fbpx
CulturaFeaturedGli anime degli anni '80RubricheSpettacoli

Candy Candy, la dolce orfanella tra tragedie e amori

La storia di un'orfana che, con grande forza, affronta mille peripezie e molte tragedie per la realizzazione della sua felicità

Questa settimana la nostra rubrica sui cartoni animati degli anni ’80 è dedicata ad una storia molto intensa e sicuramente tragica, che lo scorso anno ha compiuto 40 anni: quella di Candy Candy. Tratto dal manga di Kyoko Mizuki e Yumiko Igarashi, racconta la vita turbolenta e irta di ostacoli di un’orfanella adottata da una nobile famiglia inglese che si ritrova poi da sola a dover scoprire le sue origini. Dopo aver affrontato le avventure de Le Tartarughe Ninja, di Daitarn 3, dell’Uomo tigre o le sfide di Mila e Shiro e Holly e Benji, i tormenti d’amore di Lady Oscar e i guai della mini-dea Pollon, addentriamoci nella storia toccante di questa ragazzina.

foto candy candyCady Candy: la trama

L’infanzia e l’adozione

Siamo alla fine dell’Ottocento in Scozia. Candy e Annie sono due bambina che vengono abbandonate all’orfanotrofio Casa di Pony, gestito da Miss Pony e Suor Maria. A differenza di quanto accade nel manga, nell’anime Candy è affiancata da un animaletto domestico, un procione. Le due bambine vengono però presto divise: Annie viene adottata da una famiglia aristocratiche inglese, i Brighton, lasciando Candy da sola all’orfanotrofio. La bambina è molto triste e per stare da sola con i suoi pensieri si rifugia spesso su di una collina. È qui che incontra un ragazzo dai capelli biondi vestito con il kilt scozzese che, notando la sua tristezza, cerca di consolarla suonando per lei la cornamusa. Cimelio di questo incontro sarà per Candy una spilla a forma di “A”, persa dal giovane, da lei soprannominato “il principe della collina“, mentre danzava.

anthony candy candy kilt e cornamusaCosì come Annie, alla fine anche Candy viene adottata da una famiglia aristocratica, i Legan, peccato che le cose non vanno come la ragazzina sperava. L’ambiente nuovo, aristocratico e formale, è molto distante da quello spontaneo della protagonista che si trova quindi in grande disagio, anche a causa dell’ostilità dei due viziati figli dei Legan, Iriza e Neal. Alla fine Candy verrà costretta a fare la cameriera per la famiglia che l’ha adottata e a dormire nelle stalle.

L’incontro con gli Andrew e il rapporto con Anthony

È però grazie alla permanenza nella famiglia dei Legan che Candy viene a contatto con la famiglia Andrew, della quale riconosce lo stemma con la “A”, lo stesso della spilla caduta al “principe della collina”. La giovane inizia allora a frequentarli e scopre che il capofamiglia è il misterioso zio William, sempre assente. A prendere le decisioni quando lui non c’è è l’arcigna e anziana zia Elroy. Candy fa amicizia con i nipoti della donna, tre ragazzini: Archie, un vero damerino, suo fratello Stear, un pasticcione e inventore, e soprattutto il loro cugino Anthony. Quest’ultimo colpisce subito Candy perché molto somigliante a quel giovane incontrato sulla collina, il suo “principe”.

Candy. Antohony. Archie e StearTra Candy e Anthony nasce un’amicizia che poi diventa un forte sentimento. È proprio in virtù di questo affetto che, quando i Legan decidono di mandare Candy in Messico, Anthony, con l’aiuto dei suoi cugini, si impegna ad impedire la partenza della ragazzina, arrivando a farla adottare dalla propria famiglia. Candy diventa così una Andrew. Tutto procede a gonfie vele e proprio in questo periodo la giovane protagonista fa la conoscenza di Albert, un giovane vagabondo che vive in un rifugio nella foresta circondato dagli animali. Il periodo di serenità per Candy è però molto breve e viene infatti interrotto da una grande tragedia: durante una battuta di caccia alla volpe, Anthony cade da cavallo e muore. Distrutta dal dolore, Candy torna alla Casa di Pony per ritrovare la serenità perduta.

