fbpx

A Milano, e più precisamente nella cornice di Piazza Vetra, è stato inaugurato Benvenuto, la catena di family restaurant tutta Made in Italy. Il locale, si propone come luogo di aggregazione sicura e positiva per tutta la famiglia, sia per i bambini che per gli adulti.

Abbiamo avuto l’onore di partecipare all’inaugurazione, dove sono intervenuti Cristina Tajani, Assessora alle Politiche del lavoro, attività produttive, commercio del comune di Milano, Marco Santini, Presidente di Benvenuto Holding Srl, Roberto Pasciucco, Co-founder e Gianni Panconi, partner M&A EY.

Benvenuto, come è nata l’idea

Benvenuto

L’idea nasce dalla constatazione che, sebbene in Italia ci siano 8 milioni di bambini (dei quali 170 mila sono residenti a Milano), l’offerta di un family restaurant è molto scarsa, quasi assente, e purtroppo i luoghi di incontro pubblici e privati dedicati alle famiglie sono sempre meno.

Ed è proprio da questo riscontro che nasce Benvenuto, pensato proprio per le famiglie; infatti alcuni dei punti forti di questa catena di ristorazione, sono i menù, l’area giochi dedicata e l’intrattenimento professionale: tutto per i più piccoli.

Benvenuto è nato a Torino nel 2015 e, dopo essere diventato un punto di riferimento (con i suoi tre punti di vendita) per oltre 2 milioni di clienti e 300 mila bambini, ha deciso di espandere i suoi orizzonti raggiungendo anche la capitale Meneghina, e stabilendosi in Piazza Vetra, cercando di ristabilire in quella zona un giusto e bilanciato compromesso tra i luoghi di aggregazione dedicati alle famiglie, e altre realtà pensate per altre fasce d’età.

Benvenuto, una struttura a prova di adulto e bambino

Benvenuto

Marco Santini, Dichiara “Benvenuto racchiude nel nome la sua vocazione: è un luogo di relazione e incontro dove i bambini possono conoscersi e fare amicizia in un ambiente sorvegliato, mentre i genitori possono godersi un pranzo o una cena in tutta tranquillità”. Benvenuto a Milano, con i suoi 330 mq, sarà in grado di accogliere numerose famiglie, disponendo di oltre 150 coperti. Santini ha poi continuato “A differenza delle grandi catene di ristorazione multinazionali, è pensato come esperienza culinaria in grado di unire i grandi classici della tradizione ai gusti dei bambini, offrendo inoltre aree dedicate, animazione e intrattenimento qualificato”. Infatti, una delle particolarità del locale è un ampio spazio gioco di 40 mq gestito da uno staff dedicato al servizio e all’intrattenimento sarà dedicato ai bambini. Per poter accontentare le persone di ogni età, un pensiero è stato dedicato anche agli adolescenti, mettendo a disposizione un’area young con Wi-Fi libero, calcetto, giochi multimediali condivisibili e la possibilità di poter cenare da soli con i propri amici.

Un’idea per riqualificare il territorio

Benvenuto

“L’arrivo di questo nuovo modo di intendere la ristorazione, con una spiccata attenzione alle esigenze delle famiglie con bambini” commenta Cristina Tajani “è una bella notizia per la città, e in particolare per i residenti del quartiere di Piazza Vetra che proprio in questi mesi è protagonista di un’importante opera di riqualificazione e rinnovamento”.

Il ristorante Benvenuto a Milano infatti si inserisce armonicamente con l’opera di riqualificazione della piazza, aprendo esattamente dove prima c’erano gli uffici di EY, il network mondiale di servizi professionali e consulenza fiscale che, peraltro, ha scelto di partecipare al progetto; “EY supporta da anni la crescita e lo sviluppo di piccole e medie aziende ad alto potenziale” spiega Gianni Panconi “è per questo che abbiamo deciso di assistere Benvenuto, una realtà in espansione ricca di idee e spirito innovativo”.

I Valori del Family restaurant

Benvenuto

“La nostra particolarità è di voler unire l’aspetto food all’aspetto intrattenimento, che viene gestito da una nostra academy che conta circa 18 animatori qualificati. I bambini non vengono mai abbandonati a loro stessi” Spiega Roberto Pasciucco “Gli animatori fanno dei corsi presso la nostra accademia, per essere messi a contatto con i nostri bambini. Seguono dei programmi specifici, fanno dei corsi di salvataggio per essere pronti ad ogni eventualità, perchè i bambini, andando a giocare, hanno anche la necessità di essere in sicurezza. Giocare in sicurezza, e l’esigenza di poter lasciare i nostri figli in mani sicure permette agli adulti di potersi prendere quel minutoo quell’ora insieme agli amici o alla moglie, cosa che magari a casa tra i compiti, doccia, la cartella e quanto altro, non si riesce mai. Il successo del nostro franchise è proprio questo: regalare momenti di tranquillità e serenità a dei genitori, prendendosi cura dei figli all’interno di un programma creato appositamente per loro”.

Per rendere tutto più rilassante per i genitori, il personale dei ristoranti prende prima le ordinazionidei bambini, così che possano mangiare e poi andare a divertirsi nelle aree a loro riservate.

Benvenuto cerca di unire intrattenimento e divertimento ad un’offerta food incentrata su materie prime di qualità e stagionali, fornite da produttori locali, mantenendo così stabiliti i canoni della corretta alimentazione con due menù distinti: uno per i bambini e uno per gli adulti.

L’equity Crowdfunding

Benvenuto

Come abbiamo detto, il progetto Benvenuto in soli 5 anni si è concretizzato a Torino con tre ristoranti, a Milano con il primo in Piazza Vetra; Un ascesa così repentina ha fatto sì che nel 2020 saranno previste altre tre aperture, tra Milano e Torino. Solo nel 2019 sono stati serviti oltre 250.000 clienti, di cui 70.000 bambini, e ben il 75% frequenta il ristorante più di 2 volte al mese.

Ad oggi Benvenuto ha oltre 50 persone che lavorano nei diversi punti vendita, e con lo sviluppo di Milano si prevede di portare i ricavi a oltre 6 milioni di Euro nel 2020 e a 14 milioni di Euro nel 2023.

Forte di questi numeri, Benvenuto è in campagna su Mamacrowd, la piattaforma italiana di equity crowdfunding; fino al 7 gennaio sarà infatti possibile investire nel progetto e diventarne soci a tutti gli effetti, grazie a un processo facile, completamente online e vigilato da Consob. L’intenzione è quella di raccogliere 400.000€ per accelerare la crescita della catena, attraverso l’apertura di nuovi ristoranti, e consolidare la leadership nel settore dei ristoranti per famiglie, che vanta ancora pochi concorrenti in Europa. Un investimento che è aperto anche ai clienti e dipendenti che così potranno diventare a tutti gli effetti soci del loro ristorante.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Enrico Natalini

author-publish-post-icon
il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.