fbpx
AttualitàCulturaNews

La Francia oscura Wish, il 95% dei prodotti non conformi

Secondo le autorità francesi i giocattoli si sono dimostrati particolarmente pericolosi

Diversi ministri in Francia hanno chiesto ai motori di ricerca di oscurare Wish, piattaforma che vende prodotti soprattutto cinesi, giudicati non conformi. Gli articoli, spediti direttamente dai produttori, sarebbero risultati non sicuri nel 95% dei casi dopo un indagine dell’agenzia dei consumatori. Che ha utilizzato però un campione ridotto di 140 prodotti.

La Francia blocca Wish, i prodotti non sarebbero conformi con le norme di sicurezza UE

L’anno scorso iniziò un’operazione da parte della direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes (DGCCRF). Ha acquistato 140 prodotti diversi su Wish, quasi tutti importati, per verificarne l’autenticità e il rispetto delle norme europee.

Il risultato riportato è allarmante. Infatti il 95% dei giocattoli non è conforme alle normative vigenti. Anzi, il 45% risulterebbe addirittura considerato pericoloso. Per quanto riguarda l’elettronica e la tecnologia, Wish non dovrebbe vendere il 95% dei prodotti nel mercato unico europeo, il 90% di questi risulta pericoloso. Anche la bigiotteria risulta pericolosa, nel 62% dei casi.

Va sottolineato però che il campione analizzato sembra eccessivamente piccolo, con solo 140 prodotti analizzati risulta complicato fare statistiche.

wish prodotti pericolosi francia-min

Il ministero dell’Economia francese ha inoltre accusato di non rispettare la policy interna, per cui dovrebbe rimuovere un articolo considerato pericoloso entro 48 ore. Invece “nella maggior parte dei casi, quei prodotti rimangono disponibili con un nome diverso, e talvolta anche dallo stesso venditore. La società non tiene alcun registro sulle transazioni relative a prodotti non conformi e pericolosi“.

Il governo francese ha notificato i problemi a Wish nel luglio 2021, dando due mesi di tempo per adeguarsi. Ora invece ha chiesto di oscurare il sito nelle ricerche e di rimuovere la app dagli store. Uno ‘shadowban‘: il sito e l’app continuano a funzionare ma non risultano nelle ricerche.

La risposta di Wish

L’e-commerce non ha tardato nel rispondere, annunciando un ricorso. “Wish dispone di una serie di meccanismi proattivi e reattivi progettati per prevenire, rilevare e rimuovere gli annunci che violano le leggi o gli standard di sicurezza locali”. Inoltre, “Wish sta diversificando attivamente la sua base commerciale reclutando venditori in una varietà di aree geografiche, inclusa l’Europa, al fine di espandere la selezione dei prodotti e migliorare ulteriormente la qualità del suo servizio”.

Wish rispetta sempre le richieste di rimozione della DGCCRF ed è, quindi, perplessa dall’approccio eccessivamente punitivo in merito a questa questione. Abbiamo ripetutamente cercato di impegnarci in modo costruttivo con la DGCCRF. Ora stiamo perseguendo un ricorso legale per contestare ciò che consideriamo un’azione illegale e sproporzionata svolta dalla DGCCRF”.

La situazione è ancora in sviluppo, vi terremo aggiornati in caso di novità.

OffertaBestseller No. 1
TCL 205 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.22" HD+, 32 GB,...
  • Dual camera posteriore con sensore principale da 13mp, sensore di profondità da 2mp, autofocus, flash e HDR; camera...
  • Display HD+ 20:9 da 6.22” (1520x720): V-notch display, 87.18% screen-to-body ratio
  • Sistema Operativo: Android 11 go Edition. Processore Octa-Core, Ram da 2GB e memoria interna da 32GB espandibile con...
Source
Il Corriere della Sera

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button