fbpx
rape animal crossing guida

Il mio regno per una rapa
Una pratica guida su come trarre il meglio dalla vendita delle rape in Animal Crossing: New Horizons


Le rape in Animal Crossing sono una vera e propria istituzione. Sin dal primo capitolo del simulatore di vita di Nintendo, le rape sono linfa vitale per gli abitanti di ogni città, villaggio o isola che sia mai stata creata dal 2001. Con l’arrivo del nuovo Animal Crossing: New Horizons, che ha ricevuto l’elogio della critica, nostro e del pubblico, le rape sono tornate ai vertici del mercato con un nuovo ed entusiasmante sistema economico.

Ma quello che non sappiamo della redditizia radice è che sotto il classico sistema di acquisto e vendita si cela un mondo fatto di calcoli matematici, supposizioni mistiche e scambi segreti. Ma partiamo con ordine!

Se il vostro primo approccio, con il coloratissimo mondo di Animal Crossing, è avvenuto proprio con New Horizons, potreste non conoscere appieno la storia e il valore delle rape. Queste ultime, infatti, sono presenti dall’inizio della saga e rappresentano uno dei punti di forza del gioco.

Il valore storico-politico-economico della Rapa in Animal Crossing

Come ormai risaputo, Animal Crossing è un titolo che offre tantissima soddisfazione ai giocatori in cambio di altrettanto tempo e una quantità spropositata di stelline, la valuta virtuale del gioco. I modi per guadagnarle – e spenderle – sono molti ma nessuno di questi è potenzialmente più redditizio della vendita delle rape. In New Horizons, queste possono essere acquistate ogni domenica mattina da Brunella, la nipote della storica venditrice Nella, andata in pensione proprio in questo capitolo. La simpatica facocerina venderà le rape ad un prezzo sempre diverso ogni domenica. Il nostro compito di aspiranti imprenditori sarà quello di rivenderle ad un prezzo per noi conveniente.

La famelica bottega Nook gestita da Mirco e Marco è il luogo preposto per vendere quotidianamente il nostro investimento ma dovremo fare di tutto per guadagnare il più possibile e non andare in perdita. Anche nel momento della vendita, infatti, il prezzo d’acquisto delle rape varia ogni giorno, due volte al giorno. I nipoti di Tom Nook ci offriranno infatti due prezzi differenti prima e dopo le 12:00 e dovremo decidere con attenzione quando e a quanto venderle.

MA ATTENZIONE! Il tempo a nostra disposizione per ponderare sull’andamento del mercato e sul miglior prezzo non è molto. Abbiamo infatti a disposizione una settimana, dopo la quale le rape e il nostro investimento marciranno, riducendo a zero i possibili guadagni. In poche parole, acquistando le rape la domenica mattina, dovremmo rivenderle entro sabato sera. Questo limite temporale tormenta i giovani imprenditori virtuali da anni: vendere le rape oggi, con un guadagno bassissimo o aspettare domani rischiando di non guadagnarci affatto? 

Le rape in borsa

Il dilemma è scatenato soprattutto dall’assoluta imprevedibilità del prezzo d’acquisto delle rape. O almeno questo era quello che pensavamo! I data miner, gli instancabili giocatori con competenze informatiche che analizzano il codice sorgente dei videogiochi, sono infatti riusciti a scoprire le regole che governano i prezzi delle rape. Tra questi, l’utente Ninji ha reso pubblico il codice in questione, permettendo ad altri utenti di sviluppare un vero e proprio strumento di calcolo per prevedere, in maniera più o meno precisa, il futuro prezzo di vendita.

Siti internet come Turnip Prophet (Il profeta delle rape) o AC-Turnip, offrono infatti un’interfaccia semplice e piacevole così da permettere a tutti di fare i propri calcoli sulla radice. Basterà infatti selezionare il prezzo delle rape acquistate nella nostra isola e inserire, nei giorni seguenti, la cifra offerta dalla bottega Nook. Il sistema creerà automaticamente una curva dei prezzi prevedendo quelli della settimana. Così facendo saremo in grado di scoprire in anticipo l’indice del mercato e agire di conseguenza. Roba che gli analisti di Wall Street sono poppanti.

