fbpx
Cultura

Le donne sanno gestire molto bene i propri risparmi

Il rapporto tra le donne e i propri risparmi si è sviluppato moltissimo nel tempo, in particolare negli ultimi anni. Basti pensare che negli anni ’70 solo una donna su tre aveva un lavoro, mentre ora siamo sul 50% e il dato è in crescita. Questo chiaramente comporta una maggiore indipendenza economica e la necessità di gestire il proprio denaro. E a quanto pare le donne sono davvero molto brave a farlo.

Uno studio rivela che le donne sanno gestire al meglio i risparmi

A rivelarlo (o a confermarlo?) è l’analisi condotta da N26, mobile bank che ha intervistato un pool di donne italiane tra i 16 e i 64 anni. Circa l’81% di queste ha dichiarato di pianificare attentamente i propri risparmi su base annuale, con obiettivi precisi. Non solo, ma l’84% di questo gruppo ha dichiarato di essere riuscita a raggiungerli con soddisfazione.

Come hanno fatto? In molti casti (87%) tramite il controllo delle spese e rivedendo il proprio stile di vita per affrontare budget più ridotti del previsto (36%). Il 13% delle intervistate ha fatto anche una piccola ammissione di colpa, ammettendo di aver speso in alcuni casi troppo per degli extra. Questi sono nei campi dove le clienti di N26 sono più attive: shopping, viaggi, cibo e spese per lavoro.

È interessante un dato sul rapporto con lo shopping digitale. Il 70% delle donne infatti opta per il negozio (contro il 60% degli uomini) e al momento di pagare il 66% sceglie una soluzione digitale. Viceversa, i contanti alla consegna per gli acquisti sul web sono apprezzati solo dal 14% delle intervistate. E infatti, il numero di clienti donna di N26 è cresciuto del 142% nello scorso anno.

Tutto ottimo anche sul fronte investimenti. Il 97% delle donne sostiene di aver gestito in maniera smart i propri risparmi, con solo il 3% in perdita. Grandi risultati che, ancora una volta, abbattono gli stereotipi.

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button