fbpx
LG OLED 55CX recensione

LG OLED CX55 recensione: sottile, elegante e performante
Abbiamo avuto tra le mani il nuovo LG OLED CX55. Qualità d'immagine eccellente e design elegante.


La tecnologia OLED ha fatto passi da gigante garantendo una qualità d’immagine eccellente. Tra i produttori di TV si distingue proprio LG che, con la serie CX, ha saputo integrare il meglio della tecnologia. Quest’oggi vogliamo parlarvi di LG OLED CX55, un televisore da 55”, 4K con tecnologia NVIDIA G-Sync. Tra le caratteristiche di spicco troviamo anche un nuovo processore integrato: l’α9 Gen3 4K con AI. La tecnologia AI consente di ottimizzare automaticamente immagini e audio, per garantire il massimo delle performance. Oltre a questo la tecnologia AI ThinQ consente di avere il massimo controllo del nostro ecosistema IoT domestico.

Non mancano poi interessanti caratteristiche legate al mondo dei videogiochi. LG integra infatti la tecnologia Nvidia G-Sync al fine di ridurre lag, effetto stuttering e flickering.
A tutta questa meravigliosa tecnologia si unisce anche un design all’avanguardia: sottile, praticamente privo di bordi e assolutamente elegante.
Senza dilungarci ulteriormente nelle presentazioni, andiamo a scoprire nel dettaglio ciò che questo magnifico televisore ha da offrire.  LG OLED 55CX

Eleganza è la parola chiave

La prima cosa a colpire del TV LG OLED CX55 è il design: minimale ed elegante. Le dimensioni sono di 1228 mm x 738 mm x 251 mm (con lo stand), per un peso di circa 23 Kg.
Ciò che rende questo televisore estremamente interessante dal punto di vista estetico è in primis lo spessore. Il pannello è largo un paio di millimetri, sembra quasi di avere a che fare con un sottile foglio di carta. Questo è vero per un buon 60-65%; la parte inferiore del televisore, infatti, presenta una gonfiatura spessa circa 5 cm. Purtroppo non è possibile farne a meno in quanto questa è la sede di tutta l’elettronica. Un dettaglio da tenere in considerazione soprattutto se si volesse appendere il prodotto al muro.
Oltre a essere estremamente fine, lo schermo presenta anche una cornice davvero molto piccola, quasi impercettibile. L’insieme di queste caratteristiche regala un piacevolissimo colpo d’occhio.

LG OLED CX55 non è solo un apparecchio da muro: nella confezione troviamo, infatti, un elegante piedistallo. In linea con il design del televisore, anche questo appare molto sobrio e compatto. Sembra una specie di lama, decisamente sottile, realizzata in metallo di colore grigio. Non ci sono particolari dettagli, soltanto la scritta LG OLED nella parte destra. Ancorare il televisore al piedistallo non è cosa troppo semplice. Per poterlo assemblare è infatti necessario appoggiare lo schermo su qualche supporto e ancorare il complesso “base+piedistallo” con delle viti.
Sempre per sottolineare il fattore eleganza, menzioniamo anche un interessante scomparto posizionato sulla base del televisore che consentirà il passaggio dei cavi.

    Quali sono le feature di questo LG OLED CX55?

    Come accennato in apertura il nuovo televisore di casa LG presenta alcune interessanti caratteristiche: un nuovo processore e la tecnologia AIThinQ. Andiamo a vederle un po’ più nel dettaglio.

    Processore ɑ9

    Il TV LG OLED CX55 è equipaggiato con il processore ɑ9 Gen3. Si tratta di un componente in grado di analizzare la qualità del contenuto originale e ottimizzarla per il massimo dell’esperienza.
    Nel dettaglio l’ɑ9 di terza generazione è in grado di elaborare l’immagine ottimizzando quello che sono contrasto e saturazione, così da ottenere una qualità superiore. In particolare, avremo colori più curati, accuratezza d’immagine e anche maggiore facilità nel leggere scritte a schermo.
    Tra le caratteristiche del processore troviamo anche la tecnologia AI Brightness che consente di regolare la luminosità in base alla luce ambientale. Un sistema all’avanguardia che ci permetterà di godere di ogni scena in qualunque momento della giornata. LG OLED

    AIThinQ

    Altra caratteristica di spicco del TV di casa LG è la tecnologia AIThinQ, in grado di connettere tutta la casa. Assistente Google, Amazon Alexa integrato, Apple AirPlay 2 e HomeKit saranno sempre a portata di televisore. Ma cosa significa esattamente? Nello specifico potremo ordinare una pizza rimanendo seduti comodamente sul nostro divano mentre guardiamo un film, senza muovere un dito. Ci basterà interpellare Google o Alexa direttamente dal nostro televisore. Inoltre potremo addirittura chiedere informazioni extra su un film che stiamo guardando, sugli attori coinvolti o sui programmi a seguire.

    A cosa servono i 5 cm sul retro?

    Lo schermo del TV LG OLED CX55 è estremamente sottile, eppure, sul retro, è presente un blocco abbastanza spesso. Perché non è possibile farne a meno? Non possiamo eliminarlo in quanto questo è la sede di tutta l’elettronica, suono compreso. In questa sezione troviamo anche tutti gli ingressi dedicati.

