il peso della solitudine come meglio può (basti immaginare Will Smith in Io sono leggenda e il suo modo di fare lo splendido intrattenendo piacevoli conversazioni con dei manichini).
  • Il tipo figo: è un combattente, non resterà lì con le mani in mano, è un personaggio che sopravvive solo se deve portare una comitiva di persone in salvo.
  • Lo scienziato: solitamente porta gli occhiali, è sempre fradicio di pioggia anche si trova a Foggia il 18 agosto ed è sempre munito di una serie di fogli stropicciati in mano (risultato dei suoi esperimenti). Un personaggio importantissimo, in quanto è l’unico a sapere la verità sulla pandemia: dove è nata, come si svilupperà e, ovviamente, come sconfiggerla. Naturalmente nessuno gli crederà, e verrà visto dalle alte sfere come un ciarlatano.

(Potremmo fare un ulteriore intero capitolo sui vari tipi di coprotagonisti che accompagnano il personaggio principale, ma sarebbe inutile, tanto nella maggior parte dei casi fanno una finaccia).

Elementi di sopravvivenza nei film sulle pandemie

film pandemie
The Last Man on Earth

Indipendentemente dal ruolo che ricopriremo in questa storia, vi sono alcuni percorsi obbligati nel quale chiunque deve passare per sopravvivere in un film del genere:

  • Assicurarsi del cibo di sussistenza: solitamente in un film sulle pandemie c’è sempre un vecchio zio rifornito all’inverosimile con una scorta di scatole contenenti cibo per gli astronauti. Nell’eventualità che non abbiate uno zio così, potete benissimo rifornirvi al supermercato più vicino con prodotti che non abbiano una data di scadenza ravvicinata. Oppure chiudervici dentro (Romero Docet!). Considerando i vari assalti avvenuti nei supermercati in questi giorni, siamo sicuri che ve la caverete senza problemi, perciò non ci dilungheremo oltre (Sicuramente Phil di The Last Man on Earth non ha mai avuto di questi problemi!).
  • Passamontagna e piede di porco: una variante nella ricerca del cibo potrebbe stare anche nella discutibile arte della razzia e del saccheggio. Solitamente non porta a nulla di buono, anzi, chi si avvale di questa alternativa di solito fa una brutta fine. Solo uno come Daryl (The Walking Dead) potrebbe sopravvivere in questa variante: e voi non siete Daryl.
  • Disinfettanti e Alcool: un ambiente asettico prima dell’inizio di qualsiasi missione vogliate intraprendere è essenziale. Solitamente in un mondo sconvolto dalla pandemia, prodotti del genere valgono come oro (e a giudicare dai prezzi su Amazon, non sembra che ci stiamo allontanando tanto). Hanno raggiunto lo status di ‘beni di prima necessità’ e sono diventati una merce rara, ma non preoccupatevi: in città c’è sempre una banda di Latinos che ha occupato una fabbrica produttrice di questi due beni (insieme!) e che ne gestisce il monopolio assoluto. Basterà andare lì e ricordare al capo di aver casualmente salvato la sua sorellina da una coppia di malintenzionati la settimana scorsa, oppure semplicemente barattare i prodotti con dei Nutella Biscuits. Attenzione, evitate di andarci con una bella ragazza, con molta probabilità diventerà lei la merce di scambio.
  • Netflix, Amazon, Sky, Disney +, insomma, per quanto ci riguarda sono elementi fondamentali per sopravvivere ad una quarantena… quasi quanto una cisterna d’acqua potabile.

Missione

film pandemie
E venne il giorno

Le missioni principali dipendono molto dal tipo di personaggio che si vuole impersonare, ma solitamente si diramano in tre canali ben precisi:

  • Risoluzione del problema: da buono scienziato che nessuno ascolta, siete l’unico a conoscenza di tutti i segreti che la pandemia nasconde al resto del mondo. Se vi va bene, alla fine del film vi sarete anche fidanzati con la bellissima funzionaria del governo, l’unica che ha creduto in voi durante tutta questa brutta situazione.
  • Portare in salvo un gruppo di persone: questo gruppo può essere composto da una mamma con una bambina, o da un insieme più massiccio. Solitamente la meta da raggiungere sarà il grande laboratorio da dove è partito tutto o semplicemente una zona remota del mondo, un piccolo paradiso rimasto immune agli effetti della pandemia. Attenzione, se il gruppo che cercherete di portare in salvo sarà composto da più di 3 persone, non mettetevi ad esultate troppo presto: qualcuno farà certamente una brutta fine (chi si è dimenticato il tizio che si sdraia aspettando il falciaerba in E venne il giorno?!).
  • Rintanarsi in campagna: come dei moderni Boccaccio, l’obbiettivo sarà raggiungere un posto incontaminato e immune agli effetti del virus. Il viaggio sarà certamente pieno di insidie, la vostra auto si fermerà senza motivo, sarete assaliti da bande di saccheggiatori, dovrete attraversare fiumi e chissà quali altri pericoli, ma non temete, prima o poi riuscirete a raggiungere il vostro piccolo angolo di paradiso.

Andate alla fonte!

Tirando le somme alla fine della corsa, il miglior modo per imparare resta, sempre  e comunque, l’estrapolazione dell’informazione direttamente dalla fonte; perciò, se volete farvi una cultura in questo ambito, ecco 5 film sulle pandemie che consigliamo vivamente di guardare:

  • L’esercito delle 12 scimmie
  • 28 giorni dopo
  • Io sono leggenda
  • E venne il giorno
  • Contagion

Se invece volete informazioni vere sul COVID-19, vi ricordiamo che il miglior riferimento – e sicuramente quello meno pericoloso – è il sito del Ministero della Salute.

E voi? quali sono i punti cardine che seguireste in un film sulle pandemie? volete consigliarci qualche pellicola?

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button