fbpx
NewsTech

Google abbassa la qualità a Chromecast

Big G sta cercando in tutti i modi di limitare i danni dovuti alla saturazione di banda in questo periodo di lockdown

Google Chromecast è un’altra delle vittime dell’attuale saturazione di banda internet. Ciò vuol dire che per l’altissimo numero di connessioni registrate nello stesso momento, Google ha dovuto diminuire la qualità di alcuni suoi contenuti. Che tu stia guardando Netflix in streaming, o trasmettendo dati dal tuo smartphone al Chromecast non importa: la banda disponibile subisce delle conseguenze. Conseguenze inattese, dovute alla massiva presenza di persone in casa per via del lockdown da coronavirus.

Google Chromecast e modalità ambiente

La modalità ambiente, o ambient mode, è una peculiarità di Google Chromecast che mostra sui monitor di casa vostra, dal televisore ad un Nest Hub, fotografie ed informazioni su data, ora ed eventuale musica in riproduzione. Proprio questa modalità ha appena subito un abbassamento della qualità, per far fronte ai problemi con la banda.

Quando accenderete un dispositivo Chromecast o uno Smart Display con assistente Google integrato, vi ritroverete nella modalità standby o Ambiente. Le immagini di sfondo mostrate sono solitamente estratte dagli account utente, dalle gallerie d’arte o dagli archivi di Google stessa. Si alternano per fornire una sorta carosello quando i device non sono in uso.

Adesso, quelle foto non saranno solo ciclicamente più lente, ma saranno inoltre presentate con una qualità inferiore fino a quando la situazione generale non tornerà alla normalità.

google chromecast

Questa mossa ha senso?

Qual è l’impatto reale di questo cambiamento apparentemente minore del Chromecast Ambient Mode? In teoria l’utilizzo dei dati di un dispositivo Chromecast in standby è probabilmente trascurabile. Sono tuttavia stati eseguiti dei test per determinare se questa variazione possa inficiare o meno. Prima della variazione di Google, un dispositivo Chromecast utilizzava fino a 200 MB su base giornaliera. Ciò equivale a circa 6 GB di utilizzo in un mese. Con la qualità della modalità ambiente Chromecast ridotta lo slide di immagini rallentato, il consumo è sceso a circa di 1,5 GB al mese. Se moltiplichiamo questo dato per tutti gli utenti in possesso dei device Google, raggiungiamo una cifra niente male.

Ricordiamo che Google ha apportato anche altri cambiamenti in termini di qualità e consumo di banda, come quelli relativi alle sue videocamere di sorveglianza Google Nest.
Google ha poi ridotto la qualità predefinita disponibile nei video di YouTube ed in Hangout. L’impatto complessivo della ridotta qualità di tali servizi sull’infrastruttura non è stato ancora misurato, ma se un gigante come Google arriva a compiere mosse del genere, certamente avrà portato dei benefici.

Per qualsiasi dubbio o domanda in merito a questo o altri argomenti trattati su Tech Princess, vi invito a creare un post e farci le vostre domande nel nostro gruppo Facebook, Tech Princess Tips&Tricks.
 

Livio Marino

Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button