Attenzione però, il sistema non è preciso e alcuni utenti mettono in dubbio la sua efficacia. A ciò si aggiunge il fatto che, per funzionare, la tabella ha bisogno di una serie di dati e prezzi che, se tutto va bene, vi porteranno via almeno 3 giorni di potenziale vendita fruttuosa. Per questi motivi, la maggior parte dei giocatori decide di affidarsi a via più losche come il mercato nero delle rape!

Offerta
Animal Crossing: New Horizons
  • Se il caos e la frenesia della vita di tutti i giorni ti hanno stufato, tom nook ha appena creato una proposta su misura...
  • Preparati a mollare tutto e creare una nuova comunità sulla tua isola deserta personale.; non hai sempre desiderato un...
  • Rimboccati le maniche e inizia a collezionare preziose risorse per costruire tutto ciò che ti potrà servire, dagli...

Il Dark Web delle rape

Tranquilli, non stiamo parlando di siti web illegali ma di utili portali in cui i giocatori di Animal Crossing si sono organizzati per vendere le rape nelle altre isole. I prezzi di vendita e acquisto di cui abbiamo parlato, sono infatti limitati alle singole isole dei giocatori. Se, per esempio, i deliziosi Mirco e Marco offrono BEN 56 stelline per acquistare le nostre rape, in un’altra isola il prezzo d’acquisto potrebbe essere il doppio, il triplo, il quadruplo! Ed è così che nasce il “dark web” delle rape composto da numerosi annunci di utenti che offrono la propria isola e il potere d’acquisto della propria isola, per ospitare gli altri giocatori e permettergli di vendere le rape. Alcuni offrono questo servizio in cambio di una piccola mancia, in stelline, oggetti o schemi.

Potreste imbattervi in annunci del tipo: “Isola: Peachland, Rape: 183 stelline l’una. Nessuna quota per entrare. Le mance sono sempre apprezzate. Commercio di oggetti disponibile. Mi troverete seduto sulla panchina della Bottega di Nook.” O ancora: “Prezzo di entrata 10 mila stelline. Aspetterò fuori dall’aeroporto, indosso un cappello grigio. Lascia per terra le monete prima di entrare nel negozio. Se qualcuno non rispetterà le regole chiuderò l’aeroporto. Per favore, esci subito non appena hai venduto le rape.”

Una volta superato questo clima da minacce da film giallo degli anni ’80, resta quello allegro e colorato tipico di Nintendo in cui centinaia di giocatori si incontrano, si scambiano oggetti, vendono rape, in totale armonia. Tra i principali “siti di scambio” troviamo Turnip Exchange, il più utilizzato. Il suo funzionamento è tanto semplice quanto efficace: una volta trovato l’annuncio che vi alletta di più, mettetevi in fila (Join Queue), arrivato il vostro turno, vi verrà fornito il codice Dodo per viaggiare su quella determinata isola e concludere i vostri affari. Non mancano però moltissimi  gruppi di Facebook o di Reddit dedicati allo scambio di rape dove poter intessere rapporti commerciali a tu per tu.

Animal Crossing: unità nelle rape

Il mondo delle rape è assurdamente intrigante e rappresenta una parte fondamentale del complesso mondo di Animal Crossing, riuscendo a innescare una rete di relazioni e contatti come pochi altri ortaggi sanno fare. Con questa guida non ci saranno più segreti e riuscirete a trarre il meglio da quello che possono offrire le rape. E non solo, riuscire a comprendere il mercato delle rape in Animal Crossing vi trasformerà per sempre in un novello Gordon Gekko, pronto a dominare le borse mondiali.

Amate le rape!

Offerta
Animal Crossing: New Horizons
  • Se il caos e la frenesia della vita di tutti i giorni ti hanno stufato, tom nook ha appena creato una proposta su misura...
  • Preparati a mollare tutto e creare una nuova comunità sulla tua isola deserta personale.; non hai sempre desiderato un...
  • Rimboccati le maniche e inizia a collezionare preziose risorse per costruire tutto ciò che ti potrà servire, dagli...

Daniele Cicarelli

author-publish-post-icon
Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link