fbpx
GIMP copertina

Il “Photoshop” gratuito dallo spirito libero
Scopriamo insieme questo storico editor di immagini e foto disponibile gratuitamente


Tra i tanti programmi di editing per foto e immaginiPhotoshop è sicuramente quello più celebre nell’immaginario comune, tanto da aver reso diffuse le parole “photoshoppato” e “photoshoppare”. Ma, nonostante la sua fama e la sua validità, rimane un programma a pagamento, distribuito da Adobe dietro abbonamento. Come fare, se si è alle prime armi o con poche risorse ma si vuole comunque usare un strumento potente versatile? Una soluzione è rappresentata da GIMP, un software di editing libero gratuito capace, tra le altre cose, di leggere e modificare il formato proprietario PSD di Photoshop. Vediamo quindi insieme le sue caratteristiche e perché vale la pena dargli una possibilità.

GIMP: libero, gratuito, potente

Il fatto di trovarsi davanti a un programma gratuito potrebbe bastare a convincere molti a provare GIMP, ma sarebbe riduttivo limitarsi a sottolineare questo aspetto. GIMP ha infatti molti punti di forza: si tratta innanzitutto di un software multi-piattaforma, quindi disponibile e supportato per Windows, MacOS e le varie versioni di Linux.

Il legame con Linux e in generale con il mondo del software libero è inoltre alla base, oltre che della sua disponibilità senza costi, della presenza di una comunità di persone dedita a sviluppare supportare il programma, mantenendolo moderno e capace da più di 20 anni. La sua natura open-source, inoltre, assicura agli utenti esperti l’accesso al codice sorgente, e in generale rende possibile per molti programmatori sviluppare plug-in adds-on in grado di aggiungere nuove funzionalità e strumenti.

La trasparenza e lo sviluppo decentralizzato con in mente i bisogni di utenti molto diversi hanno portato a un programma potente e capace di competere in termini di funzionalità con Photoshop, rimanendo comunque più leggero sia in termini di spazio richiesto che di risorse minime necessarie per farlo girare.

Uno sguardo a GIMP

Non abbiamo la pretesa di voler approfondire nel dettaglio ogni singola funzionalità di GIMP: gli strumenti e le opzioni sono veramente tanti, e non è necessario conoscerli tutti per potersi approcciare al software. Vogliamo però provare a darvi una panoramica di ciò che potete aspettarvi se e quando scaricherete GIMP sul vostro computer.

GIMP interfaccia esempio

L’interfaccia che vedete qui sopra è un esempio di quello che potete aspettarvi durante una sessione di GIMP: al centro troviamo l’immagine che stiamo modificando, che può anche essere solo una di molte immagini aperte contemporaneamente. Ai lati troviamo invece gli strumenti, con le loro opzioni, e varie schede con diversi scopi, tra cui la panoramica dei livelli e la cronologia delle modifiche.

Gli strumenti offerti vanno dai classici pennelli, accompagnati da sfumino, areografo e il secchiello per il riempimento, alle scritte, passando per il creatore di grandienti e arrivando a una collezione di tools per la selezione di parti dell’immagine. Per lo strumento utilizzato in quel momento è possibile modificare e personalizzare ogni parametro, grazie alla scheda “Opzioni strumento“.

I menù a tendina in alto espandono ulteriormente le possibilità di GIMP, permettendo di aumentare le potenzialità degli strumenti o andando a toccare aspetti come colore, luminosità e selezione. Il programma possiede poi una vastissima collezione di filtri predefiniti, che non si limitano però a quanto disponibile su app come Instagram e Snapchat. Vanno pensati più come a mini-programmi all’interno del software: oltre ai filtri cromatici troviamo infatti veri e propri strumenti per il miglioramento della qualità, il rilevamento dei contorni e addirittura l’animazione delle GIF.

Da dove cominciare

Dopo questa panoramica, da dove iniziare per provare questo software in prima persona? Potete innanzitutto scaricare a questo link l’ultima versione stabile di GIMP per il vostro sistema operativo. Il sito è in inglese, ma il software ha comunque disponibile un’interfaccia in italiano.

Una volta installato, potete semplicemente sperimentare, esplorando e imparando pezzo dopo pezzo a seconda delle vostre necessità. In alternativa, potete anche leggervi il manuale utente, estremamente chiaro, completo e disponibile in italiano. Anche da dentro il software è possibile in ogni momento premere F1 per aprire il manuale  e consultarlo in caso di necessità.

Non ci sono quindi ostacoli o scuse per non dare una chance a GIMP e al mondo di possibilità a cui dà accesso. Gli unici limiti saranno dati dalla vostra immaginazione e dal tempo che ci dedicherete per padroneggiarlo.

OffertaBestseller No. 1
Wacom OneByWacom Small Tavoletta Grafica con Penna,...
  • Disegna e dipingi con piú precisione; la nostra tecnología elettromagnetica della penna ti offre un controllo ed una...
  • Devi editare fotografie? adesso è tutto più facile: dallo scontornare agli effetti di colore piú delicati
  • Configurazione semplice: qualsiasi sia la tua specializzazione; non devi far altro che connettere il cavo USB al mac o...
Bestseller No. 2
GAOMON S620 6,5 x 4 Pollici Tavoletta Grafica con Penna...
  • (penna passiva) – Si tratta di una versione senza batteria o batteria che utilizza la più avanzata tecnologia...
  • (8192 alta sensibilità alla pressione & 4 tasti Express personalizzati dall'utente) – questo ti porterà un controllo...
  • Velocità di trasferimento 266 PPS / risoluzione 5080 LPI / altezza di lettura 10 mm / superficie attiva 6,5 x 4...

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione e alla divulgazione. Estremamente curioso e interessato a quasi tutto: scienza, tecnologia, società, ma anche fumetti, podcast, internet culture e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link