fbpx
NewsTech

Didattica a distanza sicura? I consigli di Avira

Come incrementare la sicurezza delle videoconferenze

La necessità di digitalizzare le lezioni scolastiche avvalendosi di strumenti come Zoom, Teams e non solo, ha posto di fronte a degli inediti scenari di sicurezza informatica. Avira spiega come proteggere le lezioni online dal mirino degli hacker e assicurare una didattica a distanza priva di rischi per gli studenti.

Didattica a distanza, la guida di Avira per renderla sicura e senza intrusioni

L’app di videoconferenza Zoom è entrata più di una volta nel mirino di intrusi e malintenzionati che hanno cercato di sfruttarne le vulnerabilità, dando vita al cosiddetto fenomeno dello “Zoombombing”. Un particolare tipo di molestia informatica in cui utenti indesiderati o non invitati riescono ad accedere alle riunioni su Zoom con l’intento di disturbarle o interromperle.

Queste situazioni, tuttavia, non sono dovute a carenze di Zoom Meeting. Spetta all’host abilitare le funzioni di sicurezza e prendere tutte le misure necessarie per evitare che la videoconferenza venga disturbata.

Come proteggere le lezioni online nelle piattaforme di videoconferenza

Come evitare l’intrusione di persone indesiderate e prevenire situazioni spiacevoli? Ecco una breve guida di Avira che aiuterà a migliorare il livello di privacy e sicurezza quando si utilizza Zoom e ad avere il pieno controllo delle videoconferenze.

Come incrementare la sicurezza quando si utilizza Zoom

didattica a distanza sicurezza zoom
  • Utilizzare sempre un nuovo ID per le videochiamate con un grande numero di partecipanti. Quando viene effettuata l’iscrizione a Zoom, l’app per videoconferenze assegna ad ogni utente un Personal Meeting ID che resta invariato e può essere utilizzato sempre poiché non ha scadenza. È di gran lunga più sicuro generare un codice univoco per ogni singola conferenza.
  • Abilitare la “Waiting Room” (sala d’attesa) per la videoconferenza. Quest’opzione permetterà di visualizzare i partecipanti prima di permettere loro di accedere alla riunione.
  • Disabilitare l’opzione di condivisione dello schermo da parte degli altri partecipanti. Assicurarsi che le persone designate possano utilizzare questa funzionalità per impedire che la videoconferenza venga disturbata.
  • Bloccare l’accesso ad altri partecipanti. Una volta iniziata la riunione e verificati i partecipanti, si può l’accesso alla videoconferenza per altre persone. Per bloccare l’accesso alla videochiamata, fare click su Partecipanti e nel nuovo pannello aperto, premere il pulsante a forma di punti per selezionare Blocca Riunione.
blocco riunione zoom

Come sbarazzarsi delle persone indesiderate su Zoom?

Può capitare che, nonostante tutte le misure prese, qualcuno riesca ad intrufolarsi senza essere notato, oppure che uno dei partecipanti cominci a dare fastidio e creare caos durante il meeting. Tra le varie funzionalità di Zoom sono disponibili anche queste misure che potrebbero aiutare a ripristinare il controllo e l’ordine durante la videochiamata:

  • Eliminare un utente dalla videoconferenza Zoom. Per eliminare un partecipante durante la riunione, posizionare la freccia del mouse sul suo nome. Cliccando su Altro, si visualizzeranno alcune opzioni fra cui anche Rimuovi.
  • Disattivare l’audio di un partecipante. Nel caso in cui non si desideri eliminare la persona, si può scegliere di “zittirla”. Per farlo, in corrispondenza del nome cliccare su Chiedi di disattivare l’audio. Scorrendo verso il basso, troverete anche l’opzione Silenzia tutti che permetterà di disattivare l’audio di tutti i partecipanti alla videoconferenza contemporaneamente. Come misura supplementare, è possibile cliccare di nuovo sul pulsante a forma di punti e deselezionare l’opzione Consenti ai partecipanti di riattivare il proprio audio. Una volta disattivata quest’opzione, i partecipanti della riunione, se silenziati, non potranno più riattivare il proprio microfono.

Per proteggersi da eventuali attacchi informatici, il consiglio è quello di utilizzare una soluzione come Avira Free Security.

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button