fbpx
CulturaNewsTech

Il Regno Unito limiterà i media online per proteggere le emittenti

Il Paese vuole limitare le piattaforme di media online

Secondo alcuni rapporti, il Regno Unito prevede di limitare le piattaforme di media online per proteggere le emittenti pubbliche. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Il Regno Unito vuole limitare le piattaforme di media online

Le autorità britanniche sperano di garantire la posizione prominente di media come BBC e ITV nei canali radio e televisivi. Secondo i funzionari del governo, i dipartimenti competenti determineranno i tempi legislativi a partire dal prossimo anno. Il governo rivedrà globalmente le regole della radio e della televisione per assicurare l’importante status dei media del servizio pubblico. Queste misure si baseranno sulle raccomandazioni annunciate dal regolatore dei media.

Inoltre, le nuove regole supervisioneranno rigorosamente la trasmissione via internet di contenuti televisivi. Questa nuova regola rafforzerà notevolmente il potere delle negoziazioni commerciali tra le emittenti, i produttori di attrezzature e le piattaforme di streaming media su internet.

La British Communications Authority ha raccomandato per la prima volta nel 2019 delle riforme per garantire lo status delle emittenti di servizio pubblico. Tuttavia, i dettagli specifici non sono ancora stati determinati. La commissione speciale sulla cultura digitale, i media e lo sport della Camera dei Comuni ha criticato il governo per aver agito troppo lentamente.

La legge australiana

I media online stanno rendendo tecnicamente inutili i locali offline. All’inizio di quest’anno, il Parlamento australiano ha approvato una nuova legge che costringe i giganti digitali come Facebook e Google a pagare gli editori locali per i contenuti delle notizie. Si tratta del primo Paese ad approvare ufficialmente una legge simile. Secondo il governo australiano, la nuova legge assicurerà che “i contenuti prodotti dalle società di media di notizie possano essere equamente ricompensati”.

La mossa dell’Australia potrebbe innescare una serie di effetti a catena su scala globale. Probabilmente indurrà altri governi ad adottare misure di regolamentazione simili. Questo limiterà a sua volta il potere delle grandi aziende digitali. Sembra che il governo britannico stia per fare la stessa cosa o qualcosa di molto simile.

Source
Gizchina

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button