fbpx
NewsTech

Il progetto Tivoli di Google consentirà l’apprendimento delle lingue tramite AI

Sfrutterà la tecnologia LaMDA

Google starebbe lavorando a un nuovo progetto, dal nome interno Tivoli, dedicato all’apprendimento delle lingue grazie all’intelligenza artificiale. Il progetto è nato dall’unità Google Research ed è probabile che sarà lanciato entro la fine dell’anno.

Google Tivoli, il progetto per favore l’apprendimento delle lingue grazie all’intelligenza artificiale

google intelligenza artificiale

Il progetto Tivoli di Google consentirà di apprendere le lingue tramite l’intelligenza artificiale. La piattaforma, secondo quanto riporta The Information, sarà presentata entro la fine dell’anno e sarà fruibile da computer, smartphone e tablet.

Lo sviluppo di Tivoli sarebbe iniziato circa due anni fa in Google utilizzando un precedente modello di conversazione neurale, Meena, che da allora si è evoluto in LaMDA. La tecnologia è stata presentata all’I/O 2021 di Google, la conferenza dedicata agli sviluppatori. Google avrebbe cambiato il nome della tecnologia anche a causa di alcune preoccupazioni interne: il nome ricorda il genere femminile e gli utenti sarebbero stati indotti ad associarlo a una persona.

LaMDA consente una conversazione fluida e coerente, sebbene sia ancora alle sue fasi iniziali e la tecnologia abbia i suoi limiti. A volte, ad esempio, può dare risposte senza senso. Inoltre LaMDA, per ora, è stata addestrata solo sul testo e non su immagini, audio o altri metodi che le persone usano per comunicare. Google deve anche affrontare la grande concorrenza di altre società tech, come OpenAI di un team supportato da Microsoft.

In ogni caso, come riporta la fonte, Tivoli utilizzerà questa tecnologia per consentire l’apprendimento delle lingue. L’utente sarà in grado di imparare nuove lingue conversando con questa intelligenza artificiale che, si spera, continuerà a crescere diventando sempre più “umana”. L’obiettivo sarà quello di competere con altre app come la famosa Babel o Duolingo offrendo, però, qualcosa in più: l’intelligenza artificiale di LaMDA.

Source
The Information

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button