fbpx
AttualitàCulturaNews

Facebook costretto a vendere Giphy?

Secondo quanto riportato dal portale Reuters, Facebook potrebbe dover vendere Giphy, portale di raccolta GIF, a causa di problemi di concorrenza nel Regno Unito. Non è la prima volta che le autorità dei singoli paesi obbligano i giganti del web a rivedere i loro business plan.

Facebook potrebbe essere costretto a vendere Giphy

Non finiscono i problemi per i giganti del web alle prese con le varie autorità dei singoli paesi. Secondo quanto riportato dal portale Reuters, il garante per la concorrenza inglese (CMA) starebbe valutando se le azioni di Facebook relative al sito Giphy siano lecite o meno. Giphy è infatti una piattaforma di raccolta GIF di proprietà di Facebook, cosa che secondo il CMA crea un conflitto di interessi che danneggia fortemente la concorrenza.

Il risultato, sempre stando a Reuters, è che Facebook potrebbe essere costretta a vendere Giphy. I portavoci di Mark Zuckerberg hanno espresso la loro perplessità per l’indagine inglese, ma hanno affermato che collaboreranno per chiarire qualsiasi dubbio.

Zuckerberg acquistò il sito di GIF proprio lo scorso anno, per un accordo dal valore di 400 milioni di dollari. Da allora sia Facebook che Instagram hanno cominciato ad implementare le GIF del sito sulle rispettive piattaforme. La paura delle autorità è proprio che Facebook possa escludere gli altri competitor dal mercato display. C’è da dire che, al momento, il social più famoso del mondo ha accordi relativi alle GIF anche con Tenor, di proprietà di Google.

Staremo a vedere come si svolgerà la vicenda, che per ora sembra destinata a trascinarsi almeno fino a settembre.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button