fbpx
CulturaScienza

Due famiglie di api protagoniste di un progetto di bio-monitoraggio a Milano

Al via il progetto API4API promosso da Cisco Italia, A2A, Apicolturaurbana.it e Talent Garden. Si parte da Milano con due famiglie di api come protagoniste.

API4API: l’interessante progetto di bio-monitoraggio delle api

Il progetto parte dalla sede di Talent Garden, in Via Calabiana a Milano, dove Apicolturaurbana.it ha installato due alveari dotati di sensori IoT di A2A. Questi, resi sicuri dalle tecnologie Cisco, raccoglieranno dati sull’attività delle api. Informazioni preziose, soprattutto per analizzare la qualità dell’aria fino a un raggio di 4 km di distanza. Una seconda installazione è prevista presso Comunità Nuova e, nel breve futuro, seguiranno altre installazioni in diversi quartieri milanesi. In totale si prevede di arrivare a 10 punti di monitoraggio.

“Si sente sempre più spesso parlare di Green & Blue, ovvero dell’applicazione della tecnologia a supporto della sostenibilità ambientale”, ha commentato Fabio Florio, Business Development Manager e Innovation Center Leader di Cisco Italia. “Con questo progetto abbiamo voluto mostrare cosa concretamente è possibile fare. La collaborazione con A2A, Apicolturaurbana.it e Talent Garden ci porterà anche oltre: creeremo infatti un vero e proprio laboratorio IoT, aperto a tutti dove, grazie alle soluzioni tecnologiche implementate, sarà possibile sensibilizzazione i visitatori al tema della sostenibilità ambientale”.

L’importanza del co-working

API4API nasce dal progetto comune di diverse realtà. Se A2A è in grado di fornire tecnologie IoT avanzate, Cisco mette a disposizione la propria rete di cybersecurity. Allo stesso modo Apicolturaurbana.it può occuparsi dell’installazione degli alveari e Talent Garden di costruire un vero e proprio laboratorio IoT a cielo aperto. Un esempio di studio delle biodiversità messo in campo da settori specializzati.

“Siamo il primo spazio di coworking urbano in Italia che partecipa a un’iniziativa del genere. Questo perché Talent Garden non è semplicemente un grande ufficio condiviso: vogliamo far vivere delle vere e proprie esperienze “formative” ai nostri membri – spiega Alessandro Braga, CDO di Talent Garden -, che siano non solo innovative e guidate dal digital, ma anche in grado di innescare conversazioni di valore su temi importanti come, in questo caso, la sostenibilità. L’installazione delle due arnie è un’occasione importante per mostrare come tecnologia e natura possano andare a braccetto e soprattutto fare divulgazione sul tema ambientale”.

Se considerate che una sola ape bottinatrice visita in media tra i 2000 e i 3000 fiori al giorno èfacile dedurre come le api possano rappresentare delle vere e proprie sentinelle dell’ambiente.” spiega Giuseppe Manno, Fondatore del progetto ApicolturaUrbana.it. ”Un solo alveare eseguecentinaia di migliaia di micro campionamenti giornalieri tra le varie matrici ambientali (aria, acqua,suolo), dagli organismi vegetali (polline, nettare, resine/propoli) e da altri insetti in un’area di circa 7km quadrati”.

Nasce ApeDigitale

Proprio Ivan Riservato, apicoltore e ambassador di Apicolturaurbana.it, insieme ad Andrea Garattini, ha dato vita ad ApeDigitale. Trattasi di un sistema di monitoraggio, robusto, flessibile ad un costo adatto a tutti gli apicoltori. Un modello di business etico e sostenibile. Questo sistema è utilizzato per monitorare l’apiario di Talent Garden integrato con l’infrastruttura di A2A.

Il laboratorio sarà a disposizione di cittadini e scuole per visite guidate in qualunque momento e giorno della settimana, data la sua collocazione in una zona strategica della terrazza, che garantisce alta visibilità e sicurezza dei visitatori.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button