Il collegio a Londra e l’incontro con Terence Granchester

Candy e TerenceProprio mentre si trova alla Casa di Pony, per Candy arriva un’altra svolta.  Un emissario dello zio William la raggiunge per inviarla a Londra a studiare in un esclusivo collegio religioso, la Royal St. Paul School. Durante il viaggio in mare che la porterà a destinazione, la protagonista incontra un ragazzo che le ricorda in modo eccezionale il suo Anthony. Il ragazzo però la stuzzica senza svelarle il suo nome. Arrivata a destinazione, Candy ritrova la sua amica d’orfanotrofio Annie (che poi si innamorerà di Archie), e farà amicizia anche con un’altra ragazza, Penny (che diventerà poi la fidanzata di Stear). Nonostante queste amicizie, la permanenza in collegio è resa ostile dalle compagne di scuola ‘capitanate’ da Iriza Legan.

Nel collegio però Candy ritrova quel ragazzo misterioso incontrato durante la traversata in mare. Il suo nome è Terence Granchester, è un aristocratico angloamericano senza paura e anticonformista, e la protagonista se ne innamora perdutamente. Lui ricambia i sentimenti di Candy e tra loro nasce una storia d’amore molto travagliata in quanto osteggiata da vari personaggi, in primis da Iriza Legan. Questa infatti cerca in ogni modo di far cacciare Candy dal collegio e, alla fine, ci riesce. Ormai espulsa, Candy prende allora la stessa decisione di Terence: lasciare Londra.

Il ritorno in America, la guerra e la ‘missione’ di infermiera

Candy torna allora negli Stati Uniti in un periodo molto difficile. La guerra incombe e, di fronte a questi scenari, la protagonista comprende di voler dare una mano. Decide così di diventare un’infermiera e, aiutata da Miss Pony, s’iscrive presso la Scuola per Infermiere retta da Miss Mary Jane. Mentre l’Europa entra nella Grande Guerra, Candy si trasferisce a Chicago. Qui inizia a lavorare presso il principale ospedale della città, il Santa Johanna, ma tra i feriti di guerra incontra l’amico Albert che ora soffre di amnesia. Per curarlo e stargli vicina, Candy decide di andare a vivere con lui.

Le cose sembrano andare finalmente bene per la giovane protagonista che riceve intanto anche un invito del suo Terence. Il ragazzo ha lasciato il collegio per dedicarsi alla sua passione per la recitazione e ha iniziato a lavorare come attore a New York. Invita così Candy alla prima di Romeo e Giulietta di cui lui sarà il protagonista. Lei parte ma una volta arrivata ad attenderla c’è un’altra terribile notizia: Susanna Marlowe, una giovane collega di Terence perdutamente innamorata di lui, ha perso una gamba per salvarlo dalla caduta di un riflettore durante le prove per lo spettacolo, mettendo così fine alla sua carriera. Sentendosi in gran colpa, lui ha accettato l’imposizione della mamma della ragazza di rimanere per sempre al suo fianco. Susanna però sa dell’amore che lega Terence a Candy e, mossa dalla disperazione, decide di togliersi la vita. Sarà proprio la protagonista a farle cambiare idea e salvarla. Candy, affranta dal dolore, decide di lasciare Terence e New York, e torna poi a Chicago. Nel frattempo Stear parte come pilota volontario per andare a combattere nei cieli d’Europa, ma sarà proprio in uno scontro aereo che morirà tragicamente.

Il finale e la grande rivelazione

Le difficoltà per la dolce Candy non sono ancora finite. Tornata a Chicago, la nostra protagonista riceve le avances di Neal, ormai innamorato di lei. Ancora una volta a rendere la vita impossibile sarà Iriza che, dopo aver scoperto la cosa, chiede l’aiuto della madre affinché, con la sua influenza, faccia cacciare Candy da ogni ospedale del paese. La ragazza decide allora di aiutare un anziano dottore nella gestione di una piccola clinica di periferia. La sua vita dunque riparte ma viene sconvolta dalla scomparsa di Albert che, dopo aver segretamente ritrovato la memoria, parte senza lasciare traccia.

Intanto Neal Legan e la sua famiglia iniziano ad organizzare il matrimonio con Candy per volere dello zio William. Venuta a conoscenza della cosa, la ragazza va su tutte le furie e cerca il misterioso zio per avere un confronto con lui. Quando lo trova scopre una verità sconvolgente: lo zio William in realtà è Albert, William Albert Andrew, il buon amico che l’ha sempre aiutata e che era scomparso. Candy riesce a chiarire i suoi sentimenti e, dunque, l’equivoco e il matrimonio viene cancellato.

