fbpx
NewsTech

Starlink, il servizio internet di SpaceX ha ricevuto più di 500.000 pre-ordini

Elon Musk ha affermato che SpaceX ha ricevuto più di 500.000 preordini per Starlink, il suo servizio internet via satellite, e non prevede ci saranno problemi tecnici per soddisfare tale domanda. “L’unico limite è l’alta densità di utenti nelle aree urbane”, ha dichiarato Musk.

Ci sono stati più di 500.000 pre-ordini per Starlink, ma per Elon Musk non è un problema

Elon Musk si è pronunciato riguardo l’enorme numero di preordini ricevuti per Starlink, il suo futuro servizio internet via satellite. Ammontano circa a mezzo milione. Un giornalista della CNBC ha infatti incalzato Musk, ricordando che il deposito di 99 dollari chiesto agli utenti da SpaceX per il preordine sono completamente rimborsabili e non garantiscono il servizio. Musk però ha affermato che non ci saranno problemi per garantire il servizio a tutti gli utenti che si sono iscritti.

Elon Musk ha anche aggiunto che la vera sfida sarà assicurare il servizio a tutti quando in futuro gli iscritti saranno milioni e milioni. SpaceX non ha ancora fissato una data per il lancio di Starlink, ma sembra manchi ancora un po’. La società prevede di distribuire 12.000 satelliti e l’intera costellazione di Starlink costerà circa 10 miliardi di dollari.

Starlink dovrebbe essere in grado di abbattere il digital divide consentendo a tutti di utilizzare internet a banda larga, ovunque si trovino. Sì, anche sulla cima di una montagna. La tecnologia dovrebbe essere in grado di consentire una connessione media di circa 610 Mbps con 20-25ms di latenza. Il prezzo del servizio è di 99 dollari al mese, a cui bisogna aggiungere 48,73 dollari di tasse, 499 dollari per la parabola di ricezione e 50 dollari per la spedizione e la gestione dell’ordine. Se siete curiosi di conoscere altri dettagli sul servizio internet di SpaceX, abbiamo raccolto tutte le informazioni su Starlink in questo articolo.

Offerta
Source
Gadgets 360

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button