    Nello specifico abbiamo 4 porte HDMI 2.1, con supporto per Variable Refresh Rate e 4K fino a 120 Hz in full RGB, 3 porte USB, una porta di rete, un’antenna digitale terrestre e SAT, un’uscita digitale ottica, un ingresso analogico per video composito e audio stereo e l’uscita per le cuffie. Un ingresso HDMI è abilitato eARC e non manca il supporto alla tecnologia G-Sync di Nvidia (qualora dovessimo collegare un PC con scheda grafica compatibile).
    Per finire non mancano le connettività Bluetooth e Wi-Fi.

    LG

      Un’immagine adatta a ogni situazione

      La qualità d’immagine del nuovo TV LG OLED CX55 è davvero impressionante. Ovviamente la particolare bellezza delle scene è garantita proprio grazie alla tecnologia OLED che, disattivando ogni singolo pixel, è in grado di restituire non solo toni neri più profondi, ma anche la giusta gradazione e tonalità al resto dei colori. L’equilibrio dei colori è perfetto: neri profondi si affiancano a bianchi luminosi, al fine di garantire un quadro pulito e dettagliato. Il risultato è un dinamismo perfetto.

      LG appoggia anche la tecnologia HDR che enfatizza l’immagine ancora di più. Lo schermo è in grado di adattare perfettamente i toni, rendendoli più vivaci quando serve. I colori sono naturali e sempre corposi e brillanti. La bellezza dell’immagine non è mai distorta da colori innaturali, anzi, tutt’altro. Ed è proprio qui che LG mostra la sua forza. Le immagini presentano una definizione eccellente: i bordi sono nitidi e marcati e i dettagli ben riportati. Il tutto genera una perfetta profondità d’immagine che si trasforma in una resa eccellente. La visione di film, serie TV o cartoni animati in 4K è qualcosa di meraviglioso. Battlefield 1 LG OLED CX55

      Visto che il televisore è compatibile con la tecnologia G-Sync di NVIDIA, abbiamo anche voluto fare un piccolo test nel settore gaming. Chiaramente non siamo davanti a un monitor fatto solo esclusivamente per giocare, ma le caratteristiche sulla carta ci hanno impressionato abbastanza da provarlo.
      A livello di immagine non possiamo che alzare le mani davanti a tanta bellezza. Così come per i film, anche nel gioco la qualità è eccellente. I colori sono vivi, dinamici e corposi. Brillanti al punto giusto. Luminosità e contrasto si bilanciano in una danza armoniosa.
      Anche l’input lag è appena percettibile e le risposte sono abbastanza veloci. Certo, ribadiamo che non si tratti di un monitor da gioco, ma sottolineiamo anche le sue ottime performance. In particolare, se collegato alle console, si dimostra un compagno perfetto.

      LG OLED 55CX

        Un suono non del tutto adeguato

        È bene fare un piccolo accenno anche al comparto sonoro. Purtroppo, nonostante vengano elogiate tantissime belle qualità e tecnologie, questo rimane un po’ deludente. Quello che si nota fin da subito è un suono abbastanza piatto che non enfatizza la dinamicità. L’equilibrio dei toni è buono, i bassi sono ben ponderati, eppure nel complesso non sentiamo il pieno coinvolgimento dei suoni.
        Un vero peccato, visto che la resa grafica è di un livello decisamente alto. Ma la vera pecca è la struttura del televisore, troppo bassa per consentire di posizionare una soundbar.

        Quanto è facile approcciarsi al TV LG OLED 55CX?

        Infine analizziamo anche l’interfaccia del TV LG OLED 55CX. Anche quest’anno il brand si affida a WebOS nella sua versione 5.0. I cambiamenti non sono tanto diversi dal passato. Si tratta di un’interfaccia ricca di app pre-installate tra cui Netflix, Amazon Prime Video,DAZN o Disney +.
        La navigazione on WebOS avviene semplicemente per uso del telecomando attraverso la tecnologia Bluetooth. Dunque, ci basterà semplicemente muovere e puntare lo stesso sull’app desiderata e poi cliccare, niente di troppo macchinoso.

        Il telecomando è inoltre dotato di un microfono che ci permetterà di accedere alle funzioni di Google o Alexa. webos LG OLED CX55

        LG OLED 55CX sì o no?

        Il nuovo televisore LG OLED CX55 è un prodotto decisamente interessante, dallo stile elegante e minimale. Lo schermo è ampio, sottile, con una cornice finissima: perfetto per essere appeso o appoggiato. In questo caso nessuna caduta di stile, grazie ad un sostegno pulito ed elegante.
        La qualità di immagine è ottima, ogni scena è valorizzata da colori eccellenti, accompagnati da una perfetta saturazione. Contrasto e nitidezza sono bilanciati in maniera perfetta. Ottime le funzionalità e le tecnologie che lo compongono. Unica vera pecca il suono, non all’altezza del resto del prodotto. Una mancanza incentivata anche dall’impossibilità di installare una soundbar a causa dell’assetto troppo basso.
        Nel complesso, però, si tratta di un ottimo prodotto adatto a tutti coloro che necessitano di un televisore elegante e con una fantastica qualità.

        LG OLED 55CX

        Pro Pros Icon
        • Design sobrio ed elegante
        • Qualità d’immagine accurata
        • Tecnologie all'avanguardia
        • Buone risposte in gioco
        Contro Cons Icon
        • Suono non all'altezza
        • Struttura troppo bassa per l’implemento di una soundbar

         


        Giulia Garassino

        author-publish-post-icon
        Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metalslug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare però platform, hack & slash e GDR.
                           










         
        Sì, iscrivimi alla newsletter!
        close-link