fbpx
CulturaFeaturedHotPerché guardarlaRubricheSpettacoli

Dracula, un conte alternativo – Perché guardarla?

Scopriamo insieme la miniserie della BBC, disponibile su Netflix

Mark Gatiss e Steven Moffat hanno conquistato il pubblico con Sherlock, la famosa serie TV con protagonista Benedict Cumberbatch nei panni del detective inglese più apprezzato del pubblico: il duo, l’anno scorso, è tornato alla riscossa con Dracula. In questa nuova trasposizione della BBC One, il Conte che tutti noi conosciamo è, in realtà, alternativo, diverso ma sempre affascinante.

Scopriamo tutti i motivi per cui dovreste assolutamente guardare Dracula, la miniserie disponibile sulla piattaforma streaming di Netflix.

Dracula, la miniserie della BBC: perché guardarla?

Come abbiamo già detto, Dracula è una miniserie realizzata da Mark Gatiss e Steven Moffat, pubblicata poi dalla BBC One e Netflix. La serie si ispira all’omonimo romanzo di Bran Stoker ed è composta da solo tre episodi. Il prodotto è stato pubblicato all’inizio del 2020 su Netflix e narra le vicende di Dracula, dalle sue origini nell’Europa orientale fino alle sue battaglie con i discendenti di Van Helsing.

Una delle principali caratteristiche di questa serie è stata messa in evidenza anche dal colosso dello streaming, che ha descritto la miniserie come “innovativa, diversa da quella che si conosce”. Ed è proprio questo uno dei motivi per cui dovreste vederla. Il nostro Conte, la sua leggenda, quella che ci hanno raccontato fin da quando eravamo piccoli, qui in questa serie TV è pronta ad evolvere.

Moffat e Gatiss ci raccontano un conte diverso, nuovo e, per la prima volta, vulnerabile.

Questi tre episodi possono essere considerati dei mini-film, vista la durata di un’ora e mezza circa. Ciascun episodio ci racconta questa interessante nuova storia, piena di colpi di scena in cui gli avvenimenti sono ben collegati tra di loro. Per lo spettatore è un po’ come partire per un viaggio: sa che sarà un’esperienza unica ma non ha idea di ciò che accadrà.

Questo è ciò che succede a noi con questo prodotto. Si parla di Dracula e quindi sappiamo che la nostra esperienza sarà incredibile. Questo Dracula, però, è diverso da quello che conosciamo e non sappiamo dove ci condurrà la storia raccontata da Moffat e Gatiss.

Una trama coerente e compatta

Dracula, la miniserie di Netflix

Come abbiamo accennato poco fa, i tre episodi possono essere considerati dei film in cui le vicende hanno luogo in posti e momenti temporali differenti. Ogni episodio è colmo di dettagli e colpi di scena che si collegano attentamente con gli episodi successivi. La cosa sorprendente però è il fatto che tutti questi eventi sono egregiamente collegati l’uno con l’altro e offrono al pubblico una trama coerente, fluida e accattivante.

La durata degli episodi, almeno all’inizio, potrebbe spaventare. In realtà è adatta a quello che Moffat e Gatiss vogliono raccontarci. Inoltre, nel preciso istante in cui la serie vi prenderà completamente, la durata sarà l’ultimo dei vostri problemi. Questi tre episodi passeranno in men che non si dica.

Un altro punto a favore che rende Dracula un piccolo capolavoro è ciò che ha permesso a Sherlock di rivoluzionare il panorama seriale ovvero portare un personaggio antico nel mondo di oggi. In fin dei conti siamo sempre stati abituati a vedere il Conte in periodi più o meno vecchi e mai al giorno d’oggi. Questo ha permesso agli sceneggiatori di offrire al pubblico un personaggio che, in un certo senso, è cresciuto nel tempo e con caratteristiche che devono necessariamente adattarsi al periodo in cui si trova.

Analogamente a ciò, gli sceneggiatori hanno la possibilità di puntare su costumi e scenografie interessanti, che catturano l’occhio del pubblico. La fotografia e il modo in cui ogni personaggio viene mostrato sul piccolo schermo superano ogni aspettativa.

Come potete immaginare o anche solo intuire, Dracula è comunque un vampiro e per questo non mancheranno scene violente e piene di azione. In realtà sono più soft di quanto si possa pensare ma sono pur sempre d’impatto e accattivanti.

Un personaggio unico e vulnerabile

L’elemento più spettacolare dell’intera serie TV è, però, proprio il nostro protagonista. Ciò che hanno costruito e ricamato Gatiss e Moffat intorno al personaggio di Dracula è misterioso ma, allo stesso tempo, geniale. Di certo risulta quasi normale paragonarlo a Sherlock. Il punto è questo: sono due figure differenti ed è quindi insensato metterle a confronto.

Dracula è affascinante, carismatico e disposto a tutto per raggiungere i propri obiettivi. Notiamo però un dettaglio differente: il nostro vampiro assetato di sangue è anche un individuo vulnerabile, fragile. È interessante osservare questa piega che prende la serie TV, in particolare perché non abbiamo mai pensato al personaggio di Dracula in quel modo.

All’inizio è stato strano, spiazzante ma poi tutto ha acquistato un senso e ci è sembrata l’aggiunta migliore che potessero mai apportare al personaggio.

Quindi, perché guardare Dracula?

Dracula è un prodotto davvero buono e interessante, che mette in evidenza ancora una volta le incredibili capacità di Moffat e Gatiss. Ciò che vuole fare Dracula non è risultare una copia di Sherlock come molti hanno ipotizzato ma di utilizzare alcuni suoi elementi, come la trasposizione di un personaggio antico in un periodo contemporaneo, e farli suoi.

Questa serie TV risulta intrigante, innovativa e scorrevole. La trama funziona, tiene il pubblico incollato allo schermo e permette a tutti gli spettatori di conoscere un nuovo lato di quella famosa storia che Bram Stoker raccontava nelle pagine del suo romanzo rivoluzionario. Il prodotto, disponibile su Netflix, vi racconterà una storia nuova che continuerete a guardare ogni singolo giorno perché non potrete più farne a meno.

Offerta
Dracula
  • Stoker, Bram (Author)

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button