fbpx
NewsTech

Qualcomm e Microsoft hanno un accordo esclusivo per Windows ARM

Una collaborazione che sta per scadere, aprendo nuove occasioni ai competitor di Qualcomm

Qualcomm ha un accordo di esclusività con Microsoft per Windows su ARM, secondo cui questo sarebbe disponibile solo per i dispositivi con SoC della compagnia. Ma ora sembra che l’accordo possa scadere a breve. A quanto pare, le due società avrebbero collaborato a stretto contatto per la creazione del chip per computer, ma ora potrebbero interrompere la partnership. Il fatto che non si sappia quando si concluderà questo accordo di esclusività impedisce ai competitor di Qualcomm di mettersi in gioco. Cerchiamo allora di capire chi sostituirà la compagnia nella produzione di chip per Microsoft.

Windows ARM: svelato l’accordo di esclusività tra Qualcomm e Microsoft

Come anticipato, Microsoft e Qualcomm hanno un accordo di esclusività per Windows su ARM, che però sta per scadere. Chi sostituirà la compagnia nella produzione di chipset quindi? A quanto pare, uno dei primi contendenti sarebbe MediaTek. Ma anche Samsung potrebbe essere tra i nomi dei papabili produttori con i suoi processori Exynos, soprattutto data la recente partnership con AMD per la potenza grafica. Certo, quello che ci risulta strano è che la collaborazione di Microsoft con Qualcomm sia davvero destinata a finire. D’altronde, la partnership va avanti da molto tempo.

Nell’era degli smartphone Windows Phone, infatti, i chip Qualcomm erano i soli ad essere supportati. Ed anche ora, non sembra ne esista uno con chip Snapdragon. Eppure, la verità è questa: l’accordo tra le due compagnie sta per scadere. Non stupisce, allora, che anche Apple voglia cercare di inserirsi nella collaborazione con Microsoft. D’altronde, questo consentirebbe di usare Windows su ARM anche sui Mac con CPU Apple Silicon. Aprirebbe quindi nuove possibilità nel settore della tecnologia, anche se non sappiamo ancora quando potremmo effettivamente goderne. In fondo, abbiamo scoperto solo ora dell’accordo di esclusività, ma ricordiamo che non abbiamo informazioni dettagliate sulla sua scadenza. Aspettiamo allora di vedere cosa accade.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button