Il finale trova Candy e i suoi amici festeggiare lì dove tutto è iniziato, a Casa di Pony. Annie, leggendo una rivista, scopre che Terence, l’amato di Candy, ha lasciato Susanna e dice all’amica che forse c’è ancora speranza per il loro amore. La ragazza, subito dopo, si incammina sulla sua amata collina e sente il lontananza il suono di una cornamusa. A suonarla è proprio quel “principe della collina” che lei non ha mai dimenticato e che altri non è che Albert/zio William.

Candy Candy: differenze tra anime e manga

Anche in questo caso, così come per molti altri manga che sono poi diventati degli anime, molte sono le differenze tra le due trasposizioni. Alcune, tuttavia, colpiscono più di altre e sono molto importanti ai fini della narrazione.

  • Una delle differenze più importanti tra manga e anime riguarda la morte di Stear. Nel primo infatti Patty (che è la sua fidanzatina) tenta il suicidio, trattenuta da Candy. Nell’anime invece la scena viene addolcita, resa meno drammatica.
  • Altra differenza, se nel fumetto Candy viene rappresentata come una bambina sostanzialmente seria, nell’anime Candy è invece vivace e spesso fa smorfie. Una tecnica che oltre a renderla più allegra la rende anche più adatta ad un pubblico di bambini e adolescenti.
  • Altro elemento inserito appositamente nell’anime (e non esistente nel manga) nato a stemperare i momenti più drammatici della storia, rendendola più adatta ai bambini, è l’orsetto lavatore Klin.
  • Tuttavia la differenza più importante sta nel finale. Nella storia originale, raccontata dal manga, Terence rimane con la sua nuova fidanzata Susanna. Nell’anime, invece, il ragazzo la lascia e si comprende sia pronto a tornare da Candy perché è sempre stata lei il suo grande amore. Albert, invece, rimane per sempre un caro amico della protagonista. Dunque se qui c’è comunque un lieto fine, nel manga no.

Candy Candy: episodi, programmazione e sigla

Era il primo ottobre 1976 quando il canale giapponese Asahi Tv mandò in onda il primo episodio di Candy Candy. Il cartone sarebbe poi approdato in Italia 4 anni dopo, diventando uno dei più amati e seguiti da un’intera generazione di bambini e adolescenti. Venne trasmesso in 115 episodi a partire dal 1980 da diverse reti locali e circuiti televisivi, per passare nel 1982 su Canale 5. Inizialmente il cartone animato è andato in onda con il titolo originale, poi nel 1989 Mediaset decise di cambiarlo in Dolce Candy.

Nella prima programmazione sulle diverse reti locali, l’anime è introdotto dalla sigla Candy Candy. La musica è di Mike Fraser e Bruno Tibaldi, arrangiamento di Douglas Meakin e testo di Lucio Machiarella. È cantata dai Rocking Horse. Nella programmazione Mediaset dal 1989, la sigla è Dolce Candy, con musica e arrangiamento di Carmelo Carucci, testo di Alessandra Valeri Manera, ed è cantata da Cristina D’Avena.

I personaggi di Candy Candy

CANDY CANDY – Protagonista della storia.
ANNIE BRIGHTON – Amica del cuore della protagonista, “trovata” lo stesso giorno e cresciuta assieme a lei per dieci anni.
PRINCIPE DELLA COLLINA – È il misterioso ragazzo, vestito con abiti scozzesi e cornamusa, conosciuto sulla collina di Pony.
ANTHONY BROWN ANDREW – Ragazzo di nobili origini, cugino di Archie e Stear e molto somigliante al “principe della collina”.
ARCHIBALD CORNWELL e ALISTEAR (Stearn) CORNWELL: fratelli e grandi amici di Candy, cugini di Anthony
TERENCE GRANCHESTER – Ragazzo impetuoso ma gentile; appassionato di teatro e innamorato di Candy. Sarà il suo fidanzato dal collegio.
ZIA ELROY – La più anziana della famiglia Andrew
WILLIAM ALBERT ANDREW – amico di Candy, è in realtà colui che veglierà su di lei sempre. È il tanto nominato “zio” William, nonché il misterioso “principe della collina.
IRIZA e NEAL LEGAN – Fratelli e inizialmente fratellastri della protagonista, cercheranno di ostacolarla in varie occasioni (soprattutto Iriza).
SIG.RA LEGAN – Mamma di Iriza e Neal e complice della perfidia della figlia
MISS PONY – Donna dal cuore grande, gestisce l’orfanotrofio in cui cresce Candy
PATTY – Amica della protagonista, conosciuta in Collegio

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button