NewsTech

Essential Phone: il primo smartphone con il notch vuole sbarazzarsene

Si potrebbe dire che il protagonista assoluto dell'ultima edizione del Mobile World Congress è stato il notch. Un gran numero di produttori, tra cui la stessa ASUS, avrebbe inserito la famigerata "tacca" sui propri flagship, proponendo delle imitazioni più o meno convincenti del più popolare iPhone X, il primo device di questo genere ad aver ottenuto un successo concreto sul mercato – e il primo ad essere stato criticato.

Ancora prima di Apple e del suo iPhone X, tuttavia, è stata Essential a proporci questa sorta di compromesso hardware, nel tentativo di offrire all'utente un'esperienza più immersiva riducendo le cornici che delimitano un display sempre più ampio. È l'Essential Phone, il primo smartphone ad aver integrato il notch – e il primo a volersene sbarazzare.

Essential Phone: per il notch è Game Over

Come suggerisce il nome stesso, l'Essential Phone nasce dall'idea di Andy Rubin – uno dei creatori di Android – di realizzare un device "essenziale", sia nel software che nel design. In merito a quest'ultimo, la prima caratteristica che salta all'occhio è senza dubbio il notch della fotocamera anteriore, incastonata nella parte superiore dello schermo.

Vuoi per i difetti legati al comparto fotografico o a quello sonoro, l'Essential Phone non ha ottenuto particolare successo, eppure risulta tutt'oggi uno dei device più belli da tenere in mano, merito dell'eccellente qualità costruttiva e dei materiali adottati (titanio e ceramica). Lo stesso melafonino sfigurerebbe se affiancato allo smartphone di Rubin.

La favola del notch è però destinata ad un'amara (?) conclusione.

Stando ad un report di HotHardware, Essential avrebbe intenzione di rimuovere il notch dal suo prossimo dispositivo, optando per una nuova soluzione con cui la fotocamera anteriore verrà integrata all'interno del display stesso. È quanto possiamo osservare nell'illustrazione del brevetto depositato lo scorso febbraio – ma risalente a dicembre.

Osservando le immagini, l'idea di Essential sarebbe quella di posizionare la fotocamera sotto una serie di strati che consentirebbero, comunque, il consueto utilizzo del touchscreen nella zona che sovrasterà il sensore. La lente della fotocamera verrà integrata nell'ultimo strato, ma resterebbe nascosta agli occhi dell'utente.

Era solo questione di tempo, ma Essential sembra aver finalmente fatto un primo importante passo verso i display 100% full-screen.

Voi cosa ne pensate? Il prossimo Essential Phone riuscirà ad evitare il celeberrimo notch?

Tags

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker