fbpx
NewsTech

iOS: presto potremo disattivare il rallentamento del nostro iPhone

tim cook iphone slowdown

L'arcinoto caso dello "slowdown" degli iPhone ha ormai compromesso la reputazione di Apple, almeno agli occhi dei milioni di utenti rimasti delusi in seguito alla confessione della società di Cupertino. Ecco dunque che arriva una soluzione per criticato rallentamento delle batterie degli smartphone in questione. A svelarlo è lo stesso Tim Cook.

Tim Cook: "Questo non è mai stato fatto prima d'ora."

In un'intervista con ABC News, il CEO di Apple ci ha anticipato che il prossimo aggiornamento di sistema di iOS 11 permetterà agli utenti di disattivare il calo di performance del proprio iPhone. Ricordiamo che tale rallentamento è stato imposto intenzionalmente dal produttore statunitense con lo scopo di prevenire gli eventuali problemi causati dall'invecchiamento delle batterie.

Apple si era già scusata con gli utenti attraverso una nota ufficiale, ma avrebbe comunque intenzione di offrire ai propri clienti la libertà di disabilitare lo slowdown. Questa funzione verrà resa disponibile attraverso un aggiornamento limitato agli sviluppatori in arrivo il prossimo mese – nei primi giorni di febbraio, per la precisione – prima di poterlo lanciare pubblicamente intorno al mese di marzo, presumibilmente.

"Abbiamo intenzione di offrire alle persone la possibilità di visualizzare lo stato di salute della loro batterie, quindi è una soluzione molto, molto trasparente. Questo non è mai stato fatto prima d'ora".

Cook dichiara inoltre che, in seguito al nuovo aggiornamento, iOS informerà gli utenti in maniera più chiara ogniqualvolta che l'iPhone sta riducendo automaticamente le sue performance per prevenire sospensioni impreviste. Ripetiamo che questo potrà essere completamente rimosso, ma Apple raccomanderebbe il contrario.

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button