fbpx
FeaturedRecensioniRecensioni TechTech

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione: è meglio del 2? ?

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione – Nacon Revolution Pro Controller 3 è l’ultimo controller realizzato dal brand francese ed utilizzabile sia su PlayStation 4 sia su PC. Ma vale la pena spendere 99,99 euro per questa periferica? L’abbiamo messo alla prova per qualche giorno e ora siamo pronti a rispondere.

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione: unboxing

Abbiamo apprezzato Nacon Revolution Pro Controller 3 fin dal primo unboxing. La confezione infatti è piuttosto ricca. Non solo abbiamo il pad con il suo cavo USB-C lungo 3 metri, ma anche ben sei pesi – 2x10g, 2x14g, 2x16g – che possiamo inserire all’interno del controller per appesantirlo e adattarlo alle nostre esigenze. 

Completano il quadro un panno in microfibra e una custodia in tessuto che vi permette di preservare e/o trasportare Nacon Revolution Pro Controller 3.

Rispetto alla versione precedente manca qualcosa. È vero. Revolution Pro Controller 2 infatti aveva una sorta di piccola chiave che apriva i due vani dedicati all’inserimento dei pesi. Qui manca. Una svista? Assolutamente no. In realtà ora basta far scorrere verso il basso le impugnature per inserirli, così non dovrete preoccuparvi di avere qualche strano oggetto a disposizione per modificare al volo il peso del pad.

Un look famigliare

Esteticamente non siamo particolarmente lontani dai modelli precedenti. Al contrario, ritroviamo sempre lo stesso design asimmetrico, tipico dei controller Xbox e particolarmente apprezzato dalla maggior parte dei videogiochi. 

Ad essere diversi sono piccoli ma decisivi dettagli.

Partiamo dal centro con il touchpad che vanta una corsa più lunga e soddisfacente, mentre ai suoi lati abbamo i tasti Share e Option che risultano leggermente più grandi. Sotto invece troviamo 4 LED che vi aiutano a capire quale profilo avanzato state utilizzando, LED che risultano decisamente più utili e visibili rispetto a quelli visiti sul Pro Controller 2 dove erano ridotti ad un minuscolo puntino, difficilmente individuabile. 

Diverso anche il tasto PlayStation, che ora è leggermente concavo, così come la croce direzionale che passa da 8 a 4 vie. Infine abbiamo gli analogici con quello sinistro immutato e quello destro che diventa concavo per aumentare il grip durante le azioni più frenetica. 

A destra infine i tasti tradizionali che invece non hanno subito un grosso restyling ma che, indubbiamente, risultano più solidi di quelli visti sul controller originale PlayStation.

Passiamo ora al retro che ospita prima di tutto i trigger: ampi, comodi e leggermente incurvati, garantiscono un’ottima presa e tutta la rapidità di cui avete bisogno. Gli amanti della personalizzazione però si focalizzeranno su tutti gli altri pulsanti presenti sulla parte posteriore di questa periferica. Prima di tutto abbiamo un piccolo switch che permette di cambiare modalità: 1 è la modalità base dedicata a PlayStation, 2 è quella avanzata e PC, come potete intuire, vi serve per usare Nacon Revolution Pro 3 con un computer. A disposizione anche il tasto Profile che, una volta inserire la modalità 2, vi consente di cambiare profilo scegliendo 4 preset che potrete personalizzare usando il software dedicato.

Il programma, disponibile per Windows e MacOS, vi consente anche di personalizzare i 4 tasti posteriori aggiuntivi. Sì, avete capito bene: rispetto ad un controller standard avete a disposizione altri pulsanti a cui potete associare qualsiasi funzionalità. Il problema però è la posizione. I tasti, situati sulla parte interna dell’impugnatura, risultano difficilmente raggiungibili e, di conseguenza, abbastanza scomodi. 

Un ultimo appunto: abbiamo parlato delle funzionalità aggiuntive di Nacon Revolution Pro Controller 3 ma in realtà ci sono anche elementi mancanti. Non troverete infatti i sensori di movimento, l’altoparlante e la barra luminosa presente invece sul DualShock, il che significa che non potrete sfruttarlo per la realtà virtuale.

Nacon Revolution Pro Controller 3 Wired PS4 Ufficiale Sony...
  • Levette anaglogiche asimmetriche
  • Presa e controllo eccezionale
  • Retroilluminazione

La personalizzazione è estrema

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione softwareAvevamo apprezzato l’estremo grado di personalizzazione di Pro Controller 2 e non possiamo che fare la stessa cosa con il suo successore. Il software di Nacon, scaricabile gratuitamente dal sito web ufficiale, vi permette di adattare la periferica alle vostre esigenze modificandone ogni singolo aspetto. 

Potete modificare la sensibilità delle levette, la corsa dei dorsali, cambiare funzionalità ai tasti aggiuntive o rimappare tutti i pulsanti. Potete persino decidere colore ed effetti dell’illuminazione.

Non manca, come vi anticipavamo prima, la possibilità di creare – o di scaricare dal cloud – 4 profili differenti da usare per altrettanti giochi così potete avere una configurazione dedicata gli FPS, una adatta ai titoli di avventura, una per i giochi di guida e così via.

L’unica cosa di cui abbiamo sentito la mancanza è la chiarezza. Molti parametri infatti non sono chiari a tutti, soprattutto se vi state avvicinando per la prima volta al mondo dei controller alternativi. Insomma, qualche spiegazione in più per capire cosa cambia modificando un determinato parametro sarebbe stata utile.

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione: utilizzo

Nacon Revolution Pro Controller 3 ci è piaciuto molto per una marea di motivi diversi. Prima di tutto è solido, comodo e si impugna bene, anche se la texture zigrinata che troviamo sul retro non ne aumenta il grip in alcun modo. Probabilmente una finitura gommato sarebbe stato più utile allo scopo.

Abbiamo apprezzato gli stick e la loro capacità di tenere i pollici ancora all’analogico, abbiamo amato i tasti frontali perché ben posizionati e dotati di un’ottima corsa e abbiamo adorato i pesi, una vera manna dal cielo perché vi aiutano ad adattare il prodotto alle vostre esigenze. 

Impossibile poi non esprimersi a favore del cavo: è rimovibile – così quando vi arrabbiate e lo strattonate si stacca invece di far cadere a terra la console – ed è USB-C, così potete sostituirlo facilmente in caso di rottura o smarrimento.

Non ci hanno invece entusiasmato troppo i tasti aggiuntivi. La posizione è cambiata rispetto al Pro Controller 2 ma continua ad essere scomoda. Alla fine abbiamo rinunciato ad utilizzarli perché riuscire a premerli in-game è un’impresa e la maggior parte delle vostre rischierete di morire solo per riuscire a trovarli ed utilizzarli.

Nacon Revolution Pro Controller 3 recensione: acquistarlo oppure no?

Nacon Revolution Pro Controller 3 è disponibile sul mercato a 99,99 euro e sì, vale la pena investire i vostri soldi in questo prodotto. Sappiate però che non è per tutti: se siete casual gamer, se non siete votati alla performance e soprattutto non avete un PC per configurarlo, vi suggeriamo di continuare ad usare il Dual Shock.

Al contrario, se state cercando qualcosa in più, se siete estremamente competitivi e volete riuscire a battere i vostri amici, potrebbe essere un investimento davvero interessante.

Nacon Revolution Pro Controller 3 Wired PS4 Ufficiale Sony...
  • Levette anaglogiche asimmetriche
  • Presa e controllo eccezionale
  • Retroilluminazione

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button