LG PuriCare

LG presenta il purificatore d’aria da indossare come una mascherina
LG lancia ufficialmente una mascherina che permette di respirare aria purificata


Non sappiamo dire esattamente se il nuovo prodotto che LG ha lanciato sul mercato ci abbia lasciato più senza parole o fatto sorridere. In ogni caso, la nota azienda di elettronica ha appena presentato ufficialmente un purificatore d’aria da indossare come fosse una mascherina. Sì, avete letto bene.

Si chiama PuriCare ed è a tutti gli effetti un purificatore che sfrutta filtri sostituibili come quelli dei purificatori domestici, abbinati a ventole alimentate a batteria che aiutano la respirazione. A questi si aggiunge la dotazione di sensori che rilevano il ritmo di inspirazione-espirazione, così da modulare di conseguenza la velocità delle ventole. Ma vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta, e come funziona davvero la nuova mascherina di LG.

LG PuriCare
Credits: LG

LG presenta PuriCare

Per il momento sembra che PuriCare non sia stata esplicitamente ideata per fronteggiare l’emergenza Covid-19, anche se LG ha ammesso di aver messo a punto il dispositivo per sostituire le mascherine “homemade” utilizzate da alcune persone. Lo scorso Luglio, infatti, l’azienda ha donato 2000 pezzi ad un ospedale di Seoul, con l’intento di aiutare al personale a superare un periodo tanto difficile. Indossare una mascherina che faciliti la respirazione potrebbe aiutare non poco i medici impegnati in prima lotta nella lotta al virus.

Al di là di questo, non ci sono ancora dettagli precisi sull’utilizzo di questo particolare purificatore nella prevenzione del contagio. Ci sono però alcune specifiche tecniche che possono aiutarci a capire come utilizzare questa nuova (e particolare) mascherina. Una batteria da 820 mAh rende PuriCare utilizzabile per ben otto ore consecutive nella modalità a basso consumo, e solo per due ore in quella ad alto consumo. Altro dettaglio: il purificatore-maschera sarà disponibile nell’ultimo trimestre di questo anno, ma solo in alcuni “mercati selezionati”. Di quali si tratti non lo sappiamo, ma speriamo vivamente che l’Italia sia inclusa.

